Potassio alla paziente: ergastolo per la Poggiali

Ergastolo. Dopo quasi otto ore di camera di Consiglio, è questa la sentenza dei giudici della corte d’assise di Ravenna che hanno usato la pena massima per chiudere il caso di Daniela Poggiali, la 44enne ex infermiera dell’ospedale Umberto I di Lugo

Daniela Poggiali in tribunale a Ravenna

Ergastolo. Dopo quasi otto ore di camera di Consiglio, è questa la sentenza dei giudici della corte d’assise di Ravenna che hanno usato la pena massima per chiudere il caso di Daniela Poggiali, la 44enne ex infermiera dell’ospedale Umberto I di Lugo, nel ravennate, accusata di avere ucciso una sua paziente 78enne iniettandole la mattina dell’8 aprile 2014 una dose letale di potassio. Quando il presidente della corte, Corrado Schiaretti, ha letto la sentenza, la Poggiali ha abbassato gli occhi e scosso la testa, prima di essere riportata nel carcere di Forlì.

La Procura aveva chiesto per l’imputata l’ergastolo più l’isolamento diurno per un anno e mezzo, che è stato invece escluso, come l’aggravante dei motivi abbietti. Alla base della condanna invece ci sono la premeditazione e l’uso del mezzo venefici. Concessa una provvisionale da 150mila euro ai due figli della vittima. La difesa ha invece concluso per l’assoluzione piena

Annunci

Commenti

venco

Ven, 11/03/2016 - 21:39

E' una cosa strana un ergastolo oggi, eravamo tutti abituati a sentire pochi anni

tiromancino

Ven, 11/03/2016 - 22:19

Ergastolo,quasi una parola desueta,nel proseguo dei vari giudizi cambierà

Fjr

Ven, 11/03/2016 - 23:58

bene questa era l'unica decisone da prendere

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 12/03/2016 - 00:29

Avrà finito di sghignazzare.

ALBACHIARA333

Sab, 12/03/2016 - 02:07

QUANDO IL GIUDICE HA LETTO LA SENTENZA, LA SCIAGURATA NON HA PIÙ SORRISO BEFFARDEMENTE COME NEI SUOI SELFIE VICINO ALLE POVERE VITTIME O COME QUANDO L'HANNO ARRESTATA, FINALMENTE UN PO' DI GIUSTIZIA

un_infiltrato

Sab, 12/03/2016 - 02:26

Quindi, Signori miei, facciamo ammenda e scusa. Non è vero che i Giudici siano tutti "uguali". Esiste, eccome, la Magistratura.

rossini

Sab, 12/03/2016 - 08:32

Questa donna (sarebbe meglio dire questa iena ridens) è la peggiore di tutti. La si sbatta in galera e si butti la chiave.

Albius50

Sab, 12/03/2016 - 08:32

Tutto sommato sarebbe anche la GIUSTA PENA, però ho il sospetto che i MAGISTRATI usino due pesi due misure, troppi casi in ITALIA di pene da ERGASTOLO, pensiamo proprio a MASO che uccise i genitori.