Per prevenire gli abusi dei pedofili arrivano le bambole gonfiabili che sembrano bimbi

L'idea arriva dal Giappone, dove una fabbrica produce questi manufatti da più di dieci anni. Ma i sessuologi avvertono: "a volte così si aumenta solo la frustrazione dei pedofili"

L'idea farà senza dubbio discutere: un'azienda giapponese vende una linea di bambole gonfiabili con le fattezze di bimbi e bimbe piccolissimi. Addirittura di cinque anni.

Shin Takagi, intervistato da The Atlantic, è impegnato da più di un decennio per soddisfare le fantasie erotiche dei pedofili di tutto il mondo. In modo - parole sue - "etico e perfettamente legale."

"Dovremmo accettare che non è possibile modificare alcune fantasie sessuali - spiega l'imprenditore giapponese - Io aiuto le persone ad esprimere le proprie fantasie in modo etico e legale. Non vale la pena di vivere se non si possono liberare i propri desideri." Takagi è infatti convinto che le proprie "creature" di lattice salvino molti bimbi dagli abusi.

I clienti sarebbero principalmente uomini che vivono soli e che a volte ringraziano la fabbrica di Takagi per averli aiutati ad "impedire che venisse commesso un reato." La sua teoria, però, non è provata: il sessuologo Michael Seto dell'università di Toronto, intervistato sempre da The Atlantic, sostiene che alcuni pedofili possano sentirsi appagati dalle bambole, mentre altri potrebbero solo sentirsi più frustrati.

Annunci
Commenti
Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 14/01/2016 - 12:32

A me pare una buona idea. Non si deve condannare nessuno per le proprie fantasie sessuali. Due adulti consenzienti devono essere liberi di mettere in atto le loro fantasie. Nel caso dei pedofili ciò non è possibile, per il fatto appunto che uno è un minore. Non condanno i pedofili in quanto tali, ma solo quelli che vogliono mettere in atto le loro pulsioni.

ziobeppe1951

Gio, 14/01/2016 - 12:39

Sono sicuro che nei paesi arabi avrà molto successo

joecivitanova

Gio, 14/01/2016 - 16:26

...be' anche in quelli Europei...se non sbaglio...o no!!.. Giuseppe.