Processo Yara: duro scontro in aula

Alta tensione stamattina in aula per la nuova udienza del processo a Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio. Nel corso di una discussione tra accusa e difesa, il pm Letizia Ruggeri ha avuto un vivace scambio di opionioni con l’avvocato Claudio Salvagni

Alta tensione stamattina in aula per la nuova udienza del processo a Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio. Nel corso di una discussione tra accusa e difesa, il pm Letizia Ruggeri ha detto all’avvocato Claudio Salvagni: "Queste cose andate stasera a dirle in tv" riferendosi alle numerose ospitate televisive del legale, che le ha risposto: "E voi consegnate il video tarocco", parlando del furgone di Bossetti. Lo stesso pubblico ha commentato ad alta voce il battibecco, tanto che il giudice Antonella Bertoja ha minacciato di proseguire l’udienza a porte chiuse.

L’udienza di stamattina al processo a Massimo Bossetti è iniziata con una polemica sui dati grezzi del Dna dell’imputato, cioè quelli che attestano il procedimento con cui i Ris hanno stabilito che il Dna trovato sugli slip e sui leggings di Yara appartiene a Ignoto 1, cioè Massimo Bossetti secondo l’accusa. Gli avvocati difensori Salvagni e Camporini hanno chiesto che siano recuperati tutti i dati grezzi e il pm Letizia Ruggeri ha risposto che non è possibile, e che ci si deve limitare ai dodici profili in cui compare il Dna di Ignoto 1. Questo secondo Salvagni, "lederebbe il diritto di difesa. Sono sconvolto - ha continuato - per il caos che regna nella conservazione dei dati". I giudici si sono ritirati in Camera di Consiglio e hanno deciso di che saranno messi a disposizione della difesa i dati dei dodici profili, come chiesto dall’accusa, con una piccola integrazione. Ci vorranno però due settimane per consegnare i dati richiesti.

Commenti

maricap

Ven, 13/11/2015 - 12:09

Seconda parte - Da quanto sopra riportato, si evince che, il tarocco semmai lo ha fatto, chi ha cercato di far passare come contraffatto il filmino, assemblato con le parti salienti dell'evoluzioni del Camioncino. Questo non è un processo politico, dove certa magistratura interpreta di tutto e di più, e Bossetti quindi avrà quel che si merita, anche in considerazione che non trattasi del solito migrante, sempre difeso ad oltranza, dai soliti noti. Amen.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 13/11/2015 - 12:48

Cara maricap, il filmato di un furgoncino che cerca il parcheggio non è una prova. Così come non lo è un'auto parcheggiata vicino al rimorchio di un aliante. Così come non lo è andare a farsi le lampade dall'estetista. Le uniche "prove" sarebbero le visioni nella sfera di cristallo del DNA dove nessuno può guardarci dentro... se non la pitonessa Ruggeri.

cicero08

Ven, 13/11/2015 - 17:01

cosa ci riserverà ancora questa ardita sceneggiatura???

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 13/11/2015 - 18:27

Il Tribunale è la seconda volta che viola le regole giudiziarie a favore dell'accusa! Quando i due analisti non hanno saputo rispondere e presentare documentazione sulle analisi effettuate sul DNA. Su decisione del Tribunale i dati grezzi erano già stati presentati, la mancanza di risposte adeguate e documentate da parte degli analisti del RIS, doveva portare alla immediata chiusura del processo e assoluzione del Bossetti. Non potevano rispondere che non si ricordavano o che non avevano i documenti dopo oltre un anno e mezzo. Il Tribunale pur sapendo che, qualunque fosse stata la risposta dei RIS, si doveva procedere all'assoluzione di Bossetti, oggi hanno assurdamente rimandato di ulteriori due settimane l'acquisizione dei dati che già avevano ordinato di consegnare alla Difesa da oltre un mese. Siamo in piena violazione delle regole, a questo punto occorre pensare che anche il Tribunale stia progettando di condannare Bossetti a prescindere e alterando le corrette procedure.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 13/11/2015 - 18:30

Il Tribunale è la seconda volta che viola le regole giudiziarie a favore dell'accusa! Quando i due analisti non hanno saputo rispondere e presentare documentazione sulle analisi effettuate sul DNA. Su decisione del Tribunale i dati grezzi erano già stati presentati, la mancanza di risposte adeguate e documentate da parte degli analisti del RIS, doveva portare alla immediata chiusura del processo e assoluzione del Bossetti. Non potevano rispondere che non si ricordavano o che non avevano i documenti dopo oltre un anno e mezzo. Il Tribunale pur sapendo che, qualunque fosse stata la risposta dei RIS, si doveva procedere all'assoluzione di Bossetti, oggi hanno assurdamente rimandato di ulteriori due settimane l'acquisizione dei dati che già avevano ordinato di consegnare alla Difesa da oltre un mese. Siamo in piena violazione delle regole, a questo punto occorre pensare che anche il Tribunale stia progettando di condannare Bossetti a prescindere, alterando le corrette procedure.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 13/11/2015 - 18:46

Leggere questi articoli da cui si evince che Bossetti oggi, Venerdi 13 Novembre, avrebbe dovuto essere assolto dal Tribunale, invece stanno violando le procedure giudiziarie: http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11846437/Meredith-e-la-regola-del-3.html http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11846127/Troppi-dubbi-sul-dna-di-Bossetti.html

Anonimo (non verificato)