Puglia, la Corte dei Conti: illegittimo l'aumento di stipendio dei consulenti legali M5S alla Regione

Ora i consiglieri grillini dovranno restituire 2mila 400 euro di tasca propria all'Ente

Un aumento di stipendio illegittimo di quattrocento euro a testa, quello dato a Gennaio, Febbraio e Marzo, alle consulenti legali del Movimento Cinque Stelle che avevano un contratto con la Regione Puglia a partire dal 10 Aprile 2017. A stabilirlo la sezione della Corte dei Conti di Bari che ha chiesto, in ragione del provvedimento appena emesso dai giudici contabili, di "correggere" l'errore restituendo alle casse dell'Ente regionale la somma di 2mila e 400 euro. L'ipotesi, ora, è che i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle dovranno restituire di tasca propria la somma.
La clamorosa notizia è apparsa sul quotidiano regionale "La Gazzetta del Mezzogiorno".
La Corte dei Conti si è pronunciata sulla vicenda con un rilievo ben preciso. Ed è il "dettaglio" che ha creato il caso. I nuovi contratti delle consulenti legali del gruppo M5S alla Regione Puglia sarebbero stati sottoscritti il 10 aprile dello scorso anno, ma, secondo la magistratura contabile, il Movimento 5 Stelle avrebbe pagato i consulenti con uno stipendio più alto (2mila 400 euro anziché 1900), conformemente al nuovo contratto, già da gennaio.
Colpa di un refuso, avrebbe risposto alla gaffe i grillini. A quanto pare sarebbe stata scritta manualmente la data di inizio sul contratto e questo avrebbe creato confusione. Anche sul sito istituzionale del consiglio regionale, il nuovo contratto delle consulenti legali decorre dal 10 aprile 2017. Pertanto esse non avrebbero avuto diritto all'aumento di stipendio percepito e ora dovranno restituire le somme in più.
Soprattutto, nel pronunciarsi, la sezione pugliese della Corte dei Conti ha sottolineato come i "grillini" non abbiano provato effettivamente in modo convincente che i contratti siano stati stipulati prima della data di aprile.

Commenti

ARGO92

Lun, 09/04/2018 - 02:11

L ARMATA BRANCALEONE OGGI CHIAMATA M5STALLE DOPO AVER SENTITO IL GUSTO DELLA MARMELLATA NE VUOLE SEMPRE DI PIU E CHI LI FERMA PIU STI MORTI DI FAME ALLA FACCIA DELLA TRASPARENZA HAHA

tonipier

Lun, 09/04/2018 - 08:38

" INCOMINCIANO BENE A SOTTRARRE GLI SPICCIOLI I NOSTRI BENEFATTORI" Lo sfruttamento" del popolo "ITALIANO" ad opera dei suoi scagnozzi rappresentanti politici incapaci.