Quali benefici dalla cosmetica personalizzata

Consigliare a qualcuno i cosmetici che abitualmente utilizziamo? Assolutamente possibile, ma per certi versi un po' fuori moda. Da qualche anno anche in Italia si sta diffondendo l'abitudine (nata in Gran Bretagna e molto diffusa negli Stati Uniti) di farseli preparare su misura ( tailor made ), come se fossero abiti, scarpe o profumi.

Al di là di quelle che possono essere mode o esigenze di marketing o di business, con la personalizzazione mirata, secondo alcuni dermatologi è possibile evitare quei principi a cui siamo intolleranti, contenuti nei prodotti da banco «già pronti», ma possiamo invece fare il pieno di quelli a noi più necessari. Il lato negativo è il costo, quello dei prodotti personalizzati è indubbiamente superiore rispetto a quello dei prodotti reperibili in profumeria, farmacia o nella grande distribuzione. È bene specificare che, mode a parte, in commercio la gran parte dei cosmetici non comporta alcun rischio di utilizzo. Sono assolutamente sicuri perché dietro ogni preparazione ci sono anni di ricerche scientifiche.

Un esempio, sono le creme di ultima generazione ormai famosissime, tra le quali: le BB cream (le blemish balm anti imperfezioni); le CC cream (le color control cream , ossia le creme per il controllo del colore) o le più attuali DD cream , una combinazione delle prime due che comprende anche fattori idratanti, di protezione solare e anti-aging .

«Le grandi aziende, oltre a testare sempre ogni prodotto, impiegano tecnologie ultra collaudate tramite apparecchiature sofisticate e costose che invece i laboratori più piccoli non possono permettersi», spiegano i ricercatori dei laboratori Shiseido (sempre all'avanguardia nello sviluppo e nella ricerca). Tornando al discorso della personalizzazione, alcuni dermatologi, previa visita, check-up, individuazione del fototipo, ecc, prescrivono formulati glicemici con i quali poi ci si può rivolgere alle farmacie che hanno laboratori interni (seri) in grado di fare eseguire e certificare prove di sicurezza ed efficacia, e che dimostrino l'assoluto beneficio e la tollerabilità del prodotto (è il caso delle preparazioni magistrali, eseguite su ricetta del cosmetologo in farmacia). I metodi utilizzati nella personalizzazione cosmetica sono molteplici; una famosa catena di profumerie attraverso i sensori di un macchinario all'avanguardia studia le caratteristiche della pelle per poi creare il prodotto a noi più consono. Ma ci sono anche case e cliniche cosmetiche (Academiadayclinic) che - previo un semplice test del Dna (con un prelievo non invasivo di cellule della mucosa dell'interno guance, analizza le mutazioni dei geni che influenzano, a esempio, la capacità di invecchiamento cutanea e l'aumento più o meno precoce della rugosità) - inviano direttamente a casa sieri e creme.