Quando Fico "leva" la parola

"La lingua italiana è oggetto misterioso per i grillini..."

«Vorrei complimentarmi con Vittorio Sgarbi per il magistrale intervento alla Camera di ieri, interrotto da un incredibile Concluda, altrimenti le levo la parola del presidente Fico. La lingua italiana è oggetto misterioso per i grillini. Sono Pinuccio Tarantini, sindaco di Trani fino a sei anni fa del quale Sgarbi, forse, si ricorderà». Questo messaggio mi ha incuriosito, per il purismo linguistico che stigmatizza - più che il richiamo, di osservanza procedurale, del presidente ai tempi contingentati degli interventi nelle discussioni alla Camera (un solo minuto «in dissenso» dal gruppo, mortificato nella formula diminutiva di «a titolo personale»: eppure sono riuscito incredibilmente a dire tutto) - la trascuratezza della scelta lessicale: non «togliere la parola» ma «levare la parola». Non ci avevo pensato. Così ho fatto una rapida verifica e, nell'autorevole dizionario Sabatini-Coletti, ho trovato questi significati al verbo «levare»: «Togliere qlcu. o qlco. da un certo posto: l. il figlio dal collegio, i vestiti dalla valigia || figg. l. (o levarsi) qlcu. o qlco. di torno, di mezzo, liberarsi di qlcu. o qlco. che provoca fastidio; anche uccidere | l. le parole di bocca a qlcu., dire esattamente le stesse cose che avrebbe detto lui | l. il pane di bocca a qlcu., privarlo dei mezzi di sussistenza».

Interessante. Esattamente il contrario delle intenzioni del Fico. «Levarmi le parole di bocca»: dire le stesse cose che ho detto io. Con il verbo «levare» ha espresso l'opposto del suo pensiero.

Commenti

maricap

Ven, 08/06/2018 - 14:26

Ma che ce voi fa, dai centri sociali arrivano questi qua.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 08/06/2018 - 16:15

A me colpisce molto questo Presidente del Senato per la sua somiglianza fisica con Renato Curcio. E la cosa non mi da pace. Non riesco proprio a capire come possa essere stato scelto per quel ruolo. - 16,15 - 8.6.2018

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Ven, 08/06/2018 - 16:30

Dario, Dario...è la Camera ad essere presieduta dal Fico. E poi, sei proprio certo che colpisce a te? e non ti dà pace?

Yossi0

Ven, 08/06/2018 - 16:59

evidentemente ha frequentato la stessa scuola di giggetto

neucrate

Ven, 08/06/2018 - 17:06

Penso quanto ingiustizie ci siano nella vita, Di Maio ministro, dopo aver umiliato Sgarbi alle ultime elezioni, e come risarcimento non offrono niente, Sgarbi merita un ministero, dategli anche un gabinetto, lui si accontenta, dopo l'umiliazione subita, si accontenta di poco, e poi, lui di gabinetti è davvero un esperto

Ritratto di donat71

donat71

Ven, 08/06/2018 - 17:16

ma chi è questo, un clandestino che viene espulso?

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Ven, 08/06/2018 - 17:39

Dario Mangiulli@@@ Purtroppo è presidente, ma della camera. Come tutti i suoi più recenti predecessori, farà la medesima fine. Purtroppo si pensa che assegnare una carica ad una rapa fa di questa un presidente. Quello che stupisce e che viene definito un governo di estrema destra, mentre codesto attrezzo è l'esempio lampante di cosa è il grillismo. E qualcuno lo ha voluto li....

oracolodidelfo

Ven, 08/06/2018 - 17:40

Avere in Italia Vittorio Sgarbi e non nominarlo Ministro dei beni culturali a vita, mi pare un sacrilegio. Sgarbi avrà anche un caratteraccio ma quando parla di arte, cattura la tua attenzione, ti inchioda alla sedia ed alla fine esclami: è già finito? Almeno così succede a me.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 08/06/2018 - 17:47

Toh! Quando si dice che un errore può essere provvidenziale ! E quando mai avrei potuto far resuscitare il caro Michele Lamacchia ? - Ma, giacchè siamo in tema di sottigliezze verbali, io avrei scritto -..sei proprio certo che colpisce te..- e non -a te- . A parte quest'interrogativo che mi giunge stonato. Perchè è per tutti, suppongo, fastidioso specchiarsi nell'immagine del sanguinario terrorista, oltretutto con stampato sul volto un sottilissimo sorriso di beffa, com'è Roberto Fico. Presidente della Camera. - Comunque, Michele carissimo, è un vero piacere risentirti, ed approfitto per segnalarti il sito di Veneziani - articoli - dove io sono presente quasi ogni giorno. Cordialità.- 17,47 - 8.6.2018

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 08/06/2018 - 17:58

DÀ, DAI O DA’? Dubbi sull’imperativo presente del verbo dare. Gli stessi dubbi si presentano per l’imperativo presente dei verbi fare, stare, andare: fa, fai o fa’? sta, stai o sta’? va, vai o va’? La risposta immediata è che tutte e tre le forme di ciascun verbo sono corrette e quindi usabili. -Da Vikipedia -

fifaus

Ven, 08/06/2018 - 23:41

Dario Maggiulli: cerchi di moderarsi nel bere... Wikipedia (con W) non fa testo. cerchi una buona vecchia grammatica di scuola media!

fabiano199916

Sab, 09/06/2018 - 00:33

Giusta osservazione. Si dice Togliere non Levare la parola

Cosean

Sab, 09/06/2018 - 00:52

Quindi La minaccia alla Meloni, dato che era sgrammaticata, non ha nessuna rilevanza penale vero? Solo gli ......., danno importanza più alla forma che al suo reale contenuto. Per i puntini (contenuto), scelga il termine che più preferisce.

Cosean

Sab, 09/06/2018 - 00:56

Dario Maggiulli A me colpisce molto questo Presidente del Senato per la sua somiglianza fisica con Renato Curcio. E la cosa non mi da pace. Non riesco proprio a capire come possa essere stato scelto per quel ruolo. - 16,15 - 8.6.2018 INCREDIBILE!!! Per favore dimmi che era una battuta!

maria angela gobbi

Sab, 09/06/2018 - 01:13

ho fatto una vignetta:si vedono Di Maio e Fico a colloquio con capi stranieri.."Parlate Italiano?" "Non,Nein..." " Nemmeno noi"

Ritratto di Pictures

Pictures

Sab, 09/06/2018 - 11:45

ai puristi della lingua su queste pagine: levare la parola non equivale a levare le parole di bocca, che è un'espressione idiomatica fissa. La tronchi o la alteri, ne perdi il significato. Ci sta come i cavoli. O come i cavoli a merenda?

Ritratto di Pictures

Pictures

Sab, 09/06/2018 - 12:00

e già che ci siete, in particolare @fabiano199916 e @il sindaco di trani, sfogliate anche la Treccani al lemma parola, accezione 1b. Con riferimento alla realizzazione orale (cioè alla pronuncia e all’articolazione) e alla qualità della percezione uditiva: articolare la p.; proferire una p.; - com inteso da Fico e all'accezione 2b > AL PLURALE, con riferimento spesso non alle singole unità lessicali isolate, ma all’insieme degli elementi che costituiscono il discorso: mi spiegherò, te lo dirò in poche p.; [...} Mi hai TOLTO, o LEVATO, le parole di bocca, mi hai prevenuto in ciò che stavo per dire.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 09/06/2018 - 12:27

Cosean, perchè incredibile? - La Presidenza della Camera dei Deputati è un sito istituzionale che deve innanzitutto produrre il modello rappresentativo esemplare della Nazione. Il signor Fico denuncia nel suo aspetto una degradata cultura sociale ispirata al suo sosia col barbone in odore di anarchìa selvaggia. Oltre al fatto che non ha storia apprezzabile alle spalle, nè l'età carismatica. Praticamente Roberto FICO è il classico insulto alla civiltà dell'Italia. - 12,27 - 9.6.2018

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 09/06/2018 - 13:32

PLEASE --- Cosean, perchè incredibile? - La Presidenza della Camera dei Deputati è un sito istituzionale che deve innanzitutto produrre il modello rappresentativo esemplare della Nazione. Il signor Fico denuncia nel suo aspetto una degradata cultura sociale ispirata al suo sosia col barbone in odore di anarchìa selvaggia. Oltre al fatto che non ha storia apprezzabile alle spalle, nè l'età carismatica. Praticamente Roberto FICO è il classico insulto alla civiltà dell'Italia. - 12,27 - 9.6.2018

rrobytopyy

Sab, 09/06/2018 - 13:55

come siamo buffi, si da più importanza all' irrilevante che al rilevante, per esempio a tutta la maleducazione del super acculturato. povera italietta o meglio povera italiainetta.

Ritratto di orcocan

orcocan

Sab, 09/06/2018 - 14:00

Suggerimeno: Posteriores enim cogitationes sapientiores solent esse -Cicerone-. (I pensieri che vengono in un secondo momento di solito sono più saggi.)

Nick2

Sab, 09/06/2018 - 14:55

Sgarbi inizia con un virgolettato di tal Pinuccio Tarantini da Trani, che, in due righe scarse, oltre a trascurare una virgola, fondamentale per la comprensione della frase, riesce a trovare due rime: “grillini – Tarantini” e “sei anni fa – si ricorderà”, che chiunque eviterebbe. Segue, credo, l’intervento di Sgarbi (probabilmente ubriaco), che si avventura in un guazzabuglio di frasi alla rinfusa completamente indecifrabili, senza un punto, che lasciano il lettore interdetto e soprattutto senza fiato (ci vorrebbe il campione mondiale di apnea per terminare il paragrafo!). Letto questo articolo, penso che potremmo tranquillamente dire “levare la parola” anziché “togliere la parola”, che faremmo comunque miglior figura dei duo purista Tarantini-Sgarbi.