Quell'adolescenza turbata nella scrittura di Erika De Nardo

I segni del disagio emotivo che Erika presentava già a 14 anni e li esprimeva nella sua scrittura

I segni del disagio emotivo che Erika presentava già a 14 anni (vedi scheda di adesione al club di Leonardo di Caprio e successiva lettera a lui indirizzata), sono i seguenti: Ricci verso l'alto in fine di parola segnalano una fantasia galoppante con possibile disturbo del pensiero, che la porta a comportamenti egocentrici.

L’abuso di punteggiatura (vedi punti esclamativi e di domanda) è indice di un tratto istrionico che disturba la personalità interferendo sullo sviluppo emotivo-affettivo. Anche nella lettera all’attore americano si trovano i segnali di disturbo emotivo: disordine nell'inclinazione delle lettere che creano parole un po' inclinate che si alternano ad altre ritte, indice di insicurezza; presenza di puntini delle "i" ossessivamente anneriti, segnale di un narcisismo esasperato che porta la ragazza a specchiarsi continuamente in se stessa e a pretendere che gli altri siano in funzione del suo sentire; ciò comporta un’ansia di prestazione che può essere trasferita in un’ossessività quasi rituale. Nel diario di Erika del 24.8.99 il grafismo appare modificato, ma gli elementi di disagio emotivo sono ancora presenti, anzi si sono rafforzati: la scrittura è decisamente inclinata verso sinistra, indice di un rapporto competitivo che si esprime attraverso contestazioni e reattività verso le figure femminili interferenti. le lettere sono fortemente addossate le une alle altre a segnalare un'ansia esistenziale che toglie calma e lucidità a tutto il vissuto.

Gli abbellimenti esasperati e ripetuti (vedi cuoricini) indicano un sentimentalismo superficiale e un sottofondo di fragilità dell’Io. Da tutto ciò si evince che un intervento grafodiagnostico e psicopedagogico a 14 anni avrebbe forse potuto aiutarla a sedare, se non a risolvere, il rancore tipicamente adolescenziale che, non essendo stato risolto, ha provocato le reazioni incontrollate a tutti note. Ecco il contributo che la grafologia può dare durante la crescita adolescenziale, dove i conflitti verso il genitore di sesso opposto può interferire creando rivalità notevoli che si possono poi protrarre per tutta la vita. Non per questo tutti gli adolescenti arrivano ad azioni cruente: la prevenzione educativa, tuttavia, permettendo la conoscenza, aiuta a risolvere i naturali conflitti dell’età.

Commenti

Linucs

Sab, 27/08/2016 - 11:32

Vabbé ciao.

Klotz1960

Sab, 27/08/2016 - 11:58

Ma che facile trovare patologie nella scrittura di criminali - DOPO i crimini. Che bello sport! Come scommettere sulle partite DOPO aver saputo il risultato..... Avvisatemi quando ci riuscirete PRIMA dei crimini.

Ritratto di ohm

ohm

Sab, 27/08/2016 - 14:53

Quante belle parole sprecate. .... è un assassina e come tale non si può scusare con le belle parole della grafologia. .solo il padre può scusarla....che grad'uomo! I disagi! ..?!! Che bella scusa .......

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 27/08/2016 - 16:06

..“gli abbellimenti esasperati e ripetuti (vedi cuoricini) indicano sentimentalismo superficiale e fragilità dell’Io…” macchecosadice..?! a quattordici anni è più che normale scrivere con cuoricini fiori e cose simili. sarebbe un problema se non lo si facesse- e poi… semmai un aiuto alla crescita adolescenziale in caso di problemi, lo può dare uno psicologo infantile, uno psicoterapeuta, un psicoanalista, magari iscritto all’albo, non certo un grafologo.- che se analizzasse le migliaia di quattordicenni attuali… ne troverebbe ben pochi sani..visto che praticamente TUTTI scrivono con cuoricini. aquelletà.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 27/08/2016 - 20:59

A prescindere, è decisamente inaccettabile questo incarico assegnato alla Crotti, che pare abbia il compito di emettere una seconda sentenza con marchio peritale fuori dalla temporalità processuale, che di per se ha già costituito strazio ad ampio spettro. Oltretutto diffonde una sensazione di fanatismo professorale monocorde, al riparo da critiche di merito competenti. Quanti altri interventi dobbiamo attenderci? Per cortesia, basta. -riproduzione riservata- 21,25 - 20.8.2016 - Questo commento l'ho inviato al precedente intervento della Crotti

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 27/08/2016 - 21:01

A prescindere, è decisamente inaccettabile questo incarico assegnato alla Crotti, che pare abbia il compito di emettere una seconda sentenza con marchio peritale fuori dalla temporalità processuale, che di per se ha già costituito strazio ad ampio spettro. Oltretutto diffonde una sensazione di fanatismo professorale monocorde, al riparo da critiche di merito competenti. Quanti altri interventi dobbiamo attenderci? Per cortesia, basta. -riproduzione riservata- 21,25 - 20.8.2016 - Questo commento l'ho inviato al precedente intervento della Crotti - 21,02 - 27.8.2016

simone2

Dom, 28/08/2016 - 07:21

Ma non vi vergognate a giustificare una criminale,se è donna se ne trova sempre ogni giustificazione per ammorbidire il crimine, mentre se è uomo, è un mostro e basta non è vero??????

simone2

Dom, 28/08/2016 - 07:23

Se è uomo a commettere un gesto del genere si dice sempre che è un mostro e basta, senza sconti, mentre se è donna si cerca sempre di giustificare, ammorbidendo fortemente i toni con articoli del genere, da vergognarsi!!!!!!

fisis

Dom, 28/08/2016 - 09:42

Ho una pessima calligrafia (mi consola e tranquillizza il fatto che per molti medici è altrettanto), mi devo preoccupare? Eppure, ho trascorso indenne l’adolescenza senza aver ucciso nessuno. Non so se la mia scrittura “pende” a destra o a sinistra, certo non ho mai inserito cuoricini o disegnini vari. La grafologia, al pari dell’astrologia, è solo gioco sciocco, non scienza.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 28/08/2016 - 09:53

PREGO TRASMETTERE --- A prescindere, è decisamente inaccettabile questo incarico assegnato alla Crotti, che pare abbia il compito di emettere una seconda sentenza con marchio peritale fuori dalla temporalità processuale, che di per se ha già costituito strazio ad ampio spettro. Oltretutto diffonde una sensazione di fanatismo professorale monocorde, al riparo da critiche di merito competenti. Quanti altri interventi dobbiamo attenderci? Per cortesia, basta. -riproduzione riservata- 21,25 - 20.8.2016 --- Ho inviato questo commento già nel precedente della Crotti, sempre valido. -9,52 - 28.8.2016

orione43

Dom, 28/08/2016 - 10:55

Siamo un popolo di giudici saccenti pronti a colpire a destra e manca , in tutti i commenti il solo che condivido è quello di Ohm. Nessuno può giudicare più del padre che ho sempre ritenuto sin dall'inizio una persona saggia. e mi associo dicendo un grand' uomo.