Quell'sms segreto di Salvini per fare pace con Gattuso

L'allenatore del MIlan e il ministro dell'Interno si sono sentiti con un sms. La mano tesa di Salvini a Gattuso dopo lo scontro sui cambi con la Lazio

Matteo Salvini allo stadio a Roma c'era. Il Milan, squadra che tifa da anni, gli stava per regalare una vittoria tutta di cuore se non fosse arrivato Correa a infrangere i desideri rossoneri (e del leghista). La corsa Champions è tornata così una sfida aperta e il pareggio all'ultimo respiro ha lasciato l'amaro in bocca al ministro-tifoso. Che a fine partita, attorniato dai cronisti, si è lasciato andare ad una critica nei confronti di Gennaro Gattuso detto "Ringhio". E ne è nato un putiferio.

Il suddetto "Ringhio", infatti, non ha preso benissimo le critiche del titolare del Viminale per quei cambi mancati a pochi minuti dal fischio finale. In conferenza stampa l'allenatore del Milan lo ha detto chiaramente, invitando Salvini a "pensare alla politica, perché abbiamo problemi molto grandi in Italia. E se ha tempo di pensare anche al calcio, vuol dire che siamo messi proprio male".

Il giorno dopo, smaltito l'1 a 1 a pochi secondi dal triplice fischio, il ministro dell'Interno ha teso la mano verso il mister rossonero. "Gattuso è il miglior allenatore che il Milan possa avere, io ho solo parlato da tifoso - ha detto - Anzi, guardate, sapete che faccio? Tra mezz’ora gli telefono". Secondo quanto scrive il Corriere, però, i due non si sarebbero sentiti telefonicamente. Si sarebbero però scambiati un sms. Con scritto cosa? Impossibile dirlo.

Commenti

stefi84

Mar, 27/11/2018 - 13:09

E' comprensibile, anch'io mi arrabbio se la mia squadra non vince, ma per fortuna vince sempre (e non è la Juventus...);)