"Questo è ciò che resta dei due piloti russi"

Un sito vicino ai ribelli siriani pubblica la foto di un crocifisso e dell'icona di una Madonna con Bambino che sarebbero appartenuti ai due piloti russi

Un'icona della Madonna con il Bambino e un crocifisso di foggia ortodossa.

Questi i monili che sarebbero stati sottratti ai due piloti russi che guidavano il caccia russo abbattutto sopra i cieli del Medio Oriente dalle forze armate turche questa mattina. La foto è stata postata tra gli altri dal gruppo "Syrian Revolution", composto di ribelli anti-Assad.

La formazione vicina al Syrian Free Army ha pubblicato l'immagine sul proprio profilo Facebook con una frase che fa rabbrividire: "Questo è ciò che resta del pilota venuto dall'estero per uccidere bambini in Siria". Insieme all'icona e al crocifisso compaiono anche alcuni appunti in cirillico con delle cifre che potrebbero corrispondere a numeri d'emergenza.

Resta da appurare se appartengano effettivamente a uno dei piloti abbattuti oggi.

Commenti
Ritratto di calbert65

calbert65

Mar, 24/11/2015 - 19:02

Ripeto.. solo le MERDE uccidono i piloti...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 24/11/2015 - 19:13

i bambini li uccidete voi, bastardi!!!!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 25/11/2015 - 09:20

@calbert65 Mi spiega la sua doppia morale? Se i piloti russi bombardano comodamente i ribelli anti Assad senza fare distinzione su chi viene ucciso va bene mentre se i suddetti ribelli uccidono i russi che li stanno bombardando dall'alto no? L'azione in cui è stato abbattuto l'aereo russo NON ERA CONTRO L'ISIS!!!! Questo le è chiaro o no? In base a quale diritto la Russia interviene col proprio esercito in una guerra civile in Siria? E' dal primo giorno di guerra che l'Onu denuncia che i raid in Siria della Russia sono rivolti più all'opposizione anti Assad che alle postazioni dell'Isis. Gli Stati Uniti e la Francia non bombardano l'esercito governativo siriano.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 25/11/2015 - 09:24

Posso non provare alcuna comprensione nei confronti di questi due sventurati? Sono stati mandati a uccidere miliziani di un esercito che non ha aggredito la Russia e che non appartengono all'Isis. Quindi con quale giustificazione hanno agito?

giusemau

Mer, 25/11/2015 - 11:26

ancora c'è chi prova a dire che non è anche una guerra di religione....oltre che di possesso territoriale per il gas ed il petrolio...chi non lo vuol vedere è in malafede.

Ritratto di thunder

thunder

Mer, 25/11/2015 - 11:40

El presidente,curati!secondo te' con chi stanno i ribelli anti Assad,e chi li appoggia con armi? quando leggo tuoi post,ricordo la barzelletta di quello che aveva dolori ai zebedei per via delle mutande strette e al posto di cambiare taglia si e' fatto tagliare gli zebedei.

alfiuccio78

Mer, 25/11/2015 - 13:17

@Al Presidente: parlando di Diritto Internazionale, gli unici autorizzati ad operare in Siria sono proprio i Russi, a seguito della lettera ufficiale di Assad, che chiedeva formalmente aiuto militare alla Russia. In questo ambito i Russi possono bombardare sia l'Isis che organizzazioni militari volte a destabilizzare un Paese Sovrano, a prescindere che questo faccia comodo o meno agli Ameri-cani. Nel merito poi dell'abbattimento, per lo sconfinamento Russo (al momento presunto) la Turchia ha voluto punire la Russia perchè opera proprio nella zona dove i terroristi dell'Isis passano indisturbati da e per la Turchia (notoriamente connivente) e per i recenti bombardamenti massicci alle raffinerie e depositi di petrolio gestiti dall'Isis che sono oggetto di un florido commercio di greggio con (guarda chi?) il figlio di Erdogan. Da notare poi che crivellare di colpi un soldato inerme in fase di paracadutaggio d'emergenza, è vietato dalla Convenzione di Ginevra.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 25/11/2015 - 14:00

@thunder Quelli che sono stavano per essere bombardati appartenevano all'esercito libero siriano, composto principalmente da disertori dell'esercito governativo (forse non lo sai ma ben prima che noi conoscessimo la parola Isis in Siria era cominciata una guerra civile) che combattono, legittimamente, per abbattere Assad, riforniti dagli americani e a cui dell'Isis non frega essenzialmente una sega. Fatta eccezione per l'ultimo io invece i tuoi post non li leggo eprchè evidentemente sei molto confuso e non hai nulla di interessante da dire ......