Questo è il governo dei padri, dei figli e dello Spirito santo

Il governo Renzi è un po' come il mistero della Trinità, fatto di padri, figli e spiriti santi. Paradossale, no? Il premier non ha rischiato di cadere sulla sua sostanziale inconcludenza come gli ha ricordato anche ieri il suo primo sponsor, ora deluso, Giuliano Ferrara su Il Foglio ma sulle Parentopoli. Prima il caso del Rolex regalato al figlio del ministro Maurizio Lupi, costretto alle dimissioni, poi la mozione di sfiducia per i guai combinati in banca Etruria dal padre della Boschi, quindi le dimissioni della ministra Federica Guidi travolta dagli impicci del compagno con le società petrolifere. E detto che il premier ha avuto non pochi imbarazzi per le vicende giudiziarie che hanno coinvolto il padre, ora tocca al ministro Angelino Alfano, azzoppato da intercettazioni che riguardano il fratello e il padre.

Il ministro degli Interni parla di «barbarie», e non ha tutti i torti. Quelle intercettazioni su raccomandazioni e assunzioni forzate alle Poste non sono giudiziariamente rilevanti, e quindi non dovrebbero essere allegate ad atti pubblici. Ma qui entra in gioco lo «spirito santo», cioè quell'entità misteriosa che da troppi anni condiziona con successo il corso della politica. Attenzione, detto della porcata, eticamente e politicamente Alfano non fa una gran figura e il caso dimostra come sia dura a morire la politica clientelare anche dalle parti di chi millantava di essere il nuovo e l'immacolato. Diciamo che si confermano due leggi della vita. Quella che fare il furbo è pericoloso perché ci sarà sempre qualcuno più furbo di te. E la seconda che recita: chi di moralismo colpisce, di moralismo perisce.

Non sappiamo se Alfano riuscirà a restare in sella, un ministro degli Interni ha tante frecce al suo arco. Potrà resistere, «convincere» Renzi con le buone o con le cattive, ma ormai è azzoppato. Certe cose il Palazzo le perdona, l'opinione pubblica no. Può permettersi Renzi, già alle prese con l'onda grillina che monta, la speculazione che sta decimando la Borsa italiana e le banche da salvare con soldi pubblici, di pagare anche i conti della famiglia Alfano?

Lo «spirito santo», evidentemente, scommette sul no. E presto scopriremo il disegno divino, che probabilmente passa per una crisi di governo.

Commenti
Ritratto di Leon2015

Leon2015

Gio, 07/07/2016 - 13:28

Ecco... non ci rimane che sperare nello Spirito Santo.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 07/07/2016 - 14:54

Scaiola per molto meno...si dimise..con i governi Berlusconi la SINISTRA "Starnutiva" vedi anche Bondi..e li si faceva dimettere!!! Alfano per dimettersi che deve ancora combinare una "rapina"??

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Gio, 07/07/2016 - 15:20

...e del "grande fratello"!

antipifferaio

Gio, 07/07/2016 - 15:42

Che prima o poi tutto il circo equestre PD finisca è inevitabile...La data della fine di questo nefasto goveno la solo lo Spirito Santo, ma anche non essendo un aureolato credo si possa agire intorno a novembre, poco dopo il referemdum costituzionale e oco dopo le molto probabili mazzate provenienti dall'estero indirizzate alla fin fine alla autocrazia merkeliana islamista e terzomondista. Insomma...ci vuole pazienza ancora un po'...

Rossana Rossi

Gio, 07/07/2016 - 16:53

Per opera dello Spirito Santo o di chi altri basta che questa sporca dittatura abusiva del pd finisca e con lei spariscano tutti i suoi accoliti voltagabbana alla alf-ano pronti a sedersi su una qualunque sedia pur che sia. Non se ne può più, non cambia mai niente e i politici sono sempre gli stessi, disonesti clientelari voltagabbana opportunisti e ladri.

joecivitanova

Gio, 07/07/2016 - 17:42

..mah, a me sembrava il governo del Nonno (Napolitano), del Figliastro (Alfano), e dello Spiritoso (Renzi, ancora per poco..), ma si vede che mi sono sbagliato..!! g.

asalvadore@gmail.com

Ven, 08/07/2016 - 04:31

Il vizio di Alfano é vecchio, si chiama la raccomandazione. Rappresenta per esempio iniziare una relazione tra due esseri che a sua volta raccomandano creando un imtreccio infinito che abbraccia quasi tutta la societá rendendo difficile la differenza tra malandrini e soffeenti ricompensati. In Italia é un modo di vivere fatte alcune eccezzioni, ed é per questo pur vivendo solamente nel piccolo mondo dell'Universitá decisi di emigrare nel 1949.

Efesto

Ven, 08/07/2016 - 06:37

Qualcuno scrisse la via al comunismo attraverso la via giudiziaria. La faccenda in Italia è complessa. Da una parte il poderoso schieramento ideologico nella magistratura è sempre quello del 1993: già appoggio a personaggi come Occhetto. Ora l'appoggio è al M5S che rappresenta un travestimento del comunismo web. Centralismo (casaleggio associati), reddito di cittadinanza, onestà .... e tante belle favole da far digerire agli stupidi. Non si comprende chi vincerà se lo spirito santo o la manovalanza. Non c'è alcun dubbio che ora sono associati come lo erano le truppe di Occhetto con il pool "mani pulite". Purtroppo in mezzo ci siamo noi.........

Efesto

Ven, 08/07/2016 - 06:40

Per chiarire il precedente commento la scommessa sta nella modalità di eventuale vittoria elettorale. Il potere (quello vero decisionale) andrà alla Casaleggio associati o al CSM? La governance sarà di tipo popolare o di élite?

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Ven, 08/07/2016 - 10:50

Spesso si dice che l’Italia è il Paese del “tengo famiglia”.Ma c’è qualche Paese al mondo dove gli uomini non privilegiano la loro famiglia se ne hanno la possibilità,rispettando comunque le leggi? Ci piace ironizzare sul nostro Paese come se noi stessi non c’entrassimo per nulla. Molti sono convinti di avere l’importante ruolo di fustigatori di costumi,ma intorno mi vedo circondato da tanta gente che predica bene, razzola male e spesso fanno i furbetti. A proposito lasciamo in pace Spirito santo che non c’entra assolutamente.

TECNOCRASH

Ven, 08/07/2016 - 12:19

Per poter governare in Italia bisogna per prima cosa portare via la piazza alla sinistra! Grillo l'ha capito, il centro-destra ancora no! Possiamo anche vincere le elezione, ma, l'abbiamo già visto, non riusciremo mai a governare. Qualcuno potrebbe dire ma chi la porta in piazza la maggioranza silenziosa? Questo è il vero problema!!!

Ritratto di LordPBA

LordPBA

Ven, 08/07/2016 - 13:30

sono 26 anni che perdiamo tempo e soldi pubblici in inquisizioni dei guidici. Pensiamo ad abbassare le tasse invece. Il mondo va avanti.

settemillo

Ven, 08/07/2016 - 19:01

Io spero che questo governo abbia i giorni CONTATI. Di disastri ne ha combinati a JOSA; ha speso a destra e a manca fino al punto da rasentare la BANCAROTTA FRAUDOLENTA. Cos'altro potrebbe combinare ancora dopo tutto quello ha fatto per rovinare la nostra povera italietta? Quanto è costato al popolo bue l'acquisto dell'aeroplanino MAI UTILIZZATO? Gente senza PUDORE. Fermatelo subito prima che decida di vendere anche il COLOSSEO ed i falsi GLADIATORI dai costumi carnevaleschi.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 09/07/2016 - 01:05

-----------i giudici----a scoppio ritardato ---si sono accorti che renzi non è comunista---in realtà non lo è mai stato---e si sono accorti altresì che renzi ha preso in mano il pd e piano piano lo ha spostato verso destra----oggi---senza fare gli ipocriti--possiamo dire che la politica di renzi e quella di berlusconi coincidono alla perfezione----il pd insomma --è la nuova forza italia----hasta siempre

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Sab, 09/07/2016 - 11:13

ma via!! non facciamo gli ipocriti, chi di noi non vorrebbe avere un parente ministro per potergli chiedere qualche favore? .... e allora?..niente di nuovo sotto il sole....secondo questo giornale solo le inchieste che lambirono il nome di D'Alema furono tutte archiviate, evidentemente è un protetto da tutta la trinità

SAMING

Sab, 09/07/2016 - 12:31

Il fatto è che questa è l' Italia con tutte le sue sfaccettature. E' un paese inaffidabile per mille ragioni che, a fronte di aziende e persone di altissimo valore riconosciuto nella parte del mondo più serio, il resto è composto da persone che nel migliore dei casi sono infide e nel complesso sono truffaldine. Le conseguenze sono in bella vista.

tonipier

Sab, 09/07/2016 - 16:30

( DURI A MORIRE) La democrazia nostrana verso la metà degli anno quaranta del 20° secolo ha emesso i suoi vagiti nella culla del crimine, ha avuto come alimento l'illecito e, di conseguenza, i suoi modi di essere non potevano che evidenziarsi come sviluppo progressivamente accelerato di peccaminosità. Le sue peculiarità genetiche spiegano la congeniale incapacità della democrazia politica italiana di emendarsi, di liberarsi dalle tare della iniquità sociale che la inficiano. Il malcostume e l'affarismo che dal 1945 fino ai nostri giorni hanno caratterizzato la vicenda politica nazionale, rappresentano compendio di corruzione eruttata senza soluzione di continuità dalla democrazia come sorgente inesauribile di immoralità, di soperchierie, di volgarità, di miseria sociale.

sparviero51

Sab, 09/07/2016 - 20:36

E' TUTTO UN MERDAIO . FORSE UN RIMEDIO POTREBBE ESSRE IL RITORNO ALL'ASSETTO POLITICO ANTECEDENTE AL 1860 !!!

carpa1

Sab, 09/07/2016 - 22:27

Si è salvato Fini, nonostante il tradimento verso il cdx e l'utilizzo di denaro del partito, perchè gli amici del giaguaro non dovrebbero salvare anche Alfano? Del resto è risaputo che in questo paese di m.... tutto è permesso a chi sostiene la sx.

Duka

Dom, 10/07/2016 - 08:13

Questo è il governo dei giovani TRUFFATORI gente che non ha mai lavorato un solo giorno, come, del resto, lo è tutto il parlamento italiano. Fannulloni cronici amanti dell'imbroglio sempre e comunque. Se è questo il futuro c'è poco da stare allegri.

diesonne

Lun, 11/07/2016 - 13:38

diesone il titolo non è felice-è sarcasico e non si addice alla testata