Ragazzo gay pestato in strada a Milano: 30 giorni di prognosi e mascella fratturata

La denuncia di un giovane bocconiano di origini liguri: tre giorni l'aggressione da parte di un altro ragazzo. "Mi ha pestato perché sono gay"

Uno studente dell'Università Bocconi di Milano di origini liguri è stato aggredito a calci e pugni tre giorni fa a Milano perché gay.

La denuncia è riportata sulle pagine online del quotidiano genovese il Secolo XIX, che ricostruisce come il giovane, originario di Albisola superiore in provincia di Savona, sia stato avvicinato da un uomo di giovane età alla fermata del tram in zona Porta Romana.

Lo screzio, poi tramutatosi in un brutale pestaggio, è nato da una banale collisione avvenuta per la strada: "Ho avuto la colpa di dire “Guarda dove vai” a un ragazzo che non conoscevo che mi ha urtato mentre parlava al cellulare – racconta lo studente aggredito - Si è voltato e ha cominciato prima ad insultarmi dicendomi “Fr..io di m...da, ti seguo fino a casa, sai”. Poi mi ha sbattuto a terra, tirandomi due pugni in faccia e un calcio".

Il ragazzo gay di origini liguri è stato subito portato al pronto soccorso dove ha ricevuto una prognosi di trenta giorni. Non solo: i medici del nosocomio milanese dove è stato visitato gli hanno diagnosticato la frattura scomposta della mascella. Per curarla sarà necessario un intervento chirurgico e l'applicazione di una placca in titanio.

Il giovane pestato ha già annunciato l'intenzione di presentare una querela in procura contro ignoti. Per identificare l'aggressore si pensa di richiedere l'analisi dei video delle telecamere di sicurezza installate nella zona.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 21/09/2018 - 10:25

la patania si sta islamizzando; bravi!

Totonno58

Ven, 21/09/2018 - 11:02

Non commenterò più questi episodi fino a quando, in questo paese, non si inizi a parlare di una legge contro l'omofobia.

africano

Ven, 21/09/2018 - 12:01

Sarà l'ennesima frottola raccontata da Arcigay. Ma come si fa a credere a questi cialtroni? Sono anni che fingono di essere picchiati, e spesso vengono scoperti per essersi inventato tutto.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 21/09/2018 - 12:22

Beh lui non avrebbe dovuto regire con quelle parole che sembrano come un rimprovero, ma anche loro non si dovevano permettere di picchiarlo.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 21/09/2018 - 13:14

--do-ut-des---sarai ridicolo pure tu? un tipo distratto che cammina fissando lo smart acceso ti urta e tu non pui dirgli “guarda dove vai?”--ma che razza di vigliacco sei?---swag

frapito

Ven, 21/09/2018 - 13:55

La solita pietosa e indignante fake new periodica per non farci dimenticare che esistono i gay violentati.