Ragazzo morto in hotel: identificato l'autore dello scherzo del lassativo

I compagni di scuola confessano: "Quella sera c'era tanto alcol in stanza"

Confrontare le varie versioni sugli ultimi minuti di vita di Domenico Maurantonio, lo studente 19enne padovano precipitato durante una gita scolastica dal quinto piano dell’hotel Da Vinci di Milano. È quello che oggi gli investigatori lombardi hanno cercato di fare, risentendo per ore i compagni del liceo Ippolito Nievo, dopo gli interrogatori successivi al ritrovamento del corpo all’alba di domenica. Gli inquirenti per il momento ritengono di dover escludere l'ipotesi del suicidio. La pista che resta in piedi è quella della goliardata o di un festino finito male. Ed è su questo punto che gli inquirenti stanno approfondendo le indangini. Intanto sarebbe stato individuato lo studente che avrebbe somministrato del lassativo al ragazzo.

Gli investigatori della questura di Milano a Padova hanno identificato il ragazzo che avrbbe dunque versato il lassativo nel bicchiere di Domenico. Intanto cominciano a profilarsi tre ipotesi di reato: lesioni colpose, morte come conseguenza di reato e omissione di soccorso.

Commenti

magnum357

Ven, 15/05/2015 - 13:59

Già ieri avevo scritto che di fronte al mutismo generalizzato dei compagni davanti agli inquirenti doveva trattarsi di un pesante "scherzo" finito in tragedia !!! Cosi' sono andate le cose, a quanto pare le lingue si stanno sciogliendo per il grande rimorso di coscienza !!!

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Ven, 15/05/2015 - 14:22

Non per rimorso, ma per i pressanti interrogatori, sta emergendo la verità.

onurb

Ven, 15/05/2015 - 14:47

In questa vicenda ciò che mi ha disgustato maggiormente è stata la reazione della preside del liceo, che non partecipava al viaggio. Intervistata dalla TV locale di Padova il giorno dopo il fatto, ha escluso ogni altra ipotesi e ha parlato di "malessere mal gestito".