La Raggi festeggia il Natale di Roma ma scivola su Twitter

“Happy 2.700th Birthday Rome”, ha cinguettato la prima cittadina su Twitter. Una svista clamorosa, che non è sfuggita ai romani

Ieri, come ogni anno, sono andate in scena le celebrazioni del 21 aprile. Sono passati 2.770 anni da quando, nel 753 a. C., l’Urbe Immortale vedeva i suoi natali. Eppure, proprio il giorno del compleanno di Roma, il sindaco della Capitale, Virginia Raggi, si è resa protagonista di una gaffe tremenda: “Happy 2.700th Birthday Rome”, ha cinguettato la prima cittadina su Twitter.

Una svista clamorosa, che non è sfuggita tanto alle opposizioni quanto agli utenti che l’hanno linciata. Durissimo l’attacco di Fratelli d’Italia che, su Facebook, commenta: “Il sindaco di Roma è l’unico cittadino a non sapere quanti anni compie l’Urbe, ovvero 2770”. “Fortunatamente per lei – prosegue la nota – il suo cinguettio su Twitter è stato subito cancellato”.

Ma, nonostante la tempestiva manovra di salvataggio, anche CasaPound Italia si è accorta della svista. Così, il vice presidente delle “tartarughe frecciate”, Simone Di Stefano, che alle scorse amministrative si era proposto come alternativa alla guida del Campidoglio, non ha perso occasione per sottolineare la brutta figura fatta dalla Raggi. “Il sindaco di Roma certe figuracce non se le può proprio permettere – commenta Di Stefano – oltre al degrado più totale in cui ha gettati i romani, adesso, dobbiamo sorbirci anche simili strafalcioni”. “CasaPound – prosegue l’ex candidato sindaco – considera il 21 aprile una data sacra, con noi in Campidoglio quella di ieri sarebbe stata una grande festa, come San Pietro e Paolo, e non una passerella di brutte figure”.

Anche gli utenti hanno fatto sentire il loro disappunto con un tam-tam di commenti sui maggiori social network. “Mi vergogno di essere italiano, andasse a spazzare”, ed ancora: “Io l’ho votata al secondo turno, adesso mi taglierei una mano”; “Gli ultimi 70 anni di storia meglio cancellarli, brava Raggi”; “Così stupida da sbagliare persino i calcoli”.

La sindaca pentastellata, dal canto suo, oggi ha corretto il tiro rilanciando su Facebook un nuovo messaggio: “Ieri Roma ha festeggiato il suo 2770° compleanno. È stato il mio primo Natale di Roma come Sindaca. L’ho vissuto con particolare emozione e con la consapevolezza dell’onore di rappresentare una città straordinaria e unica. Una città che stiamo cercando, giorno dopo giorno, di risollevare per restituirle il suo ruolo di Capitale della cultura, della creatività, dello sviluppo”.

Commenti

blackindustry

Dom, 23/04/2017 - 00:27

Sentirla declinare al femminile "sindaca" fa davvero ridere...povera stellina... come se fossero questi termini a variare il contenuto mancante, la nullita' politica... Allora un uomo dovrebbe definirsi non una persona ma un persono... che idiozie, si vede che derivano da altra nullita' che vive di ideologia comunista-terzomondista.

Vincenzo21

Dom, 23/04/2017 - 19:11

Si è trattato evidentemente di una svista, nell'intervento in Campidoglio e su Facebook ha detto 2770°. Sul termine "Sindaca" si è adeguata agli indirizzi della Crusca.

noside863

Lun, 24/04/2017 - 09:41

Vincenzo 21 non sono all'altezza, di un possibile commento solo per il fatto che porta a conoscenza ai meno gli "indirizzi della Crusca" dimenticando che i suddetti indirizzi vengono accettati per l'uso allargato di tali termini. Quindi nella lingua italiana classica non esiste il termine avvocatessa, architetta,ma bensì è ben accetto la signora avvocato,la signora giudice, altrimenti quando una "signora architetto" è molto brava dovrebbe essere apostrofata con l'espressione "lei signora è una architettona con i contro fiocchi"

alkhuwarizmi

Lun, 01/05/2017 - 12:53

Il sindaco Signora Raggi non sa scrivere in Italiano? Forse no. Avrà usato il "traduttore" Google, e deve essere stata molto fortunata, perché in genere vi si trovano scemenze di tutti i tipi.