"Così si eludono i controlli sul redditi di cittadinanza". Licenziato dipendete del Caf

Dopo la denuncia di Di Maio è scattata un'indagine interna della Cgil Palermo che gestisce il Caf di Monreale, dove lavorava il dipendente. Da qui la decisione di licenziare l'impiegato che spiegava come eludere i controlli

Tanto tuono che alla fine piovve. Il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha di fatto licenziato il dipendente del Caf di Monreale Sandro Russo. La vicenda risale ad un mese fa, le telecamere nascoste della trasmissione La7 di Non è l'Arena, avevano beccato il dipendente del Caf spiegare quali erano le modalità per aggirare il reddito di cittadinanza. Di Maio ospite della trasmissione, condotta da Massimo Giletti, aveva annunciato controlli a tappeto. E i controlli sono davvero arrivati: il centro servizi del sindacato che gestisce i Caf, dopo l’avvio dell’indagine interna sul comportamento assunto dal proprio dipendente, ha deciso di licenziare in tronco Russo. Lo stesso Di Maio aveva detto in trasmissione: «evitate di cadere nel tranello di quelli che dicono che non ci sono controlli perché invece ci sono. Se qualcuno ha commesso un reato, non ci sarà pietà per nessuno, si rischiano fino a 6 anni di carcere».

Tramontata per sempre la sua esperienza nei Caf, Russo potrebbe avere adesso una seconda possibilità. Ad offrirgliela è stato il candidato sindaco di Monreale Alberto Arcidiacono che ha inserito Russo nella lista «Obiettivo Futuro» per il consiglio comunale.

Commenti

krgferr

Mar, 19/03/2019 - 14:48

E' la dimostrazione di quanto sia valido uno degli insegnamenti che vado ripetendo ai miei nipoti: "Guardate ragazzi che se volete far fortuna qui in Italia dovete attrezzarvi di molte qualità: ricordatevi che se non siete un po' ignoranti, un po' teppisti, non fumate canne o tirate coca, non frequentate i centri sociali o quantomeno una frangia politica "progressista", se non siete profughi (almeno finti), molto abbronzati o, perlomeno molto sporchi, se non vi dichiarate pazzi per il Gay-Pride....beh in questo caso non avete speranza; per cui svegliatevi! Saluti. Piero