Reggio, la Brambilla denuncia:"Cane ucciso dall'indifferenza"

Un cane randagio cade in una trappola mortale, un fusto di catrame. I cittadini se ne accorgono e segnalano il fatto a chi di dovere, nessuno interviene: dov’erano le istituzioni?

Un cane randagio cade in una trappola mortale, un fusto di catrame. I cittadini se ne accorgono e segnalano il fatto a chi di dovere, nessuno interviene: “Dov’erano le istituzioni? Perché nessuno é intervenuto in soccorso di quella creatura?" si chiede la Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente commentando quanto accaduto sabato scorso a Reggio Calabria, nella frazione di Sambatello. Probabilmente nella serata di venerdì, il povero animale di taglia media, saltando da un muretto era caduto all'interno del bidone pieno di catrame. La bestiola, non riuscendo a liberarsi, ha iniziato a guaire e abbaiare.

Secondo la testimonianza di alcuni cittadini sono state numerose le telefonate rivolte alle autorità, forze dell’ordine e Asl, che non hanno avuto risposta. Solo l’insistenza dei presenti ha fatto si che, dopo diverso tempo, un veterinario dell’ASP si recasse sul posto. Una volta giunto si è però limitato a verificare l’assenza del microchip e, verificato che si trattava di un cane randagio, non ha messo in salvo l’animale, tra lo stupore dei presenti, che hanno però deciso di raccontare l’episodio. “Colpisce la sostanziale indifferenza – si legge nella nota della Federazione alla quale aderiscono le associazioni animaliste Enpa, Lav, Lega del Cane, Leidaa, Oipa, Chiliamacisegua - con cui le autorità preposte dalla legge ad intervenire quando i cittadini segnalano la presenza di un animale in difficoltà, hanno lasciato morire questo povero cane. La bestiola è rimasta infatti per ore a guaire e lamentarsi, ma nessuno di coloro che avrebbero dovuto almeno provare a trarlo in salvo ha fatto qualcosa per toglierla da quella trappola.

E dopo ore ed ore di atroce agonia l'animale é morto. Dov’erano le istituzioni? E i cittadini? Se è mancato il senso del dovere, che fine ha fatto il buon cuore? Fatti simili non sono accettabili e denotano la più totale mancanza di civiltà e di sensibilità". “In rappresentanza della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente – ha commentato l’on. Michela Vittoria Brambilla -ho chiesto l’intervento della magistratura per individuare i responsabili ed accertare eventuali estremi di reato nei comportamenti omissivi di Asl e polizia locale. Andremo fino in fondo per individuare le responsabilità di chi ha permesso una morte così crudele e che poteva essere certamente evitata." “Insomma, chi ha sbagliato, deve pagare – ha concluso l’on. Brambilla - Non si può tollerare una simile indifferenza: in un paese civile la vita di tutte le creature è un valore assoluto e un simile grado di arretratezza morale non rispecchia il grande cuore del paese. E noi non daremo più tregua a chi svolge con superficialità e pressapochismo il proprio lavoro, causando la morte di animali indifesi.”

Commenti
Ritratto di semovente

semovente

Mar, 19/06/2012 - 06:04

Già, un cane randagio (diventato tale solo per demerito umano) non merita alcuna attenzione anche se trovasi in imminente pericolo di vita. Da voltastomaco.

Ritratto di semovente

semovente

Mar, 19/06/2012 - 06:04

Già, un cane randagio (diventato tale solo per demerito umano) non merita alcuna attenzione anche se trovasi in imminente pericolo di vita. Da voltastomaco.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/06/2012 - 11:39

La Brambilla incominci a chiedersi dove erano le istituzioni quando a cadere nella trappola più amara, quella del suicidio, non erano i cani ma le persone.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/06/2012 - 11:39

La Brambilla incominci a chiedersi dove erano le istituzioni quando a cadere nella trappola più amara, quella del suicidio, non erano i cani ma le persone.

piertrim

Mar, 19/06/2012 - 17:09

Basta con i cani, se non sa cosa fare e cosa dire, la Sig.ra Brambilla si interessi di più dei pronto-soccorsi, anche lì, per indifferenza od altro, si può morire.

Nadia Vouch

Mar, 19/06/2012 - 20:27

Qualcosa non mi torna. Il veterinario come fa a verificare l'assenza del microchip senza estrarre l'animale dalla cisterna di catrame? Oppure, lo hanno estratto e non lo hanno lavato lasciandolo, sostanzialmente, morire per soffocamento? E pensare che in altri Stati ci sono fior fiore di volontari, autorità incluse, che vanno a salvare uccelli, pinguini e foche quando qualche nave cisterna riversa petrolio in mare. Evidentemente, salvare un unico cane, randagio, era troppo sforzo. Riposi in pace, povera creatura.

Nadia Vouch

Mar, 19/06/2012 - 20:27

Qualcosa non mi torna. Il veterinario come fa a verificare l'assenza del microchip senza estrarre l'animale dalla cisterna di catrame? Oppure, lo hanno estratto e non lo hanno lavato lasciandolo, sostanzialmente, morire per soffocamento? E pensare che in altri Stati ci sono fior fiore di volontari, autorità incluse, che vanno a salvare uccelli, pinguini e foche quando qualche nave cisterna riversa petrolio in mare. Evidentemente, salvare un unico cane, randagio, era troppo sforzo. Riposi in pace, povera creatura.

Il_Presidente

Mar, 19/06/2012 - 21:35

forse le istituzioni erano impegnate ad aiutare qualche essere umano, a questo non si pensa... E basta con questa adorazione dei cani! E'esagerato, ritroviamo il senso della misura. Lo Stato deve sostenere le persone, poi se avanzano tempo,denaro,risorse,personale... anche gli animali, ma mica si possono coccolare e difendere tutti i randagi esistenti! Il randagismo va combattuto, non creiamo un'altra voragine idealista per sprecare soldi del contribuente!

Il_Presidente

Mar, 19/06/2012 - 21:35

forse le istituzioni erano impegnate ad aiutare qualche essere umano, a questo non si pensa... E basta con questa adorazione dei cani! E'esagerato, ritroviamo il senso della misura. Lo Stato deve sostenere le persone, poi se avanzano tempo,denaro,risorse,personale... anche gli animali, ma mica si possono coccolare e difendere tutti i randagi esistenti! Il randagismo va combattuto, non creiamo un'altra voragine idealista per sprecare soldi del contribuente!