Il ricatto a Gentiloni sullo ius soli

C'è da sperare che questa legislatura tra le più sciagurate della storia finisca al più presto. Le liti dentro la sinistra e nella «maggioranza non maggioranza» che regge il governo stanno paralizzando il Paese e rischiando di farci perdere, soprattutto in economia, quell'abbrivio di cui godiamo grazie esclusivamente alla favorevole congiuntura internazionale. Si procede tra ordini e contrordini, minacce e ricatti. Guida Gentiloni ma comanda Renzi, Alfano è al governo ma anche all'opposizione, il Pd è uno ma pure trino, tanto per citare i cortocircuiti più evidenti.

È insomma iniziata la volata per le elezioni e le squadre come accade nelle corse ciclistiche - cercano di sistemarsi per arrivare nella posizione migliore allo sprint finale. Ormai non conta più nulla se non il voto e attorno a quello (quando, con che legge) ruota tutto. Adesso risalta fuori pure lo «ius soli» la legge sulla cittadinanza automatica agli immigrati archiviata solo due giorni fa per manifesta impossibilità di trovare al Senato una maggioranza che la approvi. La sinistra della sinistra, parte del Pd e il presidente del Senato Grasso non ci stanno: che Gentiloni metta la fiducia e vedremo cosa succede, hanno detto ieri con toni solenni e ultimativi. Già, che succederebbe? Due ipotesi: la fiducia non passa e Gentiloni andrà a casa anzitempo con grande gaudio di questi signori; la fiducia passa e gli italiani nelle urne faranno pagare il conto di tanta scelleratezza a un altro nemico interno che di cognome fa Renzi, il quale certo non potrà smentire il suo premier.

Come vedete, gli immigrati e la cittadinanza non c'entrano nulla con questo rigurgito di falsa solidarietà. Stanno giocando sulla pelle di questi disgraziati, e soprattutto sulla nostra, una partita che riguarda solo il futuro del Pd e della sinistra. In sintesi, parte della sinistra sta mettendo Gentiloni, diventato a sorpresa un pericoloso concorrente interno, con le spalle al muro. Lui abbozza, prende tempo, si barcamena, dice e non dice. Faccia quello che crede, ovviamente, ma se cede al ricatto e riporta lo «ius soli» in aula difficilmente otterrà la fiducia del Senato, ma certamente perderà per sempre quella degli italiani.

Non penso gli convenga.

Commenti

mariod6

Ven, 15/09/2017 - 20:29

La fiducia degli italiani non la perderà. Non la ha mai avuta !!!!

VittorioMar

Ven, 15/09/2017 - 21:15

....IL PERICOLO CHE LA SINISTRA DEVE FERMARE E' : L'ON. MINNITI !!..SIA RENZI CHE GENTILONI NON HANNO IL RISPETTO DELLA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI!!..DEVONO SOLO SCEGLIERE DI MORTE MORIRE...CON O SENZA LEGGE ELETTORALE !!...E' COMUNQUE UN SUICIDIO DI MASSA !!!...PREPARIAMOCI !!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 15/09/2017 - 21:19

Anche gli Angeli imparano da NOi, soprattutto c'è una lotta acerba anche tra Angeli nel Cielo; quelli che stanno con questi sinistri e sono forti e quelli che, comandati da San Michele Arcangelo, stanno con i moderati che hanno buon senso; se questa è la Nostra situazione che Dio ci guidi per la retta via. Forza Italia. Shalòm.

clod46

Ven, 15/09/2017 - 21:34

Ormai la pensione se la sono assicurata quindi possono mandare a casa questo governo.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 15/09/2017 - 23:34

----mariod6--ti sbagli di grosso---sondaggi di qualche giorno fa rivelano che il politico più stimato dagli italiani è proprio gentiloni --con una percentuale enorme che arriva al 43 per cento--considera che al secondo posto c'è si salvini - ma staccato abissalmente di 13 punti---intorno al 30 per cento--paradossalmente è proprio questa stima che crea problemi nello schieramento della sinistra tra tutte le sue anime--gentiloni sarebbe il candidato perfetto per lo schieramento di centrosinistra-l'unica vera ed effettiva possibilità di vittoria in una sconfitta che sembra già scritta-ed è per questo che tentano di buttarlo giù--la sua popolarità non era stata preventivata--se gentiloni è in gamba come credo--tergiverserà fino all'approvazione del def per poi puntare l'attenzione su un'altra legge simbolo della sinistra-la legge sul fine vita-che potrebbe portare consensi trasversali--swag

orailgo38383838

Sab, 16/09/2017 - 06:52

accozzaglia di gente che manco ha idea del significato di "governare il paese". Gente da feste dell'unità con salamelle e wurstel

tonipier

Sab, 16/09/2017 - 10:03

" L'ITALIA VIVE DI CONTINUI RICATTI" Sono le prerogative del rifiuto di fondare le proprie fortune elettoralistiche sulla circonvenzione degli elettori e sul sostegno della criminalità politica e comune, del ripudio della strumentalizzazione dell'esercizio della politica alla realizzazione di tornaconti e di profitti della osservanza del dovere di non eludere le legittime aspettative del popolo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 16/09/2017 - 10:30

@Elkid - non sparare numeri che si rivelano sempr bufale. Ma siete così tanti ancora che votate quel partito? Non avete fatto ancora abbastanza danni? Comunque sia, tra pochi mesi andrete a casa. Vedremo le percentuali reali, non quelle farlocche diramate dal partito.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Sab, 16/09/2017 - 11:31

Per riassumere, con terminologia più becera, quanto il direttore ci ha sapientemente illustrato: Gentiloni è un "nulla politico" che ha incarnato il potere del duo Renzi-Alfano. E' un "nulla" perché è un personaggio senza coraggio e dignità, pronto a rinunciare, furbescamente,al momento opportuno, alla sbandierata volontà dell'accoglienza indiscriminata di clandestini, quella alla Papa Francesco per fare un favore alle voglie elettorali del Pd. Ed è vile anche perché si è tirato indietro sullo ius soli. Può suscitare simpatia solo a chi non va oltre la sua "facciata" garbata e bonaria, senza sostanza.

Valvo Vittorio

Sab, 16/09/2017 - 11:51

E' chiaro che i paragoni si fanno in un determinato contesto della vita politica e fra personaggi che hanno ribaltato la volontà primaria del popolo elettore: si è passati con molta disinvoltura dal centro destra al centro sinistra! L'artefice di questo dissesto è stato il precedente capo dello stato supportato da un parlamento litigioso e irresponsabile. Poiché la speranza è l'ultima a soccombere, confido nelle prossime elezioni politiche e guardo con distacco gli ultimi guizzi di questa legislatura avviata sul viale del tramonto!

Silvio B Parodi

Sab, 16/09/2017 - 12:58

Sallusti. come sempre ci prende, l'analisi e' quasi perfetta, l'unico scampolo di imperfezione e' **l'Imponderabilita'**