Riforma semafori: verde più corto e il giallo più lungo

Si parte da Genova, ma in caso di successo la novità potrebbe essere adottata anche da altre città italiane

Cambia tutto per i semafori. Di fatto saranno tolti secondi al verde, aggiungendoli al giallo. Tutto questo per evitare quelle scene frequenti in cui i pedoni iniziano ad attraversare col verde e poi si trovano costretti a correre per arrivare dall'altro lato della carreggiata perché il giallo dura troppo poco. Si parte da Genova, ma in caso di successo la novità potrebbe essere adottata anche da altre città italiane.

"Quando un pedone inizia l’attraversamento allo scattare del giallo ha la certezza di arrivare alla fine prima che scatti il verde per le auto", ha spiegato l’assessore al Traffico genovese Anna Dagnino in occasione di una interpellanza ex articolo 54 in Consiglio comunale che chiedeva chiarimenti rispetto ai tempi più corti del verde. "La durata non sarà fissa ma calcolata in base alla larghezza della strada" ha spiegato l'assessore. Inoltre la nuova normativa prevederebbe anche i semafori contasecondi, ormai diffusi in molti paesi europei.

Commenti

cgf

Sab, 11/04/2015 - 11:49

wow in netto contrasto con la sentenza della Cassazione dello scorso gennaio 2015! forse forse gli "amministratori" genovesi sono più attenti a quello che succede oltre oceano rispetto a quello che DOVREBBERO RISPETTARE. Sarà solo in caso che a Chicago, dopo aver abbassato il giallo dei semafori da 3 secondi a 2,9, abbiano incassato 8 milioni di dollari in più di multe, vero? A quando i decreti attuativi che obbligano i Comuni a destinare i proventi delle multe per iniziative di sicurezza stradale, la Legge esiste ma non è applicabile per mancanza di quei decreti, così come oggi le multe servono solo per fare cassa e si vede!