Rigopiano, così sono morti gli ospiti dell'hotel

Chi si trovava all'interno dell'hotel Rigopiano sarebbe morto sul colpo e non per ipotermia

La morte non è arrivata per ipotermia. Al Rigopiano le vittime sono morte quasi tutte sul colpo, per schiacciamento e traumi. Alcuni avevano ancora i trolley vicino o il cellulare tra le mani nell'attesa di lasciare l'hotel. La morte li ha colti all'improvviso portando quella valanga di neve che non ha lasciato scampo. Sono questi i primi rilievi che emergono dagli inquirenti che stanno portando avanti l'inchiesta sulla tragedia dell'hotel abruzzese.

In un primo momento si pensava che gli ospiti e colo che lavoravano nella struttura avessero perso la vita per il gelo. Ma dai primi risultati emergerebbe uno scenario diverso che parla di una morte fulminea dopo l'impatto della valanga sull'hotel. La struttura dell'alabergo Rigopiano dopo la slavina si è spostata di circa dieci metri rispetto alla sua posizione. Un impatto violentissimo che ha lasciato poco scampo a chi si trovava nella hall dell'hotel. Chi si è salavto si trovava in qualche stanza nei piani superiori.

Commenti

Gasparesesto

Mer, 01/02/2017 - 08:17

Si parla "ancora " della sentenza passata in Giudicato sulla costruzione dell'Hotel di Rigopiano e . . stranamente ( ? ) Il Procuratore capo Cristina Tedeschi non accenna minimamente ai responsabili della Prefettura che hanno irriso a chi chiedeva di intervenire ! Vi sembra sia un comportamento legittimo da parte dell’Inquirente ( di parte ) ?

cgf

Mer, 01/02/2017 - 08:48

morte sul colpo e quasi tutti con il cellulare in mano... Anche Valentina Cicioni, moglie di Giampaolo Matrone, sopravvissuto? Eppure ha dichiarato Le stringevo la mano e le parlavo per tenerla sveglia perché volevo che rimanesse vigile. La chiamavo, poi a un certo punto, non l'ho sentita più e ho capito che mi stava lasciando". Se la donna fosse morta sul colpo... INUTILE AUMENTARE LA DOSE, VI E' STATA INEFFICIENZA, RICONOSCETELO E BASTA! Si sperava che il Governo BUFFONI fosse finito con Renzi, ah, già, questa è la fotocopia, ma lo è proprio in tutto!