Rigopiano, falla nei soccorsi: "Quella chiamata ricevuta per errore"

Un volontario della Protezione civile ha ricevuto "per errore" la chiamata di aiuto dal Rigopiano. E ha fatto partire i soccorsi

Che qualcosa non abbia funzionato nella catena dell'emergenza a Rigopiano è chiaro. I soccorsi non sono partiti immediatamente dopo la chiamata, allarmata, di Quintino Marcella, il capo di Giancarlo Parete, lo chef ospite dell'hotel tratto in salvo insieme alla sua famiglia.

Nei giorni scorsi si è parlato della funzionaria che ha bollato come "bufala" la notizia della valanga caduta sull'albergo. Ora emerge anche la spiegazione di come si siano attivate, in ritardo, le procedure per il salvataggio dei superstiti. A spiegarlo è Massimo D'Alessio, volontario della protezione civile che ha ricevuto la chiamata di Quintino Marcella. "Avevo appena finito il turno - racconta alla Stampa - mi avevano mandato alla golena nord del fiume Pescara per monitorarne l'esondazione. Proprio per questo motivo ero passato in questura e avevo dato il cellulare. Ma non dovevo essere io a ricevere quella telefonata, è stato un errore...".

La telefonata arriva "alle 18.57" e solo in quel momento scattano i soccorsi. Grazie alla rapidità di pensiero di D'Alessio. E pensare che alcune ore prima in Prefettura era stata bollata come menzogna "inventata da imbecilli". "La questura aveva il mio numero per le esondazioni - continua D'Alessio - È una procedura standard: al 113 lascia il proprio numero chi si trova più vicino all'emergenza. Solo che nel mio caso l'emergenza era il fiume, non una valanga in montagna a chilometri di distanza. È stato bravo Quintino a insistere".

Quando riceve la chiamata di Quintino lo sente agitato ed "esasperato". "Gli ho detto 'aspetta un attimo, calmati, così non capisco' - racconta il volontario - Gli chiedo il nome e il cognome e cerco di tranquillizzarlo. Gli spiego che avevo necessità di avvisare almeno chi avevo intorno, non potevo certo dirgli che partivo subito io per il Rigopiano. Metto giù e chiamo il mio capo dei Volontari senza frontiere, Angelo Ferri che si attiva immediatamente, mentre io chiamo la prefettura". D'Alessio è stato sentito in questura come testimone. La procura vuole capire perché si sia atteso tanto prima di inviare i soccorsi al Rigopiano. Solo grazie a D'Alessio si è risvegliata la macchina. "Noi della Protezione civile non diciamo mai 'forse', 'non credo' o cose così. Noi partiamo, subito".

Commenti
Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Gio, 26/01/2017 - 12:25

La così definita funzionaria che ha la coscienza a posto dovrebbe venire inchiodata di fronte alle sue responsabilità. Sarebbe il caso che ne venissero rese note le generalità e magari vedere in foto che faccia ha.

cgf

Gio, 26/01/2017 - 12:56

@Giorgio Prinzi dubito che verremo a conoscere chi è la funzionaria. Se posso interpretare il pensiero di alcuni, meglio per lei restare anonima sebbene non gliene frega nulla, ma di certo non vorrà rinunciare alla scorta.

roberto.morici

Gio, 26/01/2017 - 13:14

Brava Signora Dirigenta. Mi saluti la sua mamma.

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 26/01/2017 - 13:34

------ripeto il concetto---a slavina già venuta giù---vista la cautela con la quale dovevano essere fatti i soccorsi per evitare altri crolli---2 o 3 ore di ritardo non hanno modificato di una virgola l'esito dei soccorsi stessi---se invece andiamo più a monte del discorso--la responsabilità di chi doveva spazzare le strade e renderle praticabili è decisamente grossa--e se andiamo ancora più a monte--la responsabilità della giunta politica che ha permesso la costruzione dell'hotel in quel punto è mastodontica---hasta

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Gio, 26/01/2017 - 14:20

La dirigente è "protettissima" contro ogni tipo di vendetta e ricerca di capri espiatori, come nei desideri del nobile e gentil presidente del consiglio. Poi c'è la privacy, cribbio, mica si tratta di Berlusconi!

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 26/01/2017 - 14:23

elkid; ma cosa ne sai per parlare tu ??? 2 o 3 ore di ritardo non hanno modificato........???? sei un tecnico ? lavori alla protezione civile ? sei un Vigile del Fuoco ? sei del SOccorso Alpino ? se sono tutti NO, faresti meglio a tapparti la bocca .

Silvio B Parodi

Gio, 26/01/2017 - 14:27

to finalmente era ora che elkid facesse una considerazione sensata, dopo mesi di cretinate oggi, si e' ricreduto, ei elkid forse hai smesso di bere??? buona giornata.

Silvio B Parodi

Gio, 26/01/2017 - 14:45

beh che ce' di male?? un abbaglio della signora, perche il governo quanti abbagli ha preso cento, mille forse di piu allora??l'importante e' pagare le tasse, perche se no chi paga I loro grassi stipendi?? I rom?? I migranti?? e poi se non ci sono forze de'ordine ad aiutare I migrant, non si puo mica toglierli alle scorte della Boldrini no? continua=

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 26/01/2017 - 14:48

---98NARE---ci hai preso--oltre al mio lavoro sono anche un vigile del fuoco volontario con richiamo----tu che fai invece? coltivi banane?----hasta

Silvio B Parodi

Gio, 26/01/2017 - 14:53

e poi I terremotati che rompi, vogliono le cassette?ma dove troviamo I soldi? dobbiamo dare 20 miliardi al MPS la nostra banca allora?? a chi la precedenza?? dove mettiamo I migrant?? beh all'hotel con vitto alloggio sigarette telefonino e I terremotati?? nelle tende no? e I rom presi con le mani nel sacco?? niente paura, il giudice,ci pensa lui?? il giorno dopo lo riprendono con le mani in un'altro sacco fa niente anche lui/lei deve mangiare, e gli italiani?? boh!! e I derubati boh!! W L'ITALIA abbasso gli italiani ahahahah io sto al caldi in Florida ciaoooooo

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 26/01/2017 - 15:19

@elkid, punto validissimo. chi avrebbe dovuto tenere la strada sgombra dalla neve e' grandemente responsabile. certo non si puo' inviare uno spazzaneve quando ormai il manto di neve giunge a circa due metri. in questo caso occorre una ''fresa'' o ''turbina'' che dir si voglia. Ma la responsabilita' di colei che ha risposto alla chiamata e' grave anzi gravissima. Rappresenta il primo anello della catena di soccorsi e si e' comportata in maniera inetta.

roberto.morici

Gio, 26/01/2017 - 15:24

@elkid. Ha ragione. Infatti mi meraviglia e molto il fatto che, al minimo segnale di pericolo, i vigli del fuoco si precipitino come razzi...

nevtavo

Gio, 26/01/2017 - 15:29

ATTENZIONE!! Nessuno pagherà perché tutti di sinistra, magistratura compresa! nevtavo

Ritratto di gian td5

gian td5

Gio, 26/01/2017 - 16:05

Può essere un commento partigiano, ma mi preme far notare che chi ha "funzionato" non è stato il funzionario lautamente pagato, ma il volontario che tra le altre cose ha usato il telefono personale.

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Gio, 26/01/2017 - 17:11

Nelle varie trasmissioni piene di soloni non ho mai sentito parlare di un piccolo particolare....: e se avessero cominciato a spalare le strade con i classici mezzi tradizionali , come si fa nelle autostrade e nelle strade, non credo che si sarebbero formati 5mt. di neve ed i soccorsi sarebbero potuti arrivare molto prima, al di fuori dell'incompetenza dei funzionari preposti a ricevere le urla dei poveri clienti dell'Hotel.Gwendolin

Giampaolo Ferrari

Ven, 27/01/2017 - 09:16

In un paese serio quella persona che ha bollato come bufala senza controllare va licenziata,mai piu assunta in ambienti pubblici.