Rimini, donna trovata morta: aveva un coltello piantato nel cuore

Una cameriera romena di 33 anni è stata trovata senza vita nella stanza della pensione in cui viveva, a Rivabella di Rimini

Un grave fatto di cronaca nera sconvolge la Romagna, dove una donna di trentatre anni è stata trovata morta nella pensione (Scilla) in cui viveva a Rivabella di Rimini, con un coltello piantato nel cuore. La vittima, di nazionalità romena, faceva la cameriera. Sul posto sono intervenuti gli uomini della Squadra mobile riminese. Descritta come una bella donna, dai caratteri mediterranei, l'anno scorso aveva perso un figlio di 12 anni, morto annegato in Romania. Proprio stamani la donna aveva in programma di partire per il suo paese.

Il corpo è stato trovato dalla titolare della pensione Scilla, la struttura per cui la donna aveva lavorato questa estate. La titolare che gestisce la pensione - che in questi giorni non ospitava più turisti per la chiusura della stagione - con il figlio ha rinvenuto il corpo della donna nella cucina, che si trova al primo piano della struttura.

Commenti

Pedrino

Gio, 19/09/2013 - 14:46

Questo non è un paese per donne..

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 19/09/2013 - 14:54

Un'autopsia stabilirà se è morta davvero.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Gio, 19/09/2013 - 14:57

@pedrino: si ma è un paese per pecoroni come te.

Pedrino

Gio, 19/09/2013 - 15:27

Guarda il titolo a destra, cretino. Dove c'è Nicola Porro.. Ma non capisci comunque..

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 19/09/2013 - 15:28

Avrebbe fatto più notizia:Rimini, donna trovata viva: aveva un coltello piantato nel cuore.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Gio, 19/09/2013 - 15:37

@Pedrino: Cosà c'entra il titolo di Porro dato che parla di imprese?? Solo un pecorone come te poteva riprendere quel titolo per ripetere un'idiota slogan femminista. Sei un pecorone italiano a pieno titolo. Non offenderti se ti chiamano per nome. L'Italia è un paese dove la donne non solo hanno miriadi di privilegi, agevolazioni e vantaggi in tutto, ma fanno quello che diavolo vogliono. Quindi rifletti prima di belare.

Pedrino

Gio, 19/09/2013 - 16:10

Sei un ignorante se pensi che una donna, SOLA, di fronte a un uomo armato di coltello, può avvalersi dalla legge.. Lascia perdere, fai altro..

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 19/09/2013 - 16:37

Alberto86: Prova a ritrovarti in stato interessante con contratto determinato e poi vedi dove vanno i privilegi e vantaggi delle donne. Prima di dare delle pecora a qualcuno bisogna che tu vada a fondo sul perchè sei di forma sferica e di color marrone.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Gio, 19/09/2013 - 16:41

@pedrino: oltre che caprone non capisci neanche il senso dei post. Mi riferivo alla tua tua frase del primo commento, non al fatto specifico di per se. Di fronte ad un individuo armato (donna o uomo che sia) nessuno può avvalersi della legge (uomo o donna che sia). Oramai voi ragionate come ragiona la tv.

Ritratto di Alberto86

Alberto86

Gio, 19/09/2013 - 16:49

@gzorzi: Sei tu che non sei informato o meglio sei bello disinformato dalla tv nostrana. Informati bene su tutte le leggi pro-donna approvate negli ultimi anni. Probabilmente sei rimasto indietro di qualche decennio. Probabilmente sei più marrone e sferico di quanto credi lo siano gli altri.

Nadia Vouch

Gio, 19/09/2013 - 17:49

@Alberto86. Non sono leggi pro-donna. Sono leggi varate per colmare lacune che erano, e ancora sono, presenti nella società, per cui le donne erano, e ancora sono, in posizione ingiustificatamente inferiore agli uomini. Per esempio, negli anni Cinquanta, i datori di lavoro tenevano due libri paga. Uno era per gli uomini, l'altro per le donne. A esatta parità di mansioni e di orari e spesso a fronte di una maggior produttività femminile rispetto a quella maschile, nell'identico ambito di lavoro, le donne venivano pagate un terzo rispetto agli uomini. Inoltre, voi uomini non partorite, o ha da obiettare anche su questo? Perciò, prima informarsi, poi sparlare.