Rimini, neopatentato travolge due donne

Un giovane 21enne alla guida di Volvo Station Wagon ha investito due turiste russe, uccidendone una sul colpo e mandando l'altra in ospedale in prognosi riservata. Rintracciato a casa dei nonni: "Non ricordo nulla"

Un pirata della strada ha investito due donne di nazionalità russa, uccidendone una sul colpo e mandando l’altra in ospedale in prognosi riservata. Il conducente del veicolo è poi scappato a nascondersi a casa dei nonni. Rintracciato e arrestato dalla polizia stradale di Rimini, è un neopatentato di 21 anni, Marcello Tarabini, nato a Reggio Emilia e residente a Rimini. In manette per fuga, omissione di soccorso e omicidio colposo, dice però di non ricordarsi nulla e
nega ogni addebito.

Questa mattina alle 5.50 in via Regina Margherita, il lungomare riminese, il 21enne era alla guida di una Volvo Station Wagon, intestata alla nonna, e ha investito prima Tatiana Tikhonova, 58 anni, scaraventando nel giardino di un Hotel uccidendola sul colpo, e poi la connazionale Natalia Maksimona, 45 anni, trascinandola per alcuni metri. Le due donne camminavano lungo il viale e sono state investite alle spalle. La 45enne è in prognosi riservata ricoverata all’ospedale Bufalini di Cesena. La polizia è riuscita a rintracciare l’auto pirata grazie ad un video di sorveglianza di un negozio e alle testimonianze di chi aveva assistito all’incidente.

Alcuni passanti hanno fornito addirittura modello di macchina precisi. Una volta risaliti alla vettura, gli agenti hanno scoperto il domicilio del 21enne, che hanno sorpreso a letto. Il giovane, con addosso ancora alcuni frammenti di vetro del parabrezza della Volvo, distrutto nell’incidente, ha però detto di non essere stato lui, di aver trascorso la nottata a pesca e poi di essere tornato a casa.  È stato sottoposto alle analisi del sangue per alcol e droga. Le due donne investite erano a Rimini con un gruppo di turisti russi e questa mattina stavano andando a prendere il bus per la stazione da dove sarebbero andate a fare una vita a Firenze.

Commenti

LAC

Ven, 14/06/2013 - 15:56

Una notizia che si ripete migliaia, migliaia di volte nell'arco di ogni anno a cui NON si vuole porre seriamente rimedio. Per "fortuna" che il muso ce lo sbattono tutti, anche coloro che potrebbero fare ma non fanno nulla per fermare quesat carneficina.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 14/06/2013 - 16:42

Bello di queste storie e' il finale, non ricordo nulla, ero sotto shock, mi sono spaventato, in quel secondo ero incapace di intendere e volere.

a.zoin

Ven, 14/06/2013 - 17:11

Che la GIUSTIZIA lo metta in GALERA e si DIMENTICHI DI LUI.

ADAMS

Ven, 14/06/2013 - 18:30

Per lo piu'non sono "incidenti". La terza causa di mortalità si riferisce a banditi blandamente irretiti da sanzione irrisoria. Chi usa l'auto minando e distruggendo l'altrui vita, e dunque l'altrui famiglia, è necessario che la patente di guida non la veda piu' per il resto della vita. Si introduca un nuovo reato specifico che colpisca con pena piu' pesante del semplice omicidio colposo. Alcool o stupefacenti alla guida, o comportamenti dolosamente criminali senza alcool o stupefacenti, non sono negligenza colposa, non è come soprassedere alla cintura di sicurezza. Che poi la perdita definitiva della patente comporti la perdita del lavoro, la crisi della famiglia se quel lavoro era l'unico reddito, se poi il coniuge divorzia perchè comprende di avere a che fare con un mascalzone, non dovrebbe importare e tanto meno influire sull'irrogazione quantitativa della pena. Esistono Comuni, nel sud Italia, dove dopo una decina di anni dall'introduzione della patente a punti, non è stato tolto alcun punto a nessuno dei residenti. Il vigile urbano è stato assunto dopo una valanga di accordi tra i potentati locali. A chi potrebbe fare una multa ? E la Polizia Locale e Stradale si concentri all'uscita dei locali notturni durante il week-end, il tempo degli stupefacenti venduti nelle piazze è solo un ricordo, i grandi quantitativi di spaccio al minuto avvengono là dentro o negli immediati posteggi. Un giro di chiave nel cruscotto e l'auto provvisoriamente confiscata. Per finire non nutro alcun ottimismo su una buona maggioranza della gioventu' italiana, in altre contrade si beve molto nel fine settimana ma al volante rimane il giovane sobrio.

romacentro

Ven, 14/06/2013 - 18:32

Può capitare a tutti di avere un terribile incidente, ma fuggire senza prestare soccorso lo fanno solo i vigliacchi. E poi negare ogni evidenza, vuol dire anche avere la faccia come il culo. Ho pena per i suoi genitori.

dondomenico

Ven, 14/06/2013 - 19:38

Bravo giovanotto! Io non c'ero e se c'ero dormivo! Io spero che venga giudicato per direttissima, adesso sembra che si creano posti vuoti nelle patrie galere, per il suo atteggiamento deve essere punito con una sentenza esemplare. Ne ammazza quasi due e scappa... In galera ma, subito così gli torna la memoria

adipin74

Ven, 14/06/2013 - 19:43

@a.zoin piuttosto spera che, dopo aver pagato x ciò che ha fatto, venga recuperato e reinserito nella società con i valori giusti! Ha 21 anni e ha fatto una cosa terribile ma ha 21 anni...

blackbird

Ven, 14/06/2013 - 21:53

@ a.zoin: la giustizia lo rimetterà per strada e forse al volante, tra pochi mesi.

franco@Trier -DE

Ven, 14/06/2013 - 23:35

LO DICO SEMPRE CHE IN ITALIA NON SANNO GUIDARE.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 15/06/2013 - 01:00

Ancora non si è fatto nulla per inasprire le pene contro questi incoscienti. Uno che dice di non ricordare nulla dimostra di essere anche un miserabile mentecatto che disprezza la povera ragazza che ha ucciso. Con la giustizia che abbiamo in Italia non c'è da sperare che riceva la giusta punizione.

Ritratto di giulius

giulius

Sab, 15/06/2013 - 07:57

Criminale ed assassino ti meriti la galera.

franco@Trier -DE

Sab, 15/06/2013 - 10:17

inoltre mi piacerebbe avere un euro per ogni automobilista che non ha la cassetta di pronto soccorso a bordo( qui in Germania è obbligatoria)e il giubottino per la sosta di emergenza, diventerei ricco.Però per lo stato italiano interessa abbiate pagato il bollo di proprietà per il resto anche se venite investiti sulla autostrada poco gli importa, importante è incassare palanche.