Rischio bancarotta

La minaccia di Lega e 5 Stelle: con la manovra sforiamo il deficit al 2,4% Ma Tria non molla: «Ho giurato per il bene del Paese». Paura per i mercati

Ci siamo. Nelle prossime ore sapremo se e come questo governo andrà avanti. Entro domani l'Italia dovrà comunicare l'entità della manovra finanziaria dalla quale dipendono i destini delle promesse elettorali. Ieri mattina il ministro delle Finanze Giovanni Tria ha ribadito di non essere disponibile a uno sforamento dei conti superiore all'1,6 per cento. Lo ha fatto in modo solenne e apparentemente irrevocabile: «Io - ha detto - ho giurato nell'interesse della nazione», lasciando intendere che a suo giudizio i Cinque Stelle, con le loro richieste esose, stanno perseguendo interessi diversi dal bene del Paese. La sfida è stata raccolta da Cinque Stelle e Lega che a distanza di poche ore, e a Borsa chiusa, hanno rilanciato le pretese, alzando l'asticella dello sforamento fino al 2,4.

Le due posizioni sono evidentemente incompatibili e, a meno che non si tratti di un gioco delle parti, in politica sempre possibile, per poi chiudere a mezza via, è chiaro che venerdì o saremo orfani del ministro delle Finanze (con tutto quello che ne consegue) o il governo dovrà ingoiare il boccone amaro della retromarcia rispetto agli annunci di questi mesi.

Non tanto in Europa (pazienza quello che pensano i burocrati) ma nelle centrali delle banche e delle grandi finanziarie di tutto il mondo (dove a nessuno importa della lotta tra sovranisti ed europeisti, ma solo della sicurezza degli investimenti) gli addetti hanno già il dito posato sul tasto «sell», vendita. In tanti temono, e qualcuno l'ha anche chiaramente detto, che se il numero che Tria annuncerà sarà superiore al due per cento quel tasto sarà premuto e una montagna di titoli di Stato italiani verranno venduti in pochi secondi innescando una spirale di conseguenze economiche drammatiche per il nostro Paese.

Il «due per cento», forse non a caso, si trova esattamente a metà tra il rigore di Tria (1,6) e i desideri del governo (2,4). Se questo sarà il compromesso ci sarebbe un inutile pareggio, perché i conti peggiorerebbero ulteriormente senza portare alcun reale beneficio nelle tasche degli italiani: mezzi tagli, mezze regalie, mezze riforme. E la somma di tanti «mezzi» non farà mai un solo «uno». Del resto due mezzi vincitori delle elezioni - Cinque Stelle e Lega - mai potranno fare un vincitore. Vedo profilarsi l'ennesima incompiuta italiana, speriamo almeno senza tragedie irrimediabili.

Commenti

venco

Gio, 27/09/2018 - 15:48

L'unica cosa veramente utile di questo governo è quello che fa Salvini a costo zero.

anselmo42

Gio, 27/09/2018 - 16:51

Di nuovo si gufa

Ritratto di Evam

Evam

Gio, 27/09/2018 - 17:05

Lascerei che il reddito di cittadinanza venga posto in essere in tempi caratterizzati da una struttura statale più solida e definita. Adesso forse non è il problema più urgente del paese o quello assolutamente irrinunciabile. E' facile fare promesse elettorali tralasciando volutamente particolari sulla loro fattibilità e relativi tempi.

Zizzigo

Gio, 27/09/2018 - 17:21

Poiché è impossibile che gli animaletti ignoranti comprendano le regole della matematica, applicate all'economia, bisogna che ci vadano a sbattere il muso. Purtroppo sappiamo chi li ha votati, e non sono i meglio e, praticamente, uno ce li ha imposti. Chiaramente pagheremo tutti.

Rossana Rossi

Gio, 27/09/2018 - 17:30

bisogna trovare il modo di togliersi dalle ba.lle i 5stalle i quali hanno posti di governo immeritati dato che le elezioni sono state vinte dal centro-destra. Chi ha voluto metterli di mezzo ha fatto e fa solo il male di questa povera italietta già disastrata da troppi pseudo-governi pd.

ghichi54

Gio, 27/09/2018 - 17:31

Caro direttore, temo che alla maggioranza degli elettori M5S poco importi della bancarotta, perchè avendo poco pensano di perdere poco; in realtà se il paese fa bancarotta perderanno tutti i sussidi di cui hanno sempre campato alle spalle del Paese che lavora.

Ritratto di CiaodalBrasile

CiaodalBrasile

Gio, 27/09/2018 - 17:39

Tocchiamoci i cxxxxxxi...e speriamo in meglio...

Michele Calò

Gio, 27/09/2018 - 17:47

Cercare di fare ragionare chi con la razionalita' ha conflitti di interesse per motivi di analfabetismo funzionale e strutturale è come pretendere di svuotare una vasca con un secchio senza fondo: piu' inutile che impossibile!

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Gio, 27/09/2018 - 18:27

Grazie al felpino il vostro più fedele alleato saremo in bancarotta. Non vi vergognate di governare insieme nelle regioni e comuni e di aver riconfermato l'alleanza per le amministrative. Tanto per lui la logica è sempre quella. IO IO E SOLO IO. Ci tenete così tanto alle cadreghe???? Bravo Berlusconi complimenti vivissimi. lEI SAREBBE UNO STATISTA????

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 27/09/2018 - 18:35

I mercanti sanno bene che un mezza volta è un non senso architettonico: crolla non sta in piedi, due saldate sono una forza. Anche Crick e Crock paiono averlo imparato: sono due non sensi che solo stando insieme hanno un senso. Sono due schifezze ma è così. La democrazia, il sistema più illiberale in circolazione, lo vuole. Noi ne faremo le spese. Prosit.

akamai66

Gio, 27/09/2018 - 18:37

L'Argentina sui defaults è bene informata, peraltro il paragone non calzerebbe perchè non esiste un'unione sudamericana, là quando uno muore al cimitero ci deve andare da solo.Allora intervenne la Cina, che al momento compra quasi tutto,nel caso specifico, di massima, ha sganciato circa 100 miliardi di dollari impadronendosi di tutta la produzione d'energia del Paese:centrali,gasdotti,linee elettriche.Comunque pare non sia bastato perchè stanno chiedendo almeno altrettanto al FMI.Da noi certamente gli addetti ai lavori non ci direbbero BRAVI,peraltro se andasse in default l'ITALIA sarebbe come un'esplosione con nitroglicerina:bisognerebbe rifare la mappa dell'europa!

siculo1957

Gio, 27/09/2018 - 18:56

Proprio 7 mesi fa, in pena campagna elettorale, Berlusconi aveva annunciato proprio l'aumento delle pensione a 1000 euro e le pensioni per le mamme. Ma come pensava di trovare i soldi mica l'ha detto. Cosa cambia con la proposta fatta ora dai M5s con la pensione di cittadinanza?

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 27/09/2018 - 19:36

Cambia per gli importi necessari... eccome se cambia. La cosa più evidente e che pochi sottolineano, è che questa manovra a buffo pretendono di coprirla l'anno prossimo... ma dimenticano che il PIL per l'anno prossimo è dell'1,1%. Come dire, vado dallo strozzino che mi fa buffo ad un anno ma già so che il mio datore di lavoro mi decurterà lo stipendio... Ecco dove sta la differenza.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 27/09/2018 - 19:56

Paventare la bancarotta dell'Italia, dopo che la propria parte politica ha affossato l'Italia sotto il fondamentale aspetto morale, nasconde solo una fottuta paura: che questo 'governo del cambiamento' possa veramente onorare tutti gl'impegni onerosi presi prima delle elezioni. Dopotutto l'illusione delle opposizioni e, con esse, dei loro scribacchini e ciarlatani è propria questa: che l'attuale alleanza di governo fallisca non mantenendo le promesse in modo tale che la gente torni poi a votare di nuovo i vecchi partiti tipo Pd e Fi. Tranquilli: ammesso anche che l'attuale alleanza fallisca e deluda i propri elettori, sicuramente questi ultimi non ritorneranno a votare i partiti che, negli ultimi 25 anni, hanno quasi distrutto il paese.

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 27/09/2018 - 20:37

siculo1957 Gio, 27/09/2018 - 18:56...La Sicilia, terra che ho conosciuto e che amo, non merita un figlio come lei...E.A.

Ritratto di Mona

Mona

Gio, 27/09/2018 - 20:43

Il vero passo giusto o sbagliato NON dipende dal decidere tra 1,6 e 2,4 % di deficit. Il vero passo giusto dipende dal sapere se questo stimolo (1,6 o 2,4) apporta più vantaggio alla dinamica economica del paese. Entrambi le quote (1,6 o 2,4) sono sbagliate se lo stimolo non rapporta più attività economica per coprire le spese dell'investimento. Dunque, il M5S e la Lega devono spiagare in che modo questo stimolo deficitario crea le basi di un rinvigoramento dell'economia nazionale che, in fine di conti, dovrà ripagare lo stimolo finanzario. Gli obiettivi economici sono più importanti degli obiettivi di deficit finaziari (1,6 o 2,4).

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 27/09/2018 - 20:59

-Alsikar- Gio, 27/09/2018 - 19:56...Anche oggi senza medicine? E.A.

kytra1936

Gio, 27/09/2018 - 21:20

Ops, pardon. mi sembrava di star leggendo "Repubblica".

salvofranco

Gio, 27/09/2018 - 21:42

“..due mezzi vincitori delle elezioni - Cinque Stelle e Lega - mai potranno fare un vincitore.” Mi scusi, Sallusti, lei fa il giornalista o il menagramo di professione? Possibile che sia tanto cieco da non rendersi conto che il grande sconfitto è il suo datore di lavoro? Grazie comunque per la costanza, e continui pure il suo gioco: più lei rema contro questo governo – esattamente come fa il PD – e più i consensi a Berlusconi diminuiscono. Ormai quasi ci siamo: tra un po' FI sparisce del tutto.

kobler

Gio, 27/09/2018 - 21:42

Per il bene del Paese... d quale se ha permesso a Renzi e suoi compari di agire come hanno fatto? Per me bisogna guardare meno ai mercati e pensare più alla popolazione che continua a pagare anche per chi a Parlamento c'è mai! Una volta messa a posto l'Italia per gli italiani allora possiamo guardare ai mercati perché se ci basiamo solo su quelli allora siamo fregati. I mercati sono direttamente colelgati con borse e banche quindi è facile capire come può andare con un governo come quello passato

kobler

Gio, 27/09/2018 - 21:45

@ghichi54: anche questo è frutto dell'eredità lasciata da chi c'è stato prima e si è disinteressato perché preferiva i soldi alla popolazione e al giuramento fatto per difenderla! Il suo commento va bene se lo rivolge a quei "signori" di prima che tentano sempre di tornare

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 27/09/2018 - 21:49

ma fatela finita. FI è l'unica cosa che farà bancarotta

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Gio, 27/09/2018 - 22:12

Quando le finanziarie le faceva la sinistra ero sempre dalla parte “dante” mai “ricevente”. Ora c’e’ Salvini al potere, dico: finalmente manovra espansiva e flat tax, un inizio perlomeno! Invece vedo una manovra recessiva, la più comunista di sempre. Roba da rimpiangere il PD. Mi chiedo: ha tolto Nord dal simbolo della Lega, di Padania non se ne parla più, una bestemmia, è complice di una abominevole manovra assistenzialista, frutto dell’invidia sociale pentastellata, ok ci ha levato qualche nxxxo dalle palle, però dicevo, perché mai dovrei continuare a votare Salvini???

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Gio, 27/09/2018 - 22:14

2.4% ale’!! ora aspettiamoci la (giusta) punizione dai mercati. Una domanda: Ma con l’assistenzialismo l’Italia riparte??

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 27/09/2018 - 22:35

Mah, a me pare che in bancarotta ci abbiano mandato i 4 governi abusivi precedenti, spendendo a dismisura e allargando i ldebito. In cassa non hanno lasciato niente ed il margine di manora non è solo limitato ma nullo. la bancarotta di fatto l'hanno creata loro.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 27/09/2018 - 22:39

Tria è disponibile a tutto. Ma vogliamo scherzare? Lui ha la schiena diritta….dritta come quella d'un polipo o di un'anguilla.

stefano_

Gio, 27/09/2018 - 22:44

per il momento di maio (e salvini) sorride e fa il gradasso per aver spuntato 10miliardi che copriranno solo una minima parte della platea interessata al rdc : 5 milioni almeno di disoccupati dal costo di non meno di 55 miliardi e non i 10 di cui si pavoneggia il demagogo di maio. Adesso aspettiamo di vedere cosa diranno la Ue, i mercati e lo spread! Mi sa tanto che le risate di di maio si trasformeranno presto in pianto.

INGVDI

Ven, 28/09/2018 - 08:45

Deficit al 2,4%, manovra assistenziale: decrescita infelice.

Morion

Ven, 28/09/2018 - 09:06

Come quando in Italia si stava bene e i ristoranti erano pieni?

Ritratto di duliano

duliano

Ven, 28/09/2018 - 10:07

Checché ne dica caro Sallusti, anche le manovre di banche,borse e istituti di rating sono pilotate da Germania e Francia che le usano per spaventare e minacciare chi non si piega al loro volere. Casualmente, dopo anni di governi "lecchini" della Merkel durante i quali lo spread, le agenzie e le borse sono state tranquille, adesso, che stiamo rialzando la testa per l'interesse nazionale, ecco arrivare le minacce finanziarie (ci si mette pure Forza Italia ora culoecamicia con l'Europa).

Rinoba

Ven, 28/09/2018 - 10:46

Nord libero da statalisti e parrassiti!

jim74

Ven, 28/09/2018 - 12:25

Direttore se ci pensa bene è meglio avere Salvini al governo con la bancarotta che dei piddioti schivi dell'uropa e che non fanno mai nulla per il Paese e che comunque ci avrebbero fatto andare il bancarotta prima o poi. L'unico che può alvare l'Italia è Mattarella...che si tolga dalle palle!!!!

no_balls

Ven, 28/09/2018 - 12:46

Occore togliere il debito pubblico da mani straniere. Obbligo di acquisto una tantum di titoli di stato a chi detiene un immobile di proprieta'. L'ammontare e' proporzionale al valore dell'immobile. Una ICI dietro cessione di titoli di stato. Con 74milioni di immobili e con un acquisto di 300 euro cadauno sono 250 miliardi .....

FlorianGayer

Ven, 28/09/2018 - 14:58

Bisognerebbe vietare la matematica finanziaria. Non sarebbe poi un caso unico, già in URSS si tentò di vietare la genetica. La matematica finanziaria dice che, se ti indebiti alla follia, i tuoi soldi vanno nel pagamento degli interessi, se trovi un criminale che ti presta i soldi. Questo significa remare contro il governo del cambiamento, la finanziaria del popolo e chissà quante boiate del cavolo. Si vieti e basta.

milano1954

Ven, 28/09/2018 - 15:09

Ignoranza pari solo alla faziosità servile verso il regime PD-UE! l'Italia NON è la Francia: - ha un avanzo strutturale nella bilancia commerciale (la Francia ha da sempre un deficit enorme) - ha comunque un bilancio dello Stato prossimo al pareggio (la Francia DA SEMPRE sfonda il 3 %, con deficit al 4-5 e anche oltre il 6%). E' meglio un debitore con un debito al 96% che è in deficit strutturale o uno con un po' di debiti che da sempre ha però flussi di cassa fortemente positivi? Aggiungo che l'Italia detiene oltre il 70% del proprio debito, mentre il 55% di quello francese è detenuto all'estero 8e tra l'altro il primo creditore è l'Italia). E' troppo difficile fare del giornalismo SERIO?

fisis

Ven, 28/09/2018 - 15:11

Non sono un economista. Ma se i soldi si sono sempre trovati per le banche, perchè non ci dovrebbero essere per i cittadini? Come si dice a poker, io voglio dichiarare: "vedo". Al massimo crollerà l'euro e tutta questa costruzione della maledetta ue. Finalmente, sulle macerie potremo ricostruire una nuova Europa e una nuova Italia sovrana. Non credo che ciò succederà, almeno non a breve, anche se io lo spererei, perché ciò che amo al di sopra di ogni altra cosa è la Libertà, sia nel privato che nel pubblico, e questa ue è una camicia di forza antidemocratica, illiberale e sovietica, che spero crolli al più presto, piuttosto che avere quest’agonia continua con paesi (tipo Italia, Francia, ma anche Germania) che si fanno una guerra continua e sotterranea - per ora solo a parole – altro che unione.

NotaBene

Ven, 28/09/2018 - 15:13

NOtaBene la flat tax non basta. Bisogna eliminare tutte le leggi che mettono vincoli all'economia, p.e. le leggi che danno benefici fiscali se si delocalizza al Sud. E' improduttivo investire nel Sud, anzi, ti mette il piombo ai piedi. Non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo azzerare gli aiuti statali, che corrompono (annullano ogni spirito imprenditoriale e creano dipendenza) invece di aiutare. O ce la facciamo da soli, noi italiani, o nessuno sarà capace di aiutarci, né lo stato, né la UE.

NotaBene

Ven, 28/09/2018 - 15:19

Imparate l'economia, e capirete che non esiste ALCUNA VIA D'USCITA che non implichi STRINGERE LA CINGHIA. Ma c'è modo e modo di stringerla: preparando la riscossa nel futuro o lasciarsi dissanguare dalle cattive politiche che spostano solo i problemi da una parte all'altra (come con le tasse) senza risolvere nulla.

Papilla47

Ven, 28/09/2018 - 16:48

Se bancarotta deve esserci avverrà per il tentativo di migliorare la vita agli italiani e non per i bancarottieri di professione.

Zizzigo

Ven, 28/09/2018 - 17:11

Egregio Direttore, oramai può aggiornare il titolo dell'articolo: "BANCAROTTA" certa!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 28/09/2018 - 18:03

Non bisogna peò sforare il 2,4 % per andare nei guai. Ora i grillini pretendono troppo.

carlottacharlie

Ven, 28/09/2018 - 18:18

A me fa paura il mentecatto che non capisce che la ricchezza è prodotta dal lavoro e che i denari vanno iniettati nel dare slancio alla sua nascita con serietà e buonsenso. Mi fanno venir l'orticaria le regalie a cani e porci senza seri controlli e che sono cose ben diverse dagli aiuti. Vedo già i milioni e milioni, tanti milioni di ogni etnia, che aumenteranno di numero ogni giorno a sfruttare le regalie. Vedo gli auspicati, dai grulli, centri per l'impiego ancora meno adatti a svolgere il loro lavoro, però adattissimi ad infornar altra manodopera incapace ed a nostre spese, dovrebbero chiuderli già che negli anni mai hanno prodotto qualcosa di utile per la popolazione che vuol lavorare. Sempre i soliti carrozzoni nati per esser serbatoi di voti. Vedo nulla di sensato nelle grilline stanze, solo arrembaggio ai forzieri.

salvofranco

Ven, 28/09/2018 - 18:33

-nestore55- Gio, 27/09/2018 - 20:59… lei non è stato in grado di replicare alcunchè nel merito di ciò che siculo1957 ed Alsikarhanno scritto. Poiché la verità pura e semplice non le piace, allora lei ripiega su miserevoli considerazioni personali che certo non le fanno onore. Che figura barbina…

Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Ven, 28/09/2018 - 20:46

È una manovra sudamericana, i due masanielli, o meglio i piccoli chavez e maduro, ci faranno finire come argentina e venezuela. Speriamo che l’europa li fermi. O che lo faccia qualcun altro, con le buone o con le cattive. Due arrivisti irresponsabili e impreparati, che gestiscono cose piu' grandi di loro e che non possono comprendere.

Ritratto di jasper

jasper

Ven, 28/09/2018 - 21:45

Il Lavoro èimportante però bisogna vedere Cosa si produce con il Lavoro. Se il prodotto non viene venduto perchè non interessa nessuno ci fai la birra col Lavoro. In Germania si lavora moltissimo ma, per esempio, i campi di aviazione americani sono pieni e stracolmi di VW Golf Diesel che nessuno compra perchè non possono venir vendute, però in Germania si continua a lavorare e a produrre Golf che nessuno compra. Bel sistema vero? Il discorso vale per tutte le altre macchine Disel prodotte in Germania e esportate negli States. Da ridere. Buon Lavoro Frau Merkel. AH!AH!AH!AH!AH!

asalvadore@gmail.com

Ven, 28/09/2018 - 23:11

Credono di aver vinto una sfida contro l'Europa, che orgoglio e che soddisgazione. Anici miei avete sbagliato la mira, il vero giudice é ancora fuori é IL MERCATO grandi babbei. Ma piu babbei sono gli italiani che si sono lasciati infinocchiare e ancora si lasciano infinocchiare da questi avventurieri.

forzanoi

Sab, 29/09/2018 - 06:36

la speranza è che questi arroganti dilettanti che governano come se fossero all'opposizione per mera perenne campagna elettorale alla ossessiva ricerca di consensi vadano a casa il prima possibile! Hanno creato un odio sociale senza precedenti tra i fannulloni che seduti sul divano o a passeggio nelle piazze inveiscono contro le oneste persone operose che dovranno pagare il loro furtivo reddito di cittadinanza. Ah se Garibaldi non avesse unito l'Italia, questa ora sarebbe una grande nazione senza la zavorra del regno delle due Sicilie ! Attento Salvini che il Nord prima o poi si stuferà anche di te!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 29/09/2018 - 08:26

Direttore, di tutto potrà succedere alla riapertura dei mercati, lo spread che arriva a 2000, le cavallette, George Soros che cambia sesso e diventa una star del Burlesque ma una cosa è successa e Lei insieme a molte altre persone intelligenti e di buona volontà sembra non essersene accorta. Siamo passati da un sedicente leader che dichiarava "se perdo il referendum smetto di far politica" ma poi non ha mai smesso ad un governo composto da barbari cialtroni che mai non hanno lavorato in vita loro, che però MANTENGONO LE PROMESSE ELETTORALI. Quanto costa questo ? Molto . Quanto vale questo ? VALE TUTTO !

INGVDI

Sab, 29/09/2018 - 08:50

Ci vorrà del tempo, ma quando gli elettori di centrodestra sperimenteranno sulla loro pelle gli effetti deleteri dei provvedimenti di questo sciagurato governo, si formerà un movimento di liberazione dal neo comunismo generato dal "matrimonio" contro natura Salvini-Di Maio.

Pitocco

Sab, 29/09/2018 - 09:16

Sallusti forse non sa, oppure rema contro, che uno stato NON può fallire mai. E meno che mai se ha la sua moneta e ne è proprietario. Ora in questo caso, in cui la moneta è proprietà di alcuni usurai bancari e non del popolo italiano o europeo, può accadere che alcune parti dello stato, ovvero alcune emissioni obbligazionarie vengano sottoposte a pressione dalla speculazione voluta dalla BCE, leggasi M. Draghi, quell'impostare che ci ha venduto nel 1992 assieme al criminale di Ciampi e Andreatta. Pertanto chiedo a Sallusti perché remare contro gli interessi nazionali???

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 29/09/2018 - 12:32

Quel che si vede in fotografia altri non é che "IL TRIO MONNEZZA" Questi ci sommergono di mxxxa.

FlorianGayer

Sab, 29/09/2018 - 12:48

Caro Pitocco: uno stato non può essere messo in liquidazione fallimentare, questo è vero. Ma uno stato può non trovare i fessi che gli prestano denaro. La cosa si è verificata, si verifica e si verificherà in futuro. Le conseguenze sono diverse nella forma, non nei fatti: o si vive con l'economia dei cacciatori-raccoglitori (età della pietra) o bisogna vendere la propria roba per tirare avanti.

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 29/09/2018 - 12:51

Direttore Sallusti, pur confermando la stima e la simpatia che le porto , non riesco ad ignorare la sensazione che lei si stia sostituendo (chissà mai perchè?) alla "nave senza nocchiere in gran tempesta" di dantesca memoria. Si decida una buona volta ad approdare da qualche parte, qualunque essa sia, e getti finalmente l'ancora.

FlorianGayer

Sab, 29/09/2018 - 14:25

A Maximilien: anche Hitler ha mantenuto le promesse. Il punto è che erano minacce.

bremen600

Sab, 29/09/2018 - 14:56

l'italia non rischia la bancarotta ma è già fallita per colpa di fi e pd. avete mangiato i nostri risparmi,le case e il lavoro.pertanto.............