Rispondi agli sms dello stalker? Per i giudici non sei più vittima

Fa discutere una sentenza della Cassazione secondo cui una ragazza campana che rispondeva alle persecuzioni dell'ex fidanzato non è considerabile come vittima di stalking

Una sentenza che ha lasciato a bocca aperta, la 9221/2016 della Cassazione. Con cui i giudici della suprema Corte hanno stabilito che l'accusa di stalking può venire meno se la vittima delle persecuzioni risponde ai tentativi di contattarla, anche solo per chiedere di essere lasciata in pace.

Gli ermellini sono stati chiamati a giudicare sul caso di una ragazza campana tempestata di telefonate e messaggi minatori dal fidanzato che aveva lasciato. Tuttavia poiché la giovane rispondeva ai tentativi di raggiungerla, per i magistrati del Palazzaccio hanno escluso che si possa parlare di reati persecutori, giudicando configurabili solamente quelle di ingiuria o di minaccia.

Il comportamento della giovane sarebbe insomma stato giudicato poco coerente, anche perché la ragazza avrebbe accettato un "incontro chiarificatore" con l'ormai ex fidanzato - un appuntamento che peraltro sarebbe poi sfociato in violenza sessuale.

"Laddove il comportamento del soggetto passivo - spiega la Cassazione - in qualche modo assecondi il comportamento del soggetto agente, vien meno il requisito indispensabile del mutamento radicale delle proprie abitudini e la situazione di ansia che segna in modo irreversibile la vita della vittima."

Commenti

Libertà75

Mer, 09/03/2016 - 11:30

La sentenza è logica, gli ermellini dicono soltanto che se una persona è abbastanza forte da reagire affrontando il proprio persegutore allora non c'è l'elemento psicologico di sofferenza che viene riconosciuto nel reato di stalking.

vince50_19

Mer, 09/03/2016 - 11:38

Se risponde ai messaggi accettare incontro chjiarificatore etc. qualche vizio ci può pure stare, però mettersi nello stato d'animo di q

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 09/03/2016 - 11:41

E se la vittima gli risponde mandandolo aff...?Anche in questo caso viene meno l'atto persecutorio? Mah......

01Claude45

Mer, 09/03/2016 - 12:36

65 anni e ....pensione! Le malattie di vecchiaia non rispettano l'età. Per cui, in zona quasi sicurezza, mettiamoci dalla parte della ragione.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 09/03/2016 - 12:42

I Giudici Italici sembrano essere "alieni" per le loro interpretazioni giuridiche. Sono certo che se le vittime di stalker fossero loro l'interpretazione sarebbe ben diversa.

agosvac

Mer, 09/03/2016 - 13:41

Non è che questi magistrati di cassazione dovrebbero andare a farsi visitare da un bravo, uno di quelli MOLTO bravi, psichiatra?????

Ritratto di chiri

chiri

Mer, 09/03/2016 - 22:42

Radiate subito quel giudice