Rissa e blocco stradale: arrestati dieci migranti a Sassari

Nel centro di accoglienza sardo di Li Lioni la situazione è esplosiva: migranti nigeriani e somali si fronteggiano quasi ogni giorno, a volte anche in modo violento

Dieci persone sono state arrestate ieri dopo la maxi rissa fra migranti che ha bloccato fra l'altro la ex strada 131 in provincia di Sassari nei pressi di Porto Torres.

Verso l'ora di pranzo, racconta La Nuova Sardegna, all'interno del centro di accoglienza di Li Lioni è scoppiata una zuffa furibonda fra profughi somali e nigeriani. A sentire il responsabile del centro i somali avrebbero protestato perché non volevano mangiare le stesse pietanze servite ai nigeriani.

Dopo che la situazione è degenerata rapidamente, il responsabile ha subito chiamato i carabinieri, intervenuti con una pattuglia insieme alla polizia di Stato e alla polizia locale. La situazione è però tornata a scaldarsi dopo che i militari hanno individuato gli istigatori della rivolta conducendoli in caserma. Gli immigrati rimasti nel centro hanno subito dato vita ad una protesta bloccando due corsie della vicina strada ex 131.

Alla fine dieci migranti sono stati arrestati e rinchiusi per decisione del magistrato nel carcere di Bancali. Secondo gli inquirenti nel centro di accoglienza la situazione sarebbe da molto tempo assai tesa in particolare fra i gruppi etnici nigeriano e somalo, con continui episodi di intolleranza e prevaricazione.

Commenti

maricap

Lun, 17/10/2016 - 11:02

Avanti con le risorse sboldriniane, mantenute con il sudore e i sacrifici del popolo italiano, a non fare una mazza, ma tanto care ai catto/comunisti, Quando cambierà ( speriamo presto) la massa di nullafacenti dovrà lavorare sodo per mantenersi. Minimo dieci ore al giorno, nei lavori socialmente utili come la cura dei boschi, gli argini ai fiumi, la pulizia degli alvei dei torrenti,ecc ecc. Niente più soldi alle cooperative, i 37,5 euro giornalieri direttamente a loro, che ci dovranno pagare anche le tasse, e tutto il resto. Per i riottosi rimpatrio immediato, o qualora fosse difficoltoso, lavoro coatto in miniera. Già l'UE non permette, e all'ora, per non finire come la Grecia, o le si fa cambiare metodo, oppure Italyexit, e si ricomincia ad esportare in Russia.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 17/10/2016 - 11:06

Ma come?? I negri non sono tutti fratelli e della stessa razza?? Come dicono radical-chic,sinistroidi,comunistardi e non ultimi pdioti??ALlora dovrebbero stare tutti vicino vicino!!!

Giorgio Rubiu

Lun, 17/10/2016 - 11:06

Via tutti, senza distinzione, dal centro di accoglienza. I somali in Somalia e i nigeriani in Nigeria, così ognuno mangerà il cibo che preferisce e non ci costerà più nemmeno un €. Chiudere tutti i centri di accoglienza e, se gli espulsi tentano di tornare in Italia, rimpatrio immediato senza se e senza ma. E' ora di finirla di consegnare Paese nelle mani di questi fannulloni rissosi e prepotenti.

guardiano

Lun, 17/10/2016 - 11:20

Questa gentaglia ha trovato con la complicità dei parassiti al governo il suolo italiota appropriato per sfogare i loro istinti selvaggi, DE-menti continuate a votare cantando bella ciao.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Lun, 17/10/2016 - 11:22

tra clandestini non c'è tolleranza, ma a noi viene imposta, rifiutano le pietanze a loro offerte, evidente che a casa loro mangiavano meglio, vogliono più diritti, al loro paese venivano dati, loro sono i custodi dell'unica religione monoteista vera, gli atri sono infedeli, sono mantenuti da tasse che gravano su italiani che on arrivano alla fine del mese, ma pretendono hotel 4selle a spese nostre. pregano piegandosi a terra, noi invece ci pieghiamo a 90, ma non per pregare, per ospitarli. grazie governo, grazie ministro alf-ano, per come ci avete ridotti.

maurizio50

Lun, 17/10/2016 - 11:27

La Sardegna ha sempre votato a sinistra. Non a caso venivano da lì eminenti personaggi del defunto PCI. Bene! Chissà che un po' di gente capisca che con i compagni al governo tutto va alla malora!!!!!

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 17/10/2016 - 11:36

Ma perché le nostre "autorità" non prendono questi migranti facinoroso e non li espellono ipso facto, senza tanti complimenti o giustificazioni. Già sono un problema enorme, già gli italiani non li sopportano più ed in aggiunta questi rompono ulteriormente le scatole. Basta, almeno mandiamoli via alla velocità della luce.

Mauri44

Lun, 17/10/2016 - 12:03

farli lavorare per mantenersi ci sono le miniere in sardegna

nopolcorrect

Lun, 17/10/2016 - 12:20

Ma guarda un po'...e chi l'avrebbe mai detto? Questi vorrebbero essere "accolti" ma poi non si "accolgono" nemmeno fra loro...eh, com'è vero che fra il dire e il fare c'è di mezzo il mare...è facile fare chaicchiere buoniste e sentirsi tanto buoni, vero? Ma qui abbiamo la dimostrazione che ognuno deve stare a casa suo o, almeno, vicino a casa sua, i Somali in Somalia e i Nigeriani in Nigeria. E pensare che noi cattivi lo dicevamo da sempre, queste integrazioni sono evidentemente difficili pure fra Africani di razze diverse...faccio notare che i Somali non sono negri e si offendono moltissimo se vengono confusi con i negri...ma i nostri buonisti beoti queste cose non le sanno, beata ignoranza!

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 17/10/2016 - 12:39

per il nostro bene ci stanno pagando le pensioni, loro si impegnano così .votate pd, votate

Altaj

Lun, 17/10/2016 - 13:20

E poi i razzisti saremmo noi. Fuori questa marmaglia !!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 17/10/2016 - 14:59

Perché arrestarli? Non ci pagano le pensioni?

fedeverità

Lun, 17/10/2016 - 15:01

Io voglio aiutare i PROFUGHI...non questa feccia..FATELA USCIRE SUBITO DAL NOSTRO PAESE!!! ORA...O SARà UN CASINO!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 17/10/2016 - 15:30

Tutta gente per bene, raffinati. Se protestano per il cibo, che tra l'altro in Italia è tra i migliori al mondo, possono anche andarsene a casa loro. Mangiavano bene? Allora non c'era la guerra. A casa e subito.

aitanhouse

Lun, 17/10/2016 - 15:39

qualcuno in buona fede può chiedersi:perchè mandare in sardegna migranti che comunque mirano ad oltrepassare il confine? sembra proprio una strxxxxxx pazzesca se non si entra nel famoso discorso che anche in sardegna esistono mangiatoie da soddisfare a cui non si può non procurare foraggio.Gli africani colgono ogni occasione per farsi guerra ed ammazzarsi fra di loro : è una questione di cultura e tradizioni antiche , altrimenti chi, sulla terra potrebbe vivere meglio di loro con tutte le risorse di cui dispongono? solo gli imbecilli pensano di dover far convivere le varie etnie tramite l'accoglienza in europa, forse un giorno sarà pure possibile, ma solo attraverso un lungo periodo di acculturamento e sradicamento di vecchie credenze ed usanze, in nigeria infatti è ancora largamente praticato il woodoo.

Paolorux

Lun, 17/10/2016 - 16:04

TOLLERANZA? ACCOGLIENZA? SECONDO LA EGREGIA MINISTRONA KIENGE SAREMMO NOI A DOVERLA IMPARARE DA LORO!

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 17/10/2016 - 16:46

Sarebbe opportuno dare un segnale ai migranti che vengono da noi a "fare casino" attuando l'espulsione dal nostro paese. La legge che consente l'espulsione andrebbe riformata velocizzando la procedura, togliendo il ricorso e facendo firmare l'atto ad un questore o al massimo al prefetto e NON al ministro (Alfano)

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 17/10/2016 - 17:30

Bene,bene,bene. Adesso i somali vogliono il menu' "a' la carte",cucinato apposta per loro,diverso da quello dei nigeriani. Mi fa piacere constatare la fratellanza e "reciprocita' di intenti che anima le presunte "risorse" boldriniane: Ma questo non è compito loro, ma nostro,secondo le parole del pampero argentino. In pratica siamo noi italiani,rassisti e fassisti,che ci dobbiamo sottomettere alle loro voglie.Qui mi pare che nessuno abbia capito una beata mazza di niente,per primi gli immigrati,a seguire alfano,boldrini,kyenge ed il pampero.Facciamoglielo capire noi,il 4 dicembre......

jeanlage

Lun, 17/10/2016 - 19:46

Perché no riprendiamo a chiamarli per quelli che sono: clandestini illegali?