Ritardi, bagagli e reclami: cambiano le regole per chi vola

Il Parlamento Ue approva nuove norme per le compagnie: più tutele per i passeggeri

Cambiano le regole per chi vola: il parlamento europeo ha approvato infatti un provvedimento che renerà più semplice chiedere (e ottenere) i risarcimenti per chi subisce ritardi o annullamenti o nel caso i bagagli vengano danneggiati o smarriti.

Attenzione innanzitutto alle informazioni date dalle compagnie: in caso di riprogrammazione o annullamento dei voli, i passeggeri devono ricervere informazioni entro 30 minuti e in ogni aeroporto ci dovrà essere del personale dedicato a questa funzione. Chi, poi, ha un biglietto di andata e ritorno, dovrà essere imbarcato nell'aereo di ritorno anche se non ha utilizzato quello di andata. Per quanto riguarda i bagagli, le norme dovranno essere molto chiare e quando entro due mesi dal ricevimento del reclamo la compagnia aerea non dovesse fornire una risposta completa, si presume che abbia accolto le istanze del passeggero.

Nei casi di "circostanze eccezionali" - tutte specificate nel provvedimento - in base alle quali il vettore non è tenuto a un risarcimento, al passeggero deve essere fornita una spiegazione completa per iscritto. Questo accade ad esempio in caso di "impatto con volatili, instabilità politica e vertenze di lavoro impreviste". Il testo approvato dal Parlamento Ue considera anche le "circostanze straordinarie" di lunga durata, come la crisi della nube di cenere del 2010: in questo caso, la responsabilità dei vettori aerei di pagare l’alloggio dei passeggeri sarebbe limitata a 5 notti. Ora la palla passa al Consiglio europeo, che  potrà accettare la posizione dei deputati o adottarne una propria e discuterla successivamente con il Parlamento.

Commenti

cgf

Mer, 05/02/2014 - 18:58

complimenti, certo però andrebbe notato che ora un volo A/R costa meno di un volo solo andata, dopo sarà come con ryanair, tot andata + tot ritorno = prezzo totale praticamente raddoppiato per le tariffe 'normali' (ie Lufthansa) non sono low-cost e la compagnia si deve 'tutelare' se per caso il pax decidesse di fare solo andata e no ritorno, alla fine chi paga è sempre il consumatore, non certo chi va al Parlamento europeo, magari volando low-cost e facendosi rimborsare il biglietto Alitalia, vero Napolit? lo fa una persona 'normale' è truffa.