Riviera Romagnola senza stagionali: "Oltre mille posti di lavoro vacanti"

A stagione balneare ormai avviata, nella riviera Romagnola mancano i lavoratori stagionali: sono oltre mille i posti vacanti per bagnini e altrettanti negli alberghi

AAA Cercasi lavoratori stagionali: in Riviera Romagnola ci sono oltre mille posti di lavoro vacanti e pochissimi candidati.

Le alte temperature hanno spinto migliaia di persone a riversarsi sulle spiagge della Riviera, per la gioia degli operatori turistici, ma anche per la loro disperazione. Se infatti i turisti non mancano, non si può dire altrettanto dei lavoratori stagionali.

"I numeri sono molto approssimativi, attendiamo stime precise - ha spiegato Simone Battistoni, responsabile regionale del Sindacato italiano bagnini, al Corriere di Bologna - Per ora possiamo parlare di 1000 posti vacanti nella riviera di Rimini e nel complesso di qualche centinaio nella provincia di Forlì–Cesena e Ravenna".

A mancare, però, non sono solo i bagnini: a registrare un'emorragia di lavoratori stagionali sono in particolare le strutture alberghiere, dove mancano gli addetti alle pulizie, camerieri ai piani, aiuto cuoco. L’Aia, l'associazione italiana albergatori di Rimini, rileva, anche qui però le stime sono approssimative, una posizione scoperta in ciascuno degli alberghi associati: circa 1000 nella provincia. Un ammanco che con il boom di arrivi rischia di diventare critico per la buona riuscita della stagione balneare.

Sulle cause, però, gli interessati si dividono. Se le associazioni di categoria, le cooperative dei bagnini e il Silb, il sindacato dei locali da ballo, puntano il dito contro le istituzioni e l’abolizione dei voucher, gli operatori alberghieri lamentano invece l’assenza di personale capace e competente e lo scarsissimo afflusso di aspiranti stagionali ai colloqui conoscitivi.

Per la Cgil di Rimini le responsabilità vanno attribuite a un sistema obsoleto, che usa la cancellazione dei voucher come capro espiatorio e accusa i ragazzi di lassismo, quando invece per troppi anni si è assistito a uno sfruttamento generalizzato della forza lavoro stagionale tramite la somministrazione di contratti inadeguati, ricorrendo anche al lavoro nero e all’assunzione di personale sottopagato.

Per questo, insiste il sindacato, ora i giovani preferiscono valutare la possibilità si trasferirsi all’estero per la stagione estiva, perché il lavoro stagionale garantirebbe più diritti e così perlomeno avrebbero la possibilità di apprendere una nuova lingua da investire al ritorno nello Stivale.

Commenti

mariod6

Lun, 19/06/2017 - 11:53

Lo stato italiano ha messo tante di quelle tasse e balzelli che nessuno ha più voglia di investire e di spendere per migliorare un servizio o un'impresa. Inoltre, con l'arrivo di centinaia di migliaia di clandestini e parassiti le coop ci marciano dentro alla grande e questi disperati sono disposti a tutto per guadagnare soldi da mandare a casa loro.

jenab

Lun, 19/06/2017 - 11:53

si chiama concorrenza, quella che gli imprenditori italiani non vogliono nemmeno nominare. Se in europa ti offrono un contratto decente, i più svegli se ne vanno...

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Lun, 19/06/2017 - 12:09

Tutta retorica per giustificare arrivi di immigrati...

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 19/06/2017 - 12:11

Pagate il giusto e vedrete che i lavoratori ci saranno.

jaguar

Lun, 19/06/2017 - 12:42

La riviera romagnola è invasa da manodopera straniera a basso costo, mentre gli italiani giustamente non sono disposti a farsi sfruttare per pochi euro al giorno. Quindi gli albergatori è inutile che si lamentino, devono solo pagare il giusto.

giovinap

Lun, 19/06/2017 - 12:49

i lavoratori "stagionali" in romagna sono almeno 10.000 , dunque c'è stato un calo del 10% , nulla di irreversibile , si lavora più svelti del 10% e nessuno si accorge di nulla .

Trinky

Lun, 19/06/2017 - 12:59

forza, sono tutti posti a disposizione per i clandestini........peccato che loro non ci sentano da quest'orecchio perchè si tratterebbe di lavorare.......

Divoll

Lun, 19/06/2017 - 13:07

Che problema c'e', stanno per arrivare i "nuovi italiani" (o forse i nuovi schiavetti? Sara' questo il vero scopo dello ius soli delle varie Boldrini, Cei, ecc.?)

manfredog

Lun, 19/06/2017 - 13:07

Di sicuro questa 'mancanza' è dovuta a tanti giovani che hanno poca voglia di lavorare, di fare sacrifici e che vogliono il lavoro su misura per loro; questo in parte, perché per il resto la mancanza è dovuta al fatto che molti (e mi contengo..) stabilimenti balneari e attività sulla costa che fanno 'turismo', pur avendo spese di gestione molto spesso irrisorie (per esempio sui canoni demaniali), pur praticando prezzi dove il guadagno è più che assicurato, pur lavorando di sicuro (basta che sia bel tempo..) e pur pagando le tasse 'a modo loro', o di altri, pagano e trattano i loro 'dipendenti' come nemmeno nel Burundi avviene. Quel che dico lo so bene, dato che abito anch'io nella riviera adriatica e di questi pseudo imprenditori ne conosco molti. mg.

Marioga

Lun, 19/06/2017 - 13:51

Chi di voi andrebbe lavorare 12 ore al giorno per 6 giorni la settimana a 400 euro al mese, magari anche con esperienza e contratto fasullo a tempo determinato? Ci credo che non trovano abbastanza personale. Nessuno vede che i contratti dicono una cosa e poi la realtà è un'altra?

cgf

Lun, 19/06/2017 - 14:14

la CGIL ha rovinato il mercato del lavoro in Italia, tanti lacci e lacciuoli ma per 'loro' nulla, nemmeno l'art.18 era valido per loro.

il sorpasso

Lun, 19/06/2017 - 14:14

In Romagna sono tutti rossi quindi speriamo che alle prossime elezioni imparino a votare

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 19/06/2017 - 15:49

NON C'E' LAVORO, SBAGLIATO, NON C'E' LA VOGLIA DI LAVORARE...

cir

Lun, 19/06/2017 - 16:35

che luogo infame...preferisco fare le vacanze nel sottoscala di un grattacielo.

Ritratto di ateius

ateius

Lun, 19/06/2017 - 16:36

ricordo da ragazzo le rincorse ai luoghi balneari e turistici per guadagnarmi un mio piccolo tesoretto.- da studente l'avventura il piacere e la fatica tra un inverno e l'altro hanno strutturato la mia giovinezza.- adesso i giovani che fanno? di che vivono..cosa cercano?

ANGELOB.

Lun, 19/06/2017 - 17:38

Mancano 1000 (sempre questi numeri da scemi) persone competenti per le pulizie, camerieri, aiuto in cucina? E che competenze cercate, magari quelle degli africani che non sanno nemmeno dire buongiorno e buonasera ma li si può dare del Tu e ricattare a piacere e soprattutto servono alla mafia-coop per incassare i 35 euro al giorno?