Rivolta al carcere di Padova: detenuti inneggiano all'Isis

Sale la tensione all’interno del carcere Due Palazzi di Padova. Quattro agenti feriti. Bitonci: "Vanno subito rimpatriati"

Sale la tensione al carcere Due Palazzi di Padova. Ieri pomeriggio una rissa fra due detenuti ha rischiato di degenerare: i due carcerati hanno iniziato a litigare nell’area comune e nei tafferugli che ne sono seguiti due agenti della polizia penitenziaria sono rimasti feriti. Oggi lo stesso copione. Tanto che il sindacato di polizia penitenziaria (Sappe) non fatica a ipotizzare "diverse regie che agiscono con scopi diversi". Ad aggravare la situazione è l’atteggiamento dei molti detenuti arabi che, durante i tafferugli, hanno inneggiato all’Isis e al fondamentalismo islamico.

"I due poliziotti penitenziari sono stati aggrediti e feriti senza alcuna giustificazione", racconta Donato Capece del Sappe spiegando che l'aggressione è drammaticamente degenerata con urla e grida, "evidentemente sintomo dell’avvio di una protesta dei ristretti". Molti di questi, di origine araba, inneggiavano appunto ad Allah e all’Isis. Un particolare che preoccupa il sindacato di polizia. Per questo ha chiesto al ministro della giustizia Andrea Orlando e al capo dell’Amministrazione Penitenziaria Santi Consolo "urgenti provvedimenti a tutela dei poliziotti penitenziari che lavorano nella Casa di Reclusione di Padova e della stessa vivibilità nella struttura detentiva".

Indagini condotte negli istituti penitenziari di alcuni Paesi europei, tra cui Italia, Francia e Regno Unito, hanno rivelato l’esistenza di allarmanti fenomeni legati al radicalismo islamico. I ferimenti di ieri oggi seguono gli episodi delle scorse settimane che hanno visto poliziotti aggrediti e il rinvenimento di più telefoni cellulari nelle celle della Casa di reclusione patavina.

Il sindaco di Padova Massimo Bitonci ha espresso la propria solidarietà agli agenti aggrediti. "Trovo molto preoccupante per la loro incolumità e per quella di tutti i padovani che alcuni detenuti arabi abbiamo inneggiato all’Isis durante la rivolta di ieri - ha detto l'esponente leghista - spero siano presto individuati e rispediti a casa". Per il primo cittadino questi ultimi episodi confermano "un clima incandescente". "La nostra comunità non può permettersi di mantenere soggetti pericolosi in attesa del rilascio", conclude Bitonci initando il governo a stringere un accordo, anche economico, con i Paesi di origine, che "preveda il rimpatrio e la carcerazione nello Stato di provenienza". Questo consentirebbe maggiore sicurezza per tutti, garantirebbe un enorme risparmio per l’erario e sarebbe una soluzione definitiva al sovraffollamento delle strutture carcerarie, occupate in gran parte da stranieri.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 23/01/2015 - 15:15

mò che fanno i PxxxxxxxxxxxxxxI? si metteranno ad aprire le porte del carcere? :-)

Agostinob

Ven, 23/01/2015 - 15:17

Quindi, d'ora in poi, si può venire in Italia, delinquere, rubare, ammazzare, rapinare, far ciò che si vuole. Poi, una volta presi (ammesso che...) sarà sufficiente inneggiare ad Allah e subito si avrà la certezza d'essere liberi e rimpatriati, magari con i profitti già fatti e spediti a casa.

Cormi

Ven, 23/01/2015 - 15:20

Se li mandassero a spaccar pietre, invece di lasciarli senza far niente, vedreste come si calmerebbero ! Sono pieni di telefonini ?!, magari qualche responsabilità ce l'hanno gli stessi secondini; A Padova non sarebbe la prima volta, succedeva ai tempi di Maniero ed anche in tempi più recenti anche con la stessa droga, magari oltre alla solidarietà sarà bene fare una bella indagine.

elalca

Ven, 23/01/2015 - 15:21

fuori dall'italia

marygio

Ven, 23/01/2015 - 15:22

mandiamoci la boldrini a placare gli animi....ahhhhhhhhhh

19gig50

Ven, 23/01/2015 - 15:29

Ma vogliamo proprio farci del male. Aspettiamo che qualcuno di quei pezzenti sgozzi una guardia carceraria prima di prendere provvedimenti?

Rossana Rossi

Ven, 23/01/2015 - 15:31

Subito sbatterli a casa loro....almeno svuotiamo un po' le carceri.......

cespugliando

Ven, 23/01/2015 - 15:41

Non bisogna rimpatriare solo questi ma tutti gli stranieri in carcere. Se uno è venuto in Italia per delinquere non deve essere mantenuto " al fresco" coi soldi degli italiani, Via subito a scontare la pena nei paesi di origine! E avremmo risolto il problema del sovraffollamento carcerario. A quando una legge? Forza deputati... datevi da fare!

aitanhouse

Ven, 23/01/2015 - 15:44

cosa dice il sindaco?dove vive? i paesi di origine dovrebbero riprendere indietro le canaglie di cui si sono liberati? non accadrà mai,neppure se li paracadutiamo sulla loro terra.....

Nonlisopporto

Ven, 23/01/2015 - 15:46

espulsione immediata dei parassiti arabi porcelli. li manteniamo pure a spese nostre???

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 23/01/2015 - 15:53

Si potrebbero assumere più aspiranti secondini tra i tanti disoccupati e poi fare come si vede nei film americani, una lunga fila di detenuti sorvegliati a stretta distanza, tutti incatenati ad un piede, svolgere lavori utili per pagarsi il mantenimento in carcere e mettere da parte soldi per risarcire le vittime dei loro reati, cioè lo Stato o i privati parte lesa. Difficile da fare?

salvatore40

Ven, 23/01/2015 - 16:03

Inneggiare ad Allah,è come pregare;si troverà sempre una Boldrini qualsiasi, accogliente, pronta a difendere il Diritto di Preghiera, anzi a distinguere tra pregare e combattere. Un gesuita, d'altri tempi, la soluzione l'avrebbe trovata : è vietato pregare e insieme combattere, ma nulla vieta di COMBATTERE PREGANDO.La soluzione migliore però l'ho trovata nel Corano.Dove si afferma che ai nemici piacerebbe non poco sorprendere i combattenti di Allah DISTRATTI nella/dalla preghiera. Il testo sacro raccomanda dunque d'esser vigilanti,pronti,di non farsi distrarre NEMMENO DALLA PREGHIERA! Ottimo consiglio. A noi occidentali è sufficiente, per distrarci, qualsiasi monito contro razzismo e islamofobia.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 23/01/2015 - 16:08

Una settimana senza cibo e acqua e poi vediamo.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Ven, 23/01/2015 - 16:09

Non si trovano in un vero carcere ma in un hotel a 3 stelle, come lo sono tutte le carceri italiane. Questi fanatici lo sanno bene, per questo vogliono venire da noi. Andando male anche se finiscono in carcere sono rispettati e trattati da veri ospiti e, in nome dell'integrazione sinistroide che li protegge, sono consapevoli di ciò fanno e pretendono come loro diritto ciò che gli fa comodo. Si trovassero in un vero carcere a spaccare pietre tutto il giorno per un tozzo di pane forse non avrebbero voglia di fare i prepotenti. Signora Boldrini e onorevoli deputati tutti niente da dire sull'immigrazione senza regole e basata solo sulla falsa carità come dimostrato dagli scandali romani?

zadina

Ven, 23/01/2015 - 16:18

Mi meraviglio che nessun politicante abbia mai preso in considerazione il rimpatrio di condannati che affollano le nostre carceri, col divieto di non tornare mai più in Italia, si eviterebbe le sanzioni che l'Europa ci imporrebbe per il troppo affollamento delle carceri, un grande risparmio per il loro mantenimento,ed anche una più grande sicurezza nazionale, si eliminerebbe una grande zavorra attaccata la piede dll'Italia, SVEGLIATEVI PER CHI NE HA LA FACOLTA DI FARLO

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 23/01/2015 - 16:21

C'è ancora qualcuno che "in buona fede",crede alla favola raccontata da Francesco,sui "fratelli"..?Quando nel 2030 ne avremo 3 milioni,c'è ancora qualcuno che non si preoccupa,che su 3 milioni,non ce ne siano abbastanza,da lasciarsi trascinare dai loro "versetti" violenti,e combinare qualche disastro,oltre a quello di aver distrutto il tessuto della nostra cultura,infettato la nostra società di pretese assurde( viste come un "dovere nostro" da parte dei "progressisti-vatican-opportunisti"?...C'è qualcuno che ha ancora dubbi?Non è ancora ora di chiudere le porte,cominciare a puntare i piedi IN CASA NOSTRA,e chi non è d'accordo(di prima,seconda generazione...),invitarlo cortesemente a fare le valigie,per il proprio Paese,di provenienza o di origine???

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 23/01/2015 - 16:21

Anzi, da domani menù a base SOLO di maiale, dalla colazione alla cena, non ti va bene? Non è un nostro problema, non mangiare.

obiettore

Ven, 23/01/2015 - 16:25

Bufala. Sa di bufala, Vero sotuttoraùl ?

wainer

Ven, 23/01/2015 - 16:26

... gli immigrati ci offrono uno stile di vita che tra poco sarà lo stile di vita per molti di noi! (L. Bolbrini)

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 23/01/2015 - 16:29

Concordo con molti dei commenti, come mortimermouse, Agostinob, cespugliando. Quello che aggiungo è come sia possibile che costoro avessero a disposizione vari telefonini cellulari. E’ una prigione o un residence? Com’è possibile che soggetti chiaramente islamici siano in contatto con l’esterno? Sarebbe questa la sicurezza promessaci dal Ministro degli Interni? Se i prigionieri possono allegramente disporre di cellulari, comunicare con l’esterno che razza di sorveglianza sono in grado di garantire i nostri servizi segreti sulla massa enorme di islamici che circolano liberamente a casa nostra viste le premesse? Sgombrare le nostre carceri facendoli rimpatriare a casa loro a smaltire lì la loro pena. Ha mille volte ragione Agostinob a dire che questi hanno trovato il sistema di fare reati e di essere liberati. Il fatto che a casa loro ci sia la pena di morte non deve fermare i loro rimpatri obbligatori. Si tolga questa norma dal codice.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 23/01/2015 - 16:31

CARISSIMA ZADINA non si illuda da sempre, chi come scrive Lei NE HA FACOLTA DI FARLO, SE NE FREGA!!! LOL LOL Tanto LORO non li tocca nessuno, viaggiano con auto blindate 20 agenti di scorta,elicotteri e aerei di stato ECC ECC. Quindi che glie frega degli Italiani, ecco perchè avendo da tempo capito cio, nel 1999 me ne sono andato dal BELPAESE!!! Buenas tardes dal Leghista Monzese

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 23/01/2015 - 16:36

Le nostre carceri sono super affollate a causa degli stranieri.Quindi cominciamo a cambiare registro : tutti gli stranieri extra od intra comunitari vengo riaccompagnati al Paese di origine, consegnati alle autorità del loro Paese e se ne vanno a scontare la pena a casa loro, con la precisazione che non potranno mai più rientrare in Italia. In una botta sola risolviamo il problema delle carceri e dell'immigrazione, perché sapendo che qui la musica cambia, non prendono manco la strada per venire qui.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 23/01/2015 - 16:41

@stock47:...la stra grande maggioranza,degli italiani,purtroppo VOTA partiti che vogliono queste cose!!Noi non abbiamo alcun potere,se non poterci lamentare..per il momento!

Gibulca

Ven, 23/01/2015 - 16:49

Io li metterei in celle con crocefissi e li obbligherei a leggere la Bibbia sulla quale poi andrebbero interrogati. Chi non ha studiato, niente ora d'aria. Chi la sa ripetere, può guardare la tv e fare sport in carcere. Ovviamente tutti sbarbati, puliti e coi capelli corti, in celle singole dignitose che essi stessi devono pulire. Il rimpatrio sarà dopo aver scontato la pena.

Razdecaz

Ven, 23/01/2015 - 16:58

Basta col "buonismo" basta con questa invasione, ai detenuti di origine araba, pranzo e cena con braciolina di maiale fritta con verdure al vino bianco e una sigaretta, tutti i giorni.

GiovannixGiornale

Ven, 23/01/2015 - 17:03

Ecco che succede a metterli in carcere. Depenalizziamo tutto, così non succede più.

giosafat

Ven, 23/01/2015 - 17:10

A pane e acqua, poca, per una settimana poi si impacchettano, anche rudemente volendo, e si spediscono. Fine della storia.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 23/01/2015 - 17:16

@ContessaCV:gia.Come lei sa ne manteniamo 30.000 circa!!!Poi parlano di carceri "super affollate",e per "sfoltirle",depenalizzano una montagna di reati,favoriscono gli "arresti domiciliari","vacanze premio"(per buona condotta....),e cose del genere!....Buffoni!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 23/01/2015 - 17:22

@Razdecaz,giosafat,Gibulca,gzorzi,Cormi,Rossana Rossi,Nonlisopporto,etc.etc.....Avete sentito il parere legale di @Roul Pontalti,se ciò è possibile?.....

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Ven, 23/01/2015 - 17:22

Chissà perche, un tempo, le carceri venivano chiamate "luogo di pena". Forse perchè gli "ospiti" dovevano penare: ecco che si spiega!

forbot

Ven, 23/01/2015 - 17:36

X @ Stock 47 # Non credo che la stragrande maggioranza degli italiani voti per partiti che vogliono queste cose. Sono certi partiti che fanno in modo che i voti siano sempre dalla loro parte. Daltra parte con gli scatoloni di cartone così come son fatti, nella quale mettere e togliere le schede è uno scherzo da ragazzi, e di quelli che vengono da fuori e per pochi euro mandati a votare, e a tanti scrutinatori il posto fisso assicurato, e allora cosa pretendiamo? Forse abbiamo dimenticato tutte le schede ritrovate nelle discariche della Campania? Finchè non ci saranno Capi capaci e Leggi che sono da rispettare; sarà sempre e ancora così.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Ven, 23/01/2015 - 18:08

...Le carceri italiane, per gli stranieri, sono luoghi di villeggiatura, ovvero, pensioni a cinque stelle, se paragonate a quelle dei Paesi di loro provenienza, quali quelle rumene o arabe. Non resta, dunque, che trasformare alcune carceri da adibire alla detenzione degli stranieri, allo stesso livello, con gli stessi regolamenti, diritti e doveri dei detenuti. A questo punto, sono convinto che gli stranieri non delinquerebbero più con tanta disinvoltura.

Mario Marcenaro

Ven, 23/01/2015 - 18:17

Visto che ad essere feriti sono stati proprio degli Agenti, perché il rimpatrio, nelle celle dei paesi di origine, non è stato ancora effettuato? Ma cosa si aspetta ad impacchettarli tutti, anche i simpatizzanti esterni, e rispedirli a casa loro? Basta con le chiacchiere di chi se la sta facendo sotto e liberiamoci di questi criminali venuti qui da noi con la scusa della tolleranza e della protezione ma con lo scopo di scardinare uno Stato già disastrato e il tutto facendosi anche mantenere da noi. In ogni caso la più completa solidarietà alle Guardie Carcerarie che meritano comportamenti delle Autorità meno da buonisti e molto di più da Capi Responsabili di chi serve lo Stato.

filder

Ven, 23/01/2015 - 18:22

Sono convinto che adesso la magistratura buonista motiverà che dobbiamo avere comprensione per il loro stato sociale e che tutto cade nella completa normalità.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Ven, 23/01/2015 - 18:28

Peccato non averci pensato prima, sarebbe stato meglio trasformare in carcere galleggiante, per musulmani, il relitto della Costa Concordia ed ancorarla molto al largo delle coste italiane. Dai barconi al transatlantico.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 23/01/2015 - 18:32

Siamo in guerra o non siamo in guerra ??? Questi delinquenti dovrebbero essere giudicati da un tribunale di guerra, non rispediti a ingrossare gli eserciti dell`Isis. Eventualmente, ammettere la pena di morte per tutti coloro che simpatizzano quei TAGLIAGOLE DELL` ISIS.

NON RASSEGNATO

Ven, 23/01/2015 - 18:35

Fin che si accontentano di inneggiare fregatevene.

FRANZJOSEFF

Ven, 23/01/2015 - 18:41

VEDETE QUANTI CARCERATI EXTRACOMUNITARI EST EUROPEO ASIATICI AFRICANI ALBANESI RUMENI MUSULMANI CI SONO E POI PARLATE DI CARCERI SUPERAFFOLLATI CONDANNA DELLA COMUNITA' EUROPEA. MA ANDATE A FARVI F..... POLITICI DI BRUXELLES. ITALIANI SINISTRI TOGLIETE SOLDI AI PENSIONATI (ANCHE SINISTRI) DISOCCUPATI INVALIDI CIVILI 250 AL MESE PERCHE' DOBBIAMO MANTENERE QUESTI B.....I PRENDETEVI A VENDOLA E COMPAGNIA BELLA ITALIANI NON VI LAMENTATE SE SIETE POVERI

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 23/01/2015 - 18:44

Vanno senza se e senza ma rispediti ai loro Paesi di origine con le manette ai polsi possibilmente togliendo il disturbo di essere oltre che delinquenti anche futuri assassini; penso che i Giudici i dovrebbero istruire ben bene altrimenti potrebbe succedere che li rimettano in libertà e vadano in giro ad uccidere. Shalòm e Forza Italia

opinione-critica

Ven, 23/01/2015 - 18:46

Ricordo che quando ho fatto il servizio di leva nelle camerate si dormiva coi letti a castello, non c'era riscaldamento, ci lavavamo sempre con l'acqua fredda, tranne una volta alla settimana che si faceva la doccia con acqua calda. Questi merdaioli che inneggiano all'ISIS e alla loro superstizione religiosa perché devono essere trattati meglio? Nelle carceri italiane stanno meglio che nei loro paesi, quindi...chiediamo di più, gli italiani sono stupidi e pagano.

manolito

Ven, 23/01/2015 - 19:07

rimpatriati? ma no sono i nuovi candidati di renzi e boldrini alle prossime elezioni del 2080,--non faranno peggio della boldra e della scura africana.e poi con una magistratura fasulla andiamo a ramengo

il nazionalista

Ven, 23/01/2015 - 19:24

Regime di isolamento assoluto e niente ora d' aria per 1 mese, oppure applicazione rigorosa del 41/bis, poi vediamo se si sono calmati, se non lo sono si ripete il trattamento ad oltranza!! Una volta espiata la pena li si rimanda a casa loro!!

Miraldo

Ven, 23/01/2015 - 19:30

Pienamente d'accordo con Bitonci.

Ritratto di AdrianoAG

AdrianoAG

Ven, 23/01/2015 - 19:34

Bitonci ha ragione da vendere. Liberiamoci di questi pericolosi delinquenti spedendoli al loro paese.

Ritratto di marmolada

marmolada

Ven, 23/01/2015 - 19:38

ogni straniero che delinque deve venire espulso direttamente nel paese di origine e non deve rientrare più in Italia. Perchè mantenerli come in un hotel con una pena che non sconteranno mai!! Loro sono felici di stare in galera in Italia perchè molte volte nei loro paesi di origine rischiano la vita e comunque una pena pesante. Dunque accompagnamoli all'ingresso delle carceri dei loro paesi di origine!! E iniziamo a pensare a che vita di m... fanno moltissimi italiani e iniziamo ad aiutarli seriamente!!!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 23/01/2015 - 19:42

Da anni sento dire "rimpatriati" ma nessuno ancora mi ha spiegato come farlo in un MODO LEGALE!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Ven, 23/01/2015 - 19:46

C'è poco da dire: con il "venite ... venite" abbiamo raccolto il peggio! Un po' stanno in galera, un po' per le strade, in attesa della cittadinanza per poi andare a votare a favore di chi oggi li "difende" per sopravvivere domani. Uno schifo e un tradimento!

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 23/01/2015 - 19:49

mandate gli ortopedici...

vaigfrido

Ven, 23/01/2015 - 19:50

Ma i detenuti extracomutari dovrebbero scontare la pena senza sconti nel loro paese di origine , paghiamo noi la retta . Ci costerebbe comunque meno che mantenerli in Italia e sarebbe un aiuto veramente sostanzioso per Romania , Albania e quant'altro.

scipione

Ven, 23/01/2015 - 19:56

E il ministro Gentiloni afferma che " bisogna controllare chi entra e chi esce" ma di quelli che abbiamo gia' in casa non se ne fotte niente.

Ritratto di Baliano

Baliano

Ven, 23/01/2015 - 20:02

... gasarli non va bene, non è etico, frustarli alla colonna, non ri-va bene perché ci metteremmo sul loro stesso piano, mettergli i ceppi, o la catena corta ai piedi, pare disumano... dargli da mangiare pappardelle con cotechino, poi prosciutto di Parma, non è "etnico", ma allora con questi delinquenti barbari che se potessero ci scannerebbero nel nome di allah cosa possiamo e dobbiamo fare con l'obbligo tenerli? Ideona: Mandateci la Boldrini a "trattare" il caso. Lei di sicuro troverà la soluzione. E' disposta a tutto la Boldrini, un'eroina mica da salotto, darà tutto, tutta se stessa..... immolandosi, in nome della "solidarietà". Sarà così? No!

thelonesomewolf97

Ven, 23/01/2015 - 20:06

E CHE ASPETTIAMO A RIMPATRIARE QUESTI ELEMENTI?!!!!!!!!!!! NOTARE LA FINEZZA NEL DEFINIRLI TALI.... CON DECISIONE, SENZA ESITARE. RISPARMIAMO DI MANTENERLI NUTRITI E MANTENUTI NELLE NOSTRE CARCERI, CHE,BENCHÉ CARCERI, SONO SEMPRE MEGLIO DELLE LORO CAPANNUCCE PUTRIDE. OUT!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

giottin

Ven, 23/01/2015 - 20:35

Come? Rimpatriarli? Ma scherziamo? Si mettano subito al rogo!!!!

anna.53

Ven, 23/01/2015 - 21:55

già , fuori dall'Italia , tanto poi i controlli colabrodo del caro alfano inetto (regalato alla politica da B.) penseranno a farli tornare.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 23/01/2015 - 23:59

Andrebbero immediatamente espulsi anche se l'obbiettivo di quei delinquenti sia proprio quello di farsi espellere per raggiungere gli assassini dell'ISIS. ORMAI È ASSODATO. IL FONDAMENTALISMO ISLAMICO ARRUOLA LA FECCIA DELL'UMANITÀ.

eternoamore

Sab, 24/01/2015 - 05:09

MA COSA ASPETTA L'ITALIA PER SPERLI NEL LORO PAESE AD ESPIARE LA PENA. SVEGLIA MAGISTRATI AVETE GLI OCCHI FODERATI DI PROSCIUTTO.

rampy

Sab, 24/01/2015 - 07:45

Io direi che la soluzione e sotto gli occhi e fornita dagli stessi detenuti. Inneggiano ISIS e Allah, perfetto, si fa un accordo con lo "stato islamico" per fornire alcuni giudici ed alcuni giustizieri ed ai detenuti che la richiedono a gran voce si applica la Sharia. Dopo pochi mesi avremo risolto il problema del sovraffollamento, dato che un giudice islamico per riconoscere la colpevolezza impiegherebbe non anni ma pochi minuti.

pinolino

Sab, 24/01/2015 - 08:22

Secondo me il rimpatrio è proprio quello che vogliono. Non vi sembra strana la coincidenza che questo inneggiare all'ISIS è cominciato proprio pochi giorni dopo che sono partite le prime timide espulsioni?

piero.leonorp

Sab, 24/01/2015 - 08:39

vedrete che non vi sara'nessuna espulsione anche perche la magistratura con icattocomunisti preferiscono che sia il popolo italiano a crepare .purtroppo con questa magistratura dobbiamo aspettarci di tutto finche' non ci sara'qualcuno che ci organizzi e ci dia la possibilita di difenderci e soottometterli.Cari magistrati(tutti)siete contenti di cio che pensa il popolo della vostra associazione.Spero che non passi troppo tempo per assaporare la vendetta.

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 24/01/2015 - 15:52

Forse non sono stato chiaro nel mio post precedente. L'articolo parla di cellulari posseduti da costoro. Un cellulare non è cosa che si può introdurre in galera, tra l'altro dovrebbero avere anche il carica batterie e la spina dove attaccarlo dentro la loro prigione, per non parlare della ricarica monetaria, a meno che non sia un cellulare esterno a chiamarli. Com'è possibile che tutto ciò sia avvenuto in una prigione? Come li fanno i controlli in quella prigione, mettendosi la benda sugli occhi?

Esculoapio

Dom, 25/01/2015 - 01:56

POLITICI SCIAGURATI E IRRESPONSABILI! forse si rendono conto che se l'invasione continua : anziche' una "risorsa" gli immigrati diventeranno un serio pericolo. ma per ora, preferiscono salvaguardare i loro sporchi interessi mascherati di "buonismo".....possibile che non capiscano che il danno, prima o poi, arrivera' anche per loro?

zanzarlad

Mar, 23/06/2015 - 13:01

l'invasione dall'interno ,guerra di Txxxa docet