Roberta Bruzzone: "Ricevo attenzioni dalle donne"

La famosa criminola Roberta Bruzzone si racconta a Gente e rivela alcuni particolari della sua vita privata: "Avances dalle donne"

La famosa criminola Roberta Bruzzone si racconta a Gente e rivela alcuni particolari della sua vita privata. "Nella motivazione si fa riferimento al mio impegno per donne e bambini violati che difendo anche con Caramella Buona Onlus, della quale sono vicepresidente e direttore scientifico", afferma la Bruzzone. Poi parla delle avances ricevute da diverse donne: "Tra email e messaggi privati su Facebook, ricevo circa 150 missive al giorno", spiega, "molte sono richieste di aiuto di persone vittime di violenza che non osano andare a sporgere denuncia". E aggiunge: "Alcuni di questi messaggi, una ventina, sono di signore che, come dire, mi fanno delle avances. Si tratta di complimenti eleganti, anche di delicati corteggiamenti. Altri ancora contengono esplicite richieste. E descrizioni di sogni intimi dei quali sono la protagonista. Con Massimo ci ridiamo. Non mi reputo una donna dalla femminilità provocante, forse alle donne piace il mio essere maschile. Il mio mostrare le curve del cervello, piuttosto che quelle del corpo". Infine va ricordato che la Bruzzone da sempre è impegnata in prima linea nella difesa delle donne e nella lotta contro la violenza. E per quetso motivo ha ricevuto il premio Minerva.