Roma, massacrato a bastonate dal branco. Bengalese perde un occhio

Un ambulante bengalese è stato pestato per ben due volte nel giro di pochi giorni. Un'associazione che tutela la comunità bengalese di Rmma ora chiede un'indagine. L'uomo dopo l'aggressione con calci e bastonate ha perso l'occhio

Calci, pugni e bastonate. Ancora. Nel giro di pochi giorni, un ambulante bengalese è stato massacrato di botte per ben due volte da una banda di adolescenti. Il pestaggio si è regitrato per le strade del Tuscolano. A denunciare la violenza è l'associazione Dhuumcatu, impegnata da vent'anni a rappresentare gli interessi della comunità bengalese.

La lettera-denuncia dopo l'aggresione

Preso a bastonate così tanto e così forte da fargli perdere un occhio. La vittima, un ambulante bengalese, è stato ricoverato dopo l'ennessima violenza subita in pochi giori. Ora, l'associazione Dhuumcatu, denuncia il fatto con un lettera alle forze dell'ordine. "I bengalesi non sono esseri umani? Si può picchiare un bengalese, fino a fargli perdere l’uso di un occhio" chiedono dall'organismo che difende la comunità bengalese.

"Chiediamo ai carabinieri della zona di rendere immediatamente pubblico il risultato delle loro indagini". E aggiungono dall'associazione: ""Ipotizziamo che questi fatti siano riconducibili ad uno stesso gruppo di persone, le stesse che, anche in zona Torpignattara, commettono atti di prepotenza nei confronti degli ambulanti bengalesi, costretti a cedere la loro la merce per evitare di essere pestati", come riportato da FanPage.