Roma, c'è Wojtylasui manifesti omofobicontro il Gay Pride

Alcuni militanti di <em>Militia Christi</em> hanno citato le parole di Giovanni Paolo II per bocciare la manifestazione. I manifesti sono stati rimossi

Il Gay Pride arriva a Roma e sulle strade del percorso appaiono manifesti per dire "no a Roma Capitale dell’orgoglio omosessuale". A corredare la scritta c'è la foto di Giovanni Paolo II. I manifesti sono stati affissi dal movimento politico cattolico Militia Christi, che cita le parole che Wojitila pronunciò nel 2000 proprio in occasione della manifestazione: "A nome della Chiesa di Roma non posso non esprimere amarezza per l’affronto recato [...] e per l’offesa ai valori cristiani di una città che è tanto cara al cuore dei cattolici di tutto il mondo. La Chiesa non può tacere la Verità [...] perchè non aiuterebbe a discernere ciò che è bene da ciò che è male".

Per Militia Christi "manifestazioni del genere, che rivendicano orgogliosamente comportamenti innaturali, sono un’offesa per chi ancora ha a cuore una sana visione antropologica della società, sono un modello nefasto per i giovani oltre ad essere deleterie verso chi sente dentro di se tendenze omosessuali. Inoltre non servono a combattere i cosiddetti pregiudizi ma solo ad aumentare diffidenza, squallore, volgarità e irriverenza". E non solo. Per il movimento cattolico tutte le manifestazioni a favore dei diritti degli omosessuali "sono l’espressione ideologica di movimenti che altro fine non hanno se non quello di promuovere falsi diritti e legittimare comportamenti disordinati e dei quali bisognerebbe vergognarsi per intraprendere, al contrario, un percorso di ricostruzione dell’affettività che conduca alla riscoperta del vero significato della differenza complementare della sessualità umana, maschio-femmina".

Immediata la reazione delle associazioni omosessuali. "Se non ci fossero lesbiche, gay e trans e i Pride Militia Christi non saprebbe che fare", dicono il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo e il presidente di Arcigay Roma, Roberto Stocco, "I manifesti affissi a Roma oggi ne sono la dimostrazione. Chiediamo al Comune di rimuoverli". L'appello è stato ascoltato e i manifesti sono stati rimossi prima dell'inizio del corteo.

Commenti
Ritratto di xulxul

xulxul

Sab, 23/06/2012 - 16:53

Altra cristallina manifestazione di intollelaranza violenta e razzista della minoranza gay. Dove anche il pavido comune capitolino si fa complice della repressione del legittimo dissenso di chi non vuole rassegnarsi ad una società nichilista e malata.

paci.augusto

Sab, 23/06/2012 - 16:56

Evidentemente i gay sono TOTALMENTE intolleranti ad ogni critica per le loro manifestazioni. Mi si dica cosa ha di sconveniente il manifesto affisso che riporta considerazioni sacrosante di Papa Giovanni Paolo II. Facendo loro l'atteggiamento dello sponsor comunista, gli omosessuali non accettano alcuna critica. Non è forse una schifezza l'esibizione sguaiata, volgare e vergognosamente diseducativa per i bambini di gente che ostenta atteggiamenti offensivi per il normale senso comune di moralità e compostezza delle persone normali? Sui carri in particolare, vengono esibite oscenità schifose che fanno impallidire il vecchio concetto di ' oltraggio al pudore '! E, una città come Roma, dovrebbe subire questa lurida vergogna senza poter esprimere alcuna contrarietà?

pinet47

Sab, 23/06/2012 - 16:58

Ormai siamo arrivati al paradosso. La libertà di espressione del pensiero viene revocata a coloro che non la pensano 'come si deve' e i manifesti sono rimossi. Nessuno ha niente contro i gay e vuol togliere loro alcun diritto, ma è permesso dire che il loro è un comportamento deleterio ed errato?

The_Dark_Inside

Sab, 23/06/2012 - 17:00

"Gay pride" non è la stessa cosa di "gay rights", non è una semplice manifestazione per la rivendicazione di più o meno comprensibili diritti civili. Per cui bollare di "omofobia" cartelli di legittimo dissenso equivale a schierarsi da una parte. Schierarsi con quelli che non ammettono la legittimità di alcun tipo di dissenso e si riempiono facilmente la bocca di parole come "eterosessismo" e "omofobia" per bollare e delegittimare chi non la pensa come loro. Schierarsi apertamente contro chi ha una precisa visione politica di concetti di famiglia e matrimonio. Schierarsi, in definitiva, proprio contro quella parte di popolazione che quotidianamente fa "la fortuna" di questa testata. Il che, al lettore affezionato, fa un po' male... Saluti.

tonino1959

Sab, 23/06/2012 - 17:38

Titolo assolutamente improprio, sulla scia del Corriere della Sera. Perchè affiggere manifesti in cui si dice "No al gay pride", sarebbe gesto di omofobia ? O addirittura "minacciose offese", come dice il Corriere? O non si può più dire che non si è d'accordo? Il Giornale, e anche il sindaco Alemanno che ha fatto rimuovere i manifesti, dicano esattamente come la pensano in modo che ci regoliamo.

andrea24

Sab, 23/06/2012 - 17:44

Reprimere i manifesti significa reprimere le parole di Giovanni Paolo II.Non si può parlare di omofobia,sulle quali vanno fatte le dovute osservazioni,è assurdo.Al contrario,l'attuale amministrazione romana avrebbe dovuto rimarcare le parole dell'allora Papa(che non si differenziano dall'attuale pensiero della attuale Chiesa Cattolica),che,al contrario,dovrebbe ancora porsi in posizioni di contrattacco,per mantenere viva la sensibilità dei cittadini e dei credenti.Queste manifestazioni folkloristiche sono di cattivo gusto e offensive,nonché reprimenti ed intolleranti alla identità e alla sensibilità religiosa di Roma e degli onesti cittadini romani,di ieri e di oggi e ad una sana visione della realtà.Bene hanno fatto i russi a vietarlo per altri 100 anni.

eras

Sab, 23/06/2012 - 17:49

Comunque non sono meno intolleranti i preti. Diciamo che é una bella lotta tra estremisti egualmente violenti ovvero i fissati con la procreazione e gli edonisti. Che idee profonde e spirituali ahahahah

scipione

Sab, 23/06/2012 - 17:58

Alemanno,continua a stupire per la sua stupidita'e accondiscendenza a valori e richieste contrari alla sua cultura storica.Cambiare si puo' ma non stravolgere i propri valori. Se lo si fa e' necessario dirlo apertamente e non avere il piede in due scarpe per comodita' elettorali.VERGOGNA.

The_Dark_Inside

Sab, 23/06/2012 - 18:07

E dirò di più: non mi aspetto da una testata di "centrodestradestra" una visione vaticanista di concetti come famiglia e matrimonio, ma mi aspetto un assoluto rispetto del laicissimo valore della libertà di manifestare il proprio pensiero. Si può essere pro o contro il gaypride, ma bollare con un epiteto gravemente offensivo -quello dell'omofobia- chi dissente, parificandolo -nell'omofobia- a chi organizza squadroni per l'aggressione delle minoranze gaye o incita al disprezzo o alla violenza contro le stesse, equivale a disconoscere il diritto stesso alla libertà di pensiero su temi "caldi", ed è un fatto tanto grave quanto più chi lo commette vorrebbe farsi portavoce di idee libertarie contro gli oscurantismi sinstrosi, contro l'idea di uno stato "etico" che indottrina le masse propria più di passati regimi che di uno stato democratico moderno. Se manifestare civilmente il proprio dissenso è essere omofobi, viva l'omofobia!!!

EmanuelTribbia

Sab, 23/06/2012 - 18:19

non so se chiara sarra ha letto il manifesto, ma io di omofobo non ho visto proprio nulla...la dimostrazione che la lobby gay detta legge è qua da vedere. tanti tanti auguri ai romani che si devono subire ogni sorta di manifestazione depravata e degradante...

FRANCO1

Sab, 23/06/2012 - 18:31

Bisogna sopportà in pace anche questi qui con le loro manifestazioni pubbliche; sono esseri umani cittadini del mondo e impegnati in tutti i settori della società italiana. Non condivido affatto la loro pretesa di far togliere i manifesti e la rapida decisione del Comune a toglierli.....i manifesti non dovevano essere tolti!! Se tutti hanno gli stessi diritti è bene che ci sia parità di espressione. Taci che il nemico ti ascolta

paci.augusto

Sab, 23/06/2012 - 18:34

Per completare il mio commento n.2, ritengo veramente vergognoso che la giunta Alemanno abbia accolto il reclamo intollerante degli omosessuali per l'affissione del giustissimo e più che equilibrato manifesto con il commento di Papa Giovanni Paolo II. Il comune di Roma si è comportato esattamente come avrebbe fatto Pisapia a Milano o qualsiasi altra amministrazione comunista in Italia. Vergogna!!!!!

tacitus

Sab, 23/06/2012 - 18:30

Un signore di mezza età si reca al consolato Australiano per ottenere i documenti relativi all'espatrio verso tale Paese. Al funzionario che gli chiede i motivi di ciò, risponde semplicemente :per omosessualità! Il funzionario : si spieghi meglio, per favore. Vede, quando ero giovane,era considerata cosa ripugnante e perversa; ora è tollerata e si organizzano persino i gay-pride, non vorrei che un domani diventasse obbligatoria!

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Sab, 23/06/2012 - 19:13

Ad Alemanno dico solo tre parole: VIGLIACCO! VIGLIACCO! VIGLIACCO!

MatildeG

Sab, 23/06/2012 - 19:59

Italiani, svegliamoci o finiremo come in Inghilterra, dove chi osa esprimere disapprovazione verso i gay e il loro stile di vita rischia di vedersi arrivare a casa la polizia (e' successo, vi assicuro), puo' perdere il lavoro o vedersi escluso da partiti politici e associazioni. Ora non bastano piu' nemmeno i PACS, vogliono il matrimonio, e non esitano a richiedere interventi censori degni di Stalin a chiunque dissenta! Facciamo capire ai partiti che per accontentare una minoranza arrogante e petulante rischiano di perdere milioni di voti di gente che conduce una vita normale e crede nei valori (non per forza religiosi) che hanno guidato da sempre la nostra societa'. Come far arrivare il messaggio ai nostri politici? Una grande contro-manifestazione, una petizione, bombardarli di lettere ... purche' ci si attivi!!!

matchline

Sab, 23/06/2012 - 20:00

mi stupisco che il giornale consenta la pubblicazioni di commenti vergognosi contro la persona che offendono gli individui per il solo fatto di avere un orientamento sessuale diverso. Ho già segnalato la cosa a chi di dovere e spero che la polizia postale intervenga per identificarne gli autori e che l'organizzazione da me interpellata proceda alla denuncia per diffamazione.

arkangel72

Sab, 23/06/2012 - 20:15

A mio parere, ha fatto bene Alemanno a ritirare i manifesti di cui si discute. Utilizzare l'immagine di un pontefice magno, come fu Giovanni Paolo II, a fini propagandistici e politici era di cattivo gusto. Ogni papa è universale, appartiene a tutti i cristiani, volenti o nolenti. E' una figura che appartiene all'umanità intera e non ad una parte della società. Il sacrosanto diritto al dissenso sarebbe stato meglio evidenziarlo e sottolinearlo con altre immagini, con altri slogan.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 23/06/2012 - 20:21

manifesti omofobi? omofobia. io non ho paura di un uomo o una donna ne di chi gli si accompagna nell'amore, sesso, amicizia e ciò vale per qualunque individuo del pianeta in quanto tale. non rompete più con la storia della paura dei gay perché tanto è proprio quella provocazione che si usa per attirare i labili che per dimostrare di non aver timore si mettono a sbaciucchiare ometti o femminucce, ma io tengo la testa sulle spalle quindi: se valgono i manifesti e le manifestazioni comunisti/fascisti e quelli anti, vale anche la concorrenza tra pubblicità e feste omosessuali e dei contrari.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 23/06/2012 - 20:27

#18 Paci Augusto (1258) 23.06.12 18:34 scrive: "… Il comune di Roma si è comportato esattamente come avrebbe fatto Pisapia a Milano o qualsiasi altra amministrazione comunista in Italia. Vergogna!!!!!" - - - Sono d'accordissimo. Caro (ex) Alemanno, la mia stima per lei è scesa gradualmente e si trova ora a livello moquette; ma non si scoraggi, c'è ancora un po' di spazio prima di arrivare a livello mattonella.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Sab, 23/06/2012 - 20:56

Ad Alemanno dico solo tre parole: VIGLIACCO! VIGLIACCO! VIGLIACCO!

Sofia

Sab, 23/06/2012 - 22:03

Non posso mai trattenere la voglia di rispondere a certi commenti quando si parla di gay. Primo, credo che la Chiesa abbia diritto di esprimere la propia opinione anche se Militia Christi RAPPRESENTA UNA MINIMA PARTE DELLA CHIESA CATTOLICA. Secondo, non credo che il Gay Pride rappresenti la grande ed eterogenea comunita' LGBT ma solo una parte. Comunque, credo sia giusto si faccia il Gay Pride. Detto questo, sono rimasta allucinata da alcuni commenti, specialmente quello di matrix2008: VOGLIONO L'ESTINZIONE DEL GENERE UMANO? VIOLENTI? PERICOLOSI? DOVREBBERO ESSERE INTERNATI? Mmmm...ma lei di chi sta parlando? Di assasini? Pedofili? Stupratori? Alieni? Credo che sia molto facile usare queste parole per diferendere una posizione quando non si ha la capacita' intelettuale di esporre le propie idee seriamente. In piu', MOLTI PSICOLOGI SOSTENGONO CHE TANTISSIME PERSONE OMOFOBE SONO OMOSESSUALI REPRESSI...

Raoul Pontalti

Sab, 23/06/2012 - 22:46

Sono d'accordo co Rosella Meneghini.

shark

Sab, 23/06/2012 - 23:41

21- stai calma Sofia, da come scrivi devi essere vicina alla crisi di epilessia. Io sarò pure un omosessuale represso, ma sono tanto contento, alla faccia tua e dei tuoi psicologi. In più, per essere felice, non ho bisogno di rompere las pelotas a mezzo mondo andando in giro vestito da pagliaccio in una omofobe pride. Dai retta, curati fino a che sei in tempo.

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 24/06/2012 - 00:22

#3 pinet47 (214) 23.06.12 16:58 scrive:"… Nessuno ha niente contro i gay e vuol togliere loro alcun diritto …" - - - Personalmente io ho il diritto di togliere loro l'arbitrio di scassarmelo un giorno sì e l'altro pure con i loro cortei, piagnistei e isterismi squallidi, sguaiati e ripugnanti. Si facessero i cactus loro tra di loro, con o senza vaselina, e senza scocciare grandi e piccini soprattutto. Questo modo di fare è la dimostrazione come si riesce a rendere omofobo (si dice così ?) anche chi non ci pensa neppure; esattamente come succede col razzismo, xenofobia e tutte le altre cassate di moda oggi. – (2° invio)

Inu-Yasha

Dom, 24/06/2012 - 00:24

Manifesti "omofobi"? Ma chi li sceglie i titoli? A chiunque l'abbia scritto (la tal Chiara Sarra o un redattore) consiglierei di andare a scrivere per l'unità o qualche altro giornale della stessa pasta. E' inutile che cercate di convincerci di essere mostri schifosi che calpestano diritti inalienbili: non abbiamo paura dei pervertiti. Possiamo provare pena, incredulità, rabbia, comprensione, ma NON paura. Accettatelo.

MaiRuss

Dom, 24/06/2012 - 01:32

Ma possibile che debbano semprre prevalere le minoranze sulla maggioranza? Ma in democrazia non è il contrario? Tre pelagatti che mettono tutta la città in riga. Bho ! Ocio che se ci caliamo le braghe con questi è pericoloso !

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 24/06/2012 - 01:35

Hanno copiato il nome "Gay" dagli Stati Uniti, che sarebbe più politically correct di omosessuali. Poi si sono attaccati alla parola omofobi per buttarla in faccia a chi non accetta l'immensa imbecillità di vederli andare in piazza a sculettare. Ebbene io mi dichiaro "Gayfobo" perché considero la manifestazione di piazza degli omosessuali un insulto alla nostra cultura.

MaiRuss

Dom, 24/06/2012 - 01:37

#16 matchline -- ATTENZIONE, che la pensa diversamente dal n. #16 e lo esprime, sarà denunciato e fustigato sulla pubblica piazza!! UOMO avvisato.....

umberto schenato

Dom, 24/06/2012 - 03:18

Che siano diventati molti e molto attrattivi per i disonesti amorali politici, e' una verita', ma un po' dimoralita' anche di questi, dovrebbe essere invocata. Purtroppo sono molti ora e ci sono ragioni invocabili sull'esplodere di questo perverso fenomeno. La tendenza di questi anormali non e' il farsi una famiglia ma di approfittare di ogni opportunita' per soddisfare i loro perlomeno strani istinti. Sono pericolosi per la nostra gioventu'adolescente e devono essere combattuti e isolati. I Giornalisti per chiamarli non dovrebbero usare parole straniere ma usare quelle della nostra ricchissima lingua

Ivano66

Dom, 24/06/2012 - 07:01

I veri malati sono gli omofobi, probabilmente gay repressi. Queste cose stanno sui libri: basta leggerli.

Saltovitale

Dom, 24/06/2012 - 07:52

A Roma si attaccano manifesti per qualunque cosa. A quanto pare sul GAY PRIDE è PROIBITO DISSENTIRE. CI deve piacere per forza. Altrimenti siamo delinquenti. E tanti saluti al libero pensiero.

Ritratto di Gabryele87

Gabryele87

Dom, 24/06/2012 - 08:55

Premetto che trovo il Gay Pride di cattivo gusto non in quanto manifestazione omosessualità ma in quanto inutile manifestazione della parte minoritaria e kitch degli omosessuali , ritengo pur sempre che Militia Cristi debba fare una analisi di coscienza. Non parlava forse Gesù di perdono ed amore verso il prossimo ? E' strano come certi ultra cattolici estremisti parlano di Gesù per farsi belli all'opinione pubblica e poi però citano le parti peggiori della bibbia quando fà loro comodo. Amore o odio , non si possono nutrire entrambi i sentimenti e dire di essere buoni cristiani. Concordo con Sofia , studi psicologici hanno dimostrato come l'omofobia sia figlia della propria insicurezza sessuale , se uno è in pace con se stesso non teme chi si porta a letto il suo vicino.

MMARTILA

Dom, 24/06/2012 - 09:28

Omofobia? E dove sarebbe? Queste iniziative le considero lotta per la decenza...siete mai stati ad un gay pride? A Torre del Lago Puccini se ne sono svolti molti...non lontano dal luogo in cui vivo, ho amici da quelle parti, già l'ho detto 1 volta: se ne vanno per non assistere alla prostituzione sessuale la più depravata possibile, alla luce del sole, in mezzo alla strada. Questo è orgoglio? A me pare sfrontatezza, maleducazione allo stato puro, esibizionismo da 4 soldi a danno, soprattutto, dei minori che sono costretti ad assistere a tale scempio comportamentale.

sebavenezia

Dom, 24/06/2012 - 09:37

Sodoma e gomorra... nostro signore e' ora di dare una ripulita a questo mondo malato e infetto.sia fatta la tua volonta.... AMEN!!"

Damaris

Dom, 24/06/2012 - 09:50

Orgoglio de che? Dell'atto omosessuale? O di essere omosessuale? Mi risulta che la Chiesa condanni solo il primo, cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica. Giustamente, per natura, l'ano è stato studiato dal progettista per altri scopi e così altre nobili parti del corpo. Mi sa che tutto è sempre colpa di quei due del giardino terrestre che pensavano di volere essere come Dio.

epesce098

Dom, 24/06/2012 - 10:01

Unica soluzione, come faceva QUALCUNO BUONANIMA: mandarli tutti "in Siberia col CU..O al freddo".

linoalo1

Dom, 24/06/2012 - 10:07

Solo per il fatto che abbiano detto ad alcuni partiti:o ci appoggiate o non vi votiamo;sono da condannare!Sono comunque da condannare perchè Contro Natura!Lino.

sorciverdi

Dom, 24/06/2012 - 10:09

Per favore non si definisca "omofobo" un manifesto che esprime una posizione che, senza entrare nel piano della religione, non solo è alla base dell'esistenza stessa del mondo ma che, in quanto posizione, nel nostro mondo relativista ha diritto di esistere e di esprimersi. Non so e non m'interesa (ho altro di più serio cui pensare) cosa voglia dire "omofobo" ma mi risulta sia un termine con valenza negativa coniato da chi vorrebbe spacciare per normali determinate tendenze sessuali anomale. Aggiungo che se, riferito a persona, descrive chi non ha simpatia per gli omosessuali, allora sono fiero di fregiarmi del titolo di omofobo perché a me quel tipo di persone proprio non piace: forse che al cuore si comanda? Certo che no e quindi fora dal bal, chiaro? Quanto alla scelta di Roma per fare la pagliacciata del gay pride (pride de che, poi?) è ovvio che è una provocazione allora, se davvero vogliono affermare i loro "diritti", vadano a farla a Tehran così i media avranno qualcosa da dire.

druso

Dom, 24/06/2012 - 10:17

#30 Ivano66 (356) - Caro signore, guardi che sui libri possono essere riportate delle stupidita' madornali per cui la lettura dovrebbe essere sempre fatta con quel buon senso delle cose che ormai e' diventato raro. In difetto, lo stesso lettore potrebbe essere soggetto ad instupidimento. Buona domenica a lei.

voce.nel.deserto

Dom, 24/06/2012 - 10:21

Sul Libro che conta (la Bibbia) l'omosessualità è collocata al posto giusto quando parla di Sodoma e Gomorra. Volete essere gay praticanti ? Volete imitare i paesi barbari del centro nord Europa ? Prima o poi pagherete per questo e non citatemi a vostra discolpa le devianze dei cesari o di artisti del passato.. Una via d'uscita l'avete signori omosessuali: piantatela e reprimete le vostre voglie deviate. Ci opporremo con tutte le forze alla sinistra e a quella parte della destra che vuole insozzare ulteriormente il nostro paese. Sui valori non ci possono essere compromessi. Se saremo maggioranza detteremo le condizioni senza se e senza ma e vi manderemo in galera nei casi più gravi, se militanti per corrompere i giovani. Bastea coi trucchetti di chi dice che la maggioranza non puo' fare le regole ed imporle agli altri:è la democrazia. Chiaro ? Non vi odiamo,ma odiamo la vostra devianza,ulteriore elemento di corruzione sociale.

Lili72

Dom, 24/06/2012 - 10:40

Premetto che non mi importa niente dei gay , trovo noioso ormai anzi fastidiosissimo e petulante questo continuo strombazzamento sul orgoglio "gay" , chi lo è o non lo è , film e telefilm sull'argomento ! non se ne può più ! poi scappa fuori il signore del commento n.16 che minaccia denunce e polizia postale se non si è d'accordo .A costui consiglierei una visitina in Iran e altri paesi islamici dove nessuno osa parlare di gay pride ! imparare a non scocciare gli altri sarebbe già una conquista .

tommy1950

Dom, 24/06/2012 - 10:38

Quando siamo vicino allo sconvolgimento dei valori e della natura penso che è prossima la fine dell'umanità. Non voglio fare il catastrofista ma come è pensabile far passare queste cose? Quale appoggio filosofico o morale può giustificare che si faccia passare per normale quello che non può essere? I segnali di una nuova Sodoma e Gomorra ci sono. Però dobbiamo accettarne le conseguenze e poi non ci vengano a dire i grandi opinionisti come fecero con il comunismo che lo hanno criticato solo quando è morto di morte naturale, ma si sono guardati bene dal criticarlo quando poteva nuocere.

precisino54

Dom, 24/06/2012 - 10:46

Nn commento le citazioni bibliche su tolleranza e diversità, nn sono in grado di poter portare il mio contributo alla qstione su qste basi. Disapprovo il clamore e il rilievo ke periodicamente viene dato al “gay pride”. Ke senso hanno queste carnevalate, e a cosa mirano. Se si “deve” accettare di buon grado il gay pride, a quando un macho pride con pari sfottò, siamo o no in situazioni di pari opportunità? Si parla continuamente di omofobia, quali sarebbero le eventuali invettive in quella ipotesi? Qualunque manifestazione nn può permettersi di offendere, nn il comune sentire, ma soggetti ben individuati, come spesso è avvenuto nei confronti del Papa e/o rappresentanti istituzionali. X finire: la spiritosa storiella di #13 tacitus, sarà la logica conseguenza di qsto strabico agire, dalla tutela si è passati alle corsie preferenziali e alle leggi specifiche, x nn dire delle eventualità di aggravante, in contraddizione al dettato di parità! Dal “ghetto” presunto all’empireo effettivo!

Massimo

Dom, 24/06/2012 - 11:00

Di questo passo le barzellette diventeranno realtà e dopo il carcere per gli omofobi (e cosa c'è di male quando si esprimono idee a parole e non con la violenza fisica ?) auspicato da chi vorrebbe una legge specifica che consideri l'omofobia reato, arriverà anche l'obbligatorietà con tanto di cartellino da timbrare per dimostrare di aver avuto esperienze omosessuali ...

precisino54

Dom, 24/06/2012 - 11:10

Ad integrazione di quanto già scritto, vorrei aggiungere quasi un paradosso. Continuamente si invita alla tolleranza della diversità e dei comportamenti, ke è quanto pratico, unico discrimine non accettare la violenza verbale e fisica; a quando l’accettazione dell’idea di ki non accetta di convivere con ki è “diverso”? Non è democraticamente lecito avere idee diverse? Può XY essere infastidito dalla presenza di un “diverso”? Il problema sta tutto nel voler imporre ad altri le proprie preferenze, ma se certi atteggiamenti si limitassero al privato non sarebbe meglio? Non voglio essere bacchettone, ma se vogliamo essere tolleranti dobbiamo necessariamente, ripeto, esserlo nke con ki la pensa diversamente, evitando in ogni caso atteggiamenti estremi. Rapporti sessuali, di vario tipo, in pubblico vanno condannati a prescindere: un rapporto orale sarà sempre illecito sia ke sia etero ke omo, eppure non sempre è stato così visto il chiasso ke ne viene fuori.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Dom, 24/06/2012 - 11:12

"prontamente rimossi priuma del corteo"... Guai a toccare quest'altro target, base di business in ogni campo!... Così ne parla la TV, la stampa e, questo tormentone, sta diventando un'ossessione nazionale, quasi come se - in Italia - non esistessero altre impellenze!... Di noi, padri defraudati dei figli, parlano sempre in meno e sempre più timorosamente, onde non urtare la suscettibilità di "loro eccellenze" i sigg.ri magistrati... Del Daddy's Pride ben si guarda dal dilungarsi la TV, salvo (quando capita un "buco") parlarne per brevissimi istanti... Non frega nulla ad alcuno se, questi signori, vogliono formare coppie di fatto: esistono i Notai e, salvo non porre in vendita il Colosseo, sono in grado di stilare qualsiasi lecito contratto tra vivi. Prima, però, ci sono le coppie di fatto, le coppie con figli, la regolamentazione dei sequestri dei figli ai padri, la riforma del sistema giudiziario e quella dell'abnorme spesa pubblica, quella spesa pubblica che erode rendite e stipendi.

andrea24

Dom, 24/06/2012 - 11:25

Associazioni quali Militia Christi esprimono l'atto militante(in senso positivo) che ogni cristiano,se veramente tale,alla luce della verità evangelica ed in conformità ad essa e alla responsabilità nel contesto sociale,lungi dalla propaganda anticattolica e dell'anticlericalismo e dell'anti-cristianesimo barbaro o sofisticato che sia,devono essere sostenute e ringraziate per il lavoro svolto,che,al mondo d'oggi,putrido,barbaro ed incivile,in cui la caduta della nostra cultura e dei nostri valori,causa nichilismo ed eclissi del senso di Dio,costituisce un atto di fede,la quale non può essere dissociata da effettività.Essere cristiani costituisce infatti azione effettiva,come effettivo è il funzionamento della natura e del cosmo,lungi dunque da un cieco e smisurato sentimentalismo "liberal" o da attivismo anticristiano relativo agli ambienti riconducibili alla cultura ultralaicista.No al neo-barbarismo e alla predatorietà neo-barbarica,della corruzione morale e dei costumi.

adriano1

Dom, 24/06/2012 - 11:37

Nulla contro gli omosessuali ! Anzi, é giusto che sia finita quella cultura della prevaricazione e dell'offesa che spesso si accompagnava ad odiose discriminazioni sul lavoro ( ovviamente non per i 'mignon' della upper class!). Nel privato e nel proprio letto , ognuno é libero di fare ciò che gli pare senza lezioncine morali. Tuttavia non trovo nulla di sconvolgente che molti cittadini si oppongano non con offese, ma con le parole del Pastore dei Cattolici ad una manifestazione , che dalle foto e filmati che si vedono, di rivendicazione 'orgogliosa' ( orgoglio di che, poi?) ha ben poco ma rassomiglia piuttosto ad una esibizione postribolare . Molti cattolici e non ( ci sono anche non praticanti che la pensano così!) si oppongono legittimamente ad una visione della società che ci viene surrettiziamente imposta e che molti ritengono pericolosa e dannosa. L'oscuramento dei manifesti é stato perciò un atto di forza e di arbitrio .

Sofia

Dom, 24/06/2012 - 12:52

Mi scusi #23 shark, ma perche' dovrei essere vicina ad una crisi di epilessia?! Ho solamente scritto quello che pensavo e, di nuovo, dato che lei non ha argomenti seri per difendere la propria posizione, mi dice di andarmi a curare perche' sono vicina ad una crisi di epilessia...ma si rende conto che il suo commento non ha proprio senso?! Stia tranquillo lei per piacere! Pero' la ringrazio perche' e' carino preoccuparsi per la salute altrui...

epesce098

Dom, 24/06/2012 - 15:10

Mettiamo in conto che costoro, oltre a sfogare i loro istinti sessuali fra di loro, cercano anche di irretire ragazzi giovani tutt'altro che gay magari anche con ricatti e minacce? La violenza sessuale esiste solo fra i due sessi opposti?

Ritratto di abj14

abj14

Dom, 24/06/2012 - 15:47

#16 matchline (106) 23.06.12 20:00 scrive: "mi stupisco che il giornale consenta la pubblicazioni di commenti vergognosi contro la persona che offendono gli individui per il solo fatto di avere un orientamento sessuale diverso …" - - - Penso che lei non abbia capito un beato cacchio e/o che abbia qualche complesso di persecuzione. Per quanto mi concerne, non me ne cale un tubo come questi isterici gestiscono le loro tendenze sessuali, basta che non me lo scassino ogni 2 x 3 sulla pubblica via con starnazzamenti e schiamazzi di cattivo gusto. Per quanto riguarda la sua denuncia in polizia, bene bravo 7+; ora si calmi e si goda la partita, solo o in dolce compagnia.

Albert1

Dom, 24/06/2012 - 17:41

@ #16 matchline AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH !!!!! Di la verità sei Beppe? Sei il famoso comico? Sei spiritoso .... la Polizia Postale, i Ros e poi i Nas ... io rilancio con CSI, Strike Back e The Killing. AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH ... oddio non riesco a smettere. Sarai il ventesimo fenomeno che fa qeusto tipo di minaccia!! AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH

Albert1

Dom, 24/06/2012 - 17:36

@ #16 matchline_ AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH !!!!! Di la verità sei Beppe? Sei il famoso comico? Sei spiritoso .... la Polizia Postale, i Ros e poi i Nas ... io rilancio con CSI, Strike Back e The Killing. AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH ... oddio non riesco a smettere. Sarai il ventesimo fenomeno che fa qeusto tipo di minaccia!! AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH_

Albert1

Dom, 24/06/2012 - 17:42

@ #16 matchline _AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH !!!!! Di la verità sei Beppe? Sei il famoso comico? Sei spiritoso .... la Polizia Postale, i Ros e poi i Nas ... io rilancio con CSI, Strike Back e The Killing. AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH ... oddio non riesco a smettere. Sarai il ventesimo fenomeno che fa qeusto tipo di minaccia!! _AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH

Ivano66

Dom, 24/06/2012 - 19:18

#39 druso: mi riferivo a libri di gente come Freud e Jung, comunque grazie per il suo tono civile. Tono che molti commenti ignorano: al di là del merito (comunque discriminare chi ha comportamenti sessuali diversi dai propri è e rimane omofobia) è davvero sorprendente il livore un po' bavoso e la violenza spropositata di molti commenti. Ripeto: spesso dietro questa acrimonia si nascondono omosessuali repressi (Lo suggerisce uno studio pubblicato dal Journal of Personality and Social Psychology, dove, secondo il teorico Calvin Thomas il terrore di essere considerati omosessuali domina le menti dei "normali eterosessuali"). #16 matchline: anche solo per questo, ha la mia solidarietà.

enron

Dom, 24/06/2012 - 22:12

1. Le affissioni abusive vanno tolte come è stato fatto. Il comune ha fatto solo il suo dovere. 2. Chi vuole ingenuamente emigrare in Australia solo per questo rischia di prendere un abbaglio: là i Pride sono anche più popolari e partecipati pure con le istituzioni. E ci sono anche le unioni civili gay. La ricerca di un paese si restringe ai meno sviluppati e che non brillano per libertà! Suggerisco Russia o meglio Iran e Uganda dove sono reati. L'Iran si vanta di non avere gay (ci credo li impiccano), ma lì anche avere un cane viene considerato un vizio da borghesia occidentale. In alternativa qualche paese islamico confessionale a scelta. 3. La contromanifestazione dell'orgoglio "etero" o "famiglia tradizionale" o "antigay" ci fu: il Family Day, che fu la fiera dell'ipocrisia un pò per i pluridivorziati, un pò per i politici e il clero dalla doppia morale. E cmq i diritti ai gay non tolgono niente alle famigli 4. I gay non sono marziani, e non estingueranno di certo l'umanità.

precisino54

Lun, 25/06/2012 - 01:44

In ogni caso; non vorrei che ci fossero comportamenti leciti e sbagliati sulla base di decisioni prese da paesi “culturalmente più avanzati”: ricordo che in paesi del centro-nord Europa si è pensato pure a partiti che inneggiassero al razzismo e alla pedofilia! Ricordo pure che ai tempi ci furono degli stati che si impuntarono affinché nella costituzione europea non ci fossero i riferimenti alla impronta culturale giudaico-cristiana. Stesso tipo di argomentazioni che poi sono alla base di alcune deliberazioni della corte di Strasburgo, che fanno carta straccia della nostra cultura di tolleranza all’impronta del crocifisso, non necessariamente religiosa!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 25/06/2012 - 01:45

Ne abbiamo imparata una nuova. All'uso della generalizzazione del termine omofobi verso chi non condivide l'insulsa volgarità dello sculettamento nelle piazze del nostro paese, ora si aggiunge anche l'accusa di "gay repressi". Sarebbe come dire che a me non piacciono le barbabietole perciò sarei un "barbabietolo represso". Cosa non fanno pur di sculettare anche con il linguaggio.

fossog

Mar, 26/06/2012 - 16:17

Che differenza c'è tra questi ignoranti cattolici e gli altrettanto ignoranti integralisti musulmani ? NESSUNA.... sono entambi da cacciare via dalla società civile.

Albert1

Sab, 07/07/2012 - 20:06

@ #59 fossog Ottimo spirito di osservazione!! Gli integralisti islamici sono uguali a questi qui! Complimenti! Visto che hai detto la c@g@t@ del secolo puoi anche farmi un elenco degli attentati dove c'è una matrice islamica ed un altro dove sono coinvolti questi 4 gatti? Anzi, guarda, la seconda la faccio io tanto è vuota! Ma i BAMBA tutti qui scrivono? ___

Albert1

Sab, 07/07/2012 - 20:14

@ #55 Ivano66 AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH AH !!! Fidati sono molti ma molti ma veramente molti di più quelli a cui piace la G.N.O.C.C.A!!!! E secondo altri studi, i gay in realtà sono tali per paura del confronto con l'altro sesso o perchè succubi!! "Il terrore di essere omosessuali ..." ???? Ma che menti avete? Sai una cosa, avete ragione, alcuni Miliardi di anni di evoluzione naturale .... sono in realtà un errore della natura stessa che aspettava giusto voi per dire "Dai ho scherzato!". _______