Roma, cade ennesimo ramo, tragedia sfiorata per donna incinta

A Roma, ennesima auto travolta dal crollo di un ramo. A bordo c'era una donna incinta: "Ringraziando il cielo sto bene, anche mio figlio, ma ho rischiato di perderlo"

Nella Capitale degli alberi che si schiantano a terra, dei rami che cadono come foglie in autunno, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Sabato notte, attorno alle 22.30, è toccato ad una trentenne all’ottavo mese di gravidanza. Era a bordo della sua Ford Fiesta, in via Leone IV, nel quartiere Prati, quando è stata sopraffatta da “uno spavento enorme”. Prima un boato e poi quel ramo che, come una falce, si è abbattuto sulla sua auto, su di lei e sul suo bambino: “Un tonfo all’improvviso, il parabrezza che si è incrinato. Temevo potesse sfondarsi. Mi sono messa a gridare, gli sportelli non si aprivano, poi per fortuna è arrivata gente e mi hanno tirato fuori dalla macchina. Ma ho avuto paura per il mio bambino”.

Immediatamente soccorsa dai passanti e dagli operatori del 118, la donna è stata trasportata in codice giallo al Policlinico Gemelli. Al termine degli accertamenti, la bella notizia: “Ringraziando il cielo sto bene, anche mio figlio, ma ho rischiato di perderlo”. Il peggio, insomma, è passato. Restano però choc, rabbia, incredulità: “È incredibile che si possa rischiare di morire in una città come Roma semplicemente andando in auto”. Ed è ancor più incredibile se si pensa che la minaccia poteva essere disinnescata. A spiegare che quella pianta era già stata oggetto di numerose segnalazioni e di come fosse visibilmente sofferente è Laura Corrotti, consigliera regionale della Lega. “Quell’albero - spiega la Corrotti - era pericolante da mesi. Si percepiva ad occhio che la struttura della pianta era malata e andava abbattuta. A nulla sono servite le segnalazioni dei cittadini”.

Solo dopo il brutto incidente, il servizio giardini è intervenuto abbattendo “l’albero killer” ed altre quattro piante a rischio crollo. Anche nella giornata di oggi, in via Leone IV, proseguono gli interventi di potatura. Ma le polemiche non si spengono. È Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio, a chiedere che il Comune invii “programmazioni di interventi” perché “gli arbusti continuano a cadere e a provocare danni e disagi”.

Ma il problema riguarda tutte le latitudini capitoline dove episodi così sono ormai all’ordine del giorno. Appena tre giorni fa si sono registrati due casi analoghi, in due distinti quadranti della città. Il primo in via Erasmo Gattamelata, al Pigento, il secondo in via Guerrazzi, a Monteverde.