Roma, furto con pestaggio, fermati stranieri irregolari pregiudicati

L’ennesimo caso di violenza si è verificato nei pressi del capolinea dell’autobus 60; fondamentale per incastrare i malviventi la presenza di un testimone

Nuovo episodio di violenza avvenuto nelle strade di Roma durante la nottata di ieri, ai danni di un giovane francese.

A finire in manette per il reato commesso, con l’accusa di rapina aggravata e lesioni personali, sono stati tre extracomunitari, tutti con precedenti, oltre che irregolari sul territorio nazionale. Si tratta, per la precisione, di due cittadini di origini irachene, di 26 e 21 anni, e di un 35enne di nazionalità tunisina.

La zona in cui è avvenuto il crimine è quella di piazza dei Cinquecento, nelle vicinanze del capolinea del bus della linea 60. Dopo aver puntato la vittima prescelta, un ragazzo francese di 23 anni in permesso di studio nella Capitale, i tre malviventi sono entrati in azione. Dapprima lo hanno avvicinato con una scusa, successivamente, in modo repentino, lo hanno circondato e minacciato con un coltello, prima di aggredirlo con violenza. Una volta ridotto a terra con calci e pugni, gli hanno rubato una collana d’oro strappandogliela dal collo, prima di allontanarsi dalla zona. Per fortuna un altra persona era presente sulla scena, ed ha immediatamente composto il 112 per chiamare i carabinieri e segnalare il pestaggio ed il furto. Una pattuglia che si trovava nelle vicinanze è stata subito allertata dalla centrale, ed è riuscita ad intercettare in breve tempo i tre malviventi grazie alle indicazioni fornite dal testimone e dalla vittima.

Per gli stranieri sono quindi scattate le manette; condotti in carcere, attendono ora il processo per direttissima.

Commenti

giovaneitalia

Gio, 26/07/2018 - 20:37

Arrestati stranieri irregolari? Siete sicuri? Non é che per caso state facendo un errore? Quelli sono risorse...R I S O R S E. Un giorno questi signori ci pagheranno le pensioni.

pensaepoiagisci

Gio, 26/07/2018 - 20:56

irregolari e delinquenti..a casa loro devono andare