Roma, palpeggia una ragazza in un locale, finisce in rissa: picchiato il fidanzato

I carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno arrestato un uomo di nazionalità nigeriana, di 37 anni, senza fissa dimora

I Carabinieri della Compagnia Roma Centro hannoarrestato un uomo di nazionalità nigeriana, di 37 anni, senza fissa dimora,incensurato che all’interno di un kebab di piazza dei Cinquecento, ha palpeggiato le parti intime di una ragazza di 29 anni. L’uomo è stato bloccato dai Carabinieri che sono intervenuti nel locale in seguito ad una chiamata giunta al 112. Anche il compagno della vittima intervenuto in aiutodella fidanzata dopo una colluttazione è stato colpito al volto con un pugnodallo straniero senza riportare lesioni. La vittima ha poi dichiarato ai militari che nei giorni scorsi aveva subito analoghe molestie che non aveva però denunciato alle forze dell’ordine.

Dopo l’arresto, con l’accusa di violenza sessuale, il 37enne è stato accompagnato nel carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di essere sottoposto al giudizio direttissimo presso il Tribunale di Roma. Secondo alcune testimonianze di chi vive e lavora nei pressi di piazza dei Cinquecento, la situazione sarebbe fuori controllo: "Il livello di sicurezza ormai non esiste più. La sera camminare per queste strade è pericolosissimo, e diverse volte sono stata importunata", racconta una commessa di un negozio. Il degrado di Roma prosegue inesorabile.

Commenti
Ritratto di frank60

frank60

Dom, 26/07/2015 - 20:04

Nessuno tocchi le risorse! Lasciate che egli facciano quello che vogliano per rendere confortevole e allettante il loro soggiorno in Italia.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 26/07/2015 - 23:18

Hai gia scritto tutto Tu caro frank60 GRAZIE. Saludos dal Nicaragua.

buri

Lun, 27/07/2015 - 10:13

informate la Boldrini, la Caritas, il Papa e la CEI, devono sapere chi sono i loro amati profughi

Tikitaka

Lun, 27/07/2015 - 12:43

Le risorse sono arrapate.....e i responsabili di tutto questo continuano a far entrare gente così