Roma, rimprovera tre giovani ubriachi. Autista Atac pestato a sangue

Un autista dell'Atac è stato barbaramente aggredito la scorsa notte mentre era in servizio a Roma. L'aggressione è avvenuta in pieno centro, in corso Vittorio Emanuele, all'altezza di piazza Navona

Un autista dell'Atac è stato barbaramente aggredito la scorsa notte mentre era in servizio a Roma. L'aggressione è avvenuta in pieno centro, in corso Vittorio Emanuele, all'altezza di piazza Navona. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, il conducente sarebbe stato aggredito e trascinato fuori dall'autobus da tre ragazzi che aveva rimproverato poco prima per schiamazzi e perché erano ubriachi.

Soccorso e trasportato all'ospedale Santo Spirito, l'autista ha ricevuto cinque giorni di prognosi. Sono in corso indagini del commissariato Trevi. "Esprimo piena e totale solidarietà all'autista dell'Atac che è stato barbaramente aggredito questa notte in corso Vittorio, mentre prestava servizio su una vettura. L'augurio è che i vigliacchi che lo hanno selvaggiamente picchiato, semplicemente perché chiedeva un comportamento rispettoso anche degli altri viaggiatori, siano assicurati presto alla giustizia", dichiara Ilaria Piccolo, vicepresidente della commissione mobilità di Roma Capitale.

Commenti
Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 15/04/2018 - 16:19

Interruzione di pubblico servizio, violenza privata e verso incaricato pubblico basterebbero dieci anni di galera per i colpevoli ... ma si sa in Italia con le leggi del min-chia ormai non c'è più niente che faccia ridere.

killkoms

Dom, 15/04/2018 - 16:23

da prenderli e rompergli le manine!

paco51

Dom, 15/04/2018 - 17:11

sistema iraniano! perfetto! se ci fossero stati giovani guardiani della rivoluzione F. e li avessero pestati a sangue nulla da commentare! vuoi scommettere che non succede più?

maurizio50

Dom, 15/04/2018 - 17:15

Invece che esprimere vuote frasi di solidarietà cosa aspettano i dirigenti ATAC a mettere sugli autobus in servizio notturno guardie armate a tutela degli autisti e dei passeggeri??? Troppo difficile???

steacanessa

Dom, 15/04/2018 - 17:37

Giovani? Ragazzi? Questi sono delinquenti, la volete smettere col linguaggio pc?

Una-mattina-mi-...

Dom, 15/04/2018 - 17:48

CRONACHE ORDINARIE DALL'EX-ITALIA

roberto.morici

Dom, 15/04/2018 - 17:54

I tre giovinetti erano ubriachi. Il conducente dell'autobus merita, adesso, di essere esemplarmente condannato per becera interruzione di "stato di ebrezza".

Anonimo51

Dom, 15/04/2018 - 18:02

Se finalmente ed una volte per tutte si inasprissero le pene per i reati di aggressione della fattispecie e ci fosse meno tolleranza da parte dei giudici, accompagnata dalla certezza della pena, di sicuro la situazione cambierebbe in meglio ed i cittadini si sposterebbero a qualunque ora del giorno e della notte con maggior sicurezza. Non si puo' pretendere che tutti questi generi di problemi siano risolti dalle forze dell'ordine

piazzapulita52

Dom, 15/04/2018 - 18:24

Se sono "RISORSE" non hanno commesso nessun reato in quanto ci stanno insegnando il NUOVO STILE DI VITA!!! Se sono italiani bisogna prenderli come esempio perchè hanno eseguito ed imparato il NUOVO STILE DI VITA che ci stanno insegnando le "RISORSE"!!! CHE SCHIFO!!!

pier47

Dom, 15/04/2018 - 18:27

buonasera, perchè i nostri idioti non copiano quello che succede in Inghilterra? Dai bus si accede davanti,si passa il biglietto al lettore,l'autista,CHIUSO in cabina osserva se c'è il verde lasciapassare e basta.Nelle stazioni fs si accede ai binari solo con il biglietto,pagano TUTTI!!!!!

Ritratto di frank60

frank60

Dom, 15/04/2018 - 18:52

Da prenderli e denunciarli... con sospensione della pena naturalmente..

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 15/04/2018 - 19:34

Se un padre può essere processato e condannato per uno scappellotto al figlio che infastidisce i clienti al ristorante; se una bambina di 8 anni, alla madre che le minaccia una sberla perché non sente ragioni con il suo comportamento scorretto, può rispondere: «toccami e ti denuncio»; se dei genitori mandano all’ospedale insegnanti per un rimprovero o un voto basso al proprio foglio o figlia; se, in fine, per le migliaia di violenti, ospiti non invitati in Italia, molti giudici non chiudono un occhio, ma tutti e due… forse il buonismo a prescindere nuoce anche all’educazione delle nuove generazioni. Nella Bibbia il «buonismo» dei genitori è ben definito: «chi risparmia la verga al proprio figlio lo odia». Ritengo il sistema educativo biblico molto migliore di quello svedese.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 15/04/2018 - 19:34

amici della sindaca, scommetto.

Vostradamus

Dom, 15/04/2018 - 20:16

Mancano i nomi. Indovinare da dove vengono.

Royfree

Dom, 15/04/2018 - 21:47

Rompergli le manine? No, se passano da me quelle gli serviranno per camminare...

maricap

Dom, 15/04/2018 - 21:54

.. e se avesse avuto con se una piccola 38 sette colpi? Ma già, se chiedi il porto d'arma per difesa personale, ti chiedono che valori trasporti. Troppo " Furbi" per capire che il valore massimo che portiamo con noi, è la nostra vita.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 16/04/2018 - 08:14

delle solidarieta' le persone per bene non sanno che farsene! neppure delle fiaccolate e palloncini in volo.servono leggi severe,e sopratutto,applicate.

Ritratto di Luigi1671

Luigi1671

Lun, 16/04/2018 - 09:21

Vostradamus 15/04/2018 - 20:16: "Mancano i nomi. Indovinare da dove vengono". Altro giornale riporta trattarsi di "tre quarantenni, forse stranieri, almeno due di colore", "forse stranieri": infatti italiani di colore ce ne sono pochini...

ugodog

Lun, 16/04/2018 - 15:16

Multe salatissime alle famiglie... poi vedi che rinsaviscono di colpo. Metterli in prigione non serve... dovremmo mantenerli anche li' dentro. Metodo inglese: risolsero il problema delle scritte vandaliche sui muri multando aspramente le famiglie. Hanno smesso subito!