Roma, senegalesi occupano il posto dei disabili e scatta il raid

Roma, la lite nata tra un disabile e due senegalesi si trasforma in un'aggressione

“Sporchi negri tornate a casa vostra”. In via dei Glicini, nel quartiere romano di Centocelle, la lite per un posto auto si trasforma in un’aggressione razzista. Nasce tutto dal diverbio tra un disabile di 75 anni e due senegalesi, incensurati, rispettivamente di 45 e 42 anni.

Gli stranieri si sono appena posteggiati con la loro Nissan Micra quando l’anziano gli intima di andarsene. Hanno in parte occupato il parcheggio per i disabili e il settantacinquenne li rimprovera: “Quel posto è mio e voi non potete occuparlo”. Ma i due minimizzano: “Guarda che ce la fai a parcheggiare, non serve che la spostiamo”. La discussione prosegue senza che si raggiunga alcun tipo di mediazione ed i toni crescono fino a trasformarsi in offese.

Ed è proprio in risposta ad un’offesa rivolta da uno dei due africani all’anziano che un gruppo di romani decide di intervenire. Quattro o cinque persone in tutto che, inizialmente, si avvicinano per difendere il settantacinquenne a parole. Ma qualcosa va storto e, stando alla ricostruzione de Il Messaggero, di lì a poco volano calci e pugni. E non solo. Nel parapiglia compare anche una tronchese da elettricista, usata da uno dei romani per ferire alla schiena uno dei senegalesi. Verrà ritrovata più tardi da un militare dell’Arma, per terra, vicino al luogo dell’aggressione. La violenza viene disinnescata solo dall’arrivo dei carabinieri del nucleo radiomobile diretto dal colonnello Claudio Rubertà, allertati dai residenti. Due romani di 45 e 46 anni sono stati denunciati per lesioni personali aggravate e atti discriminatori, mentre mancano all’appello i loro complici. I due senegalesi sono stati soccorsi e medicati sul posto dagli operatori del 118. Il ferito, che ha rifiutato il ricovero, ha denunciato: “Mi hanno chiamato sporco negro”. In queste ore, i militari stanno acquisendo le testimonianze di chi c’era per chiarire la dinamica dell’accaduto.

Commenti

bremen600

Gio, 08/03/2018 - 21:43

saranno i fratelli balotelli...................

Luprotts70

Gio, 08/03/2018 - 21:50

Hanno usato il nome giusto

Ritratto di MisterDD

MisterDD

Gio, 08/03/2018 - 22:04

Non c'era bisogno di pestarli, bastave bloccarli e chiamare i vigili. Sono estremamente disgustato dall'immigrazione in Italia ma non c'e' bisogno di ricorrere alla violenza quando non necessita.

Divoll

Gio, 08/03/2018 - 22:25

Prevedo una deflagrazione tra italiani e "ospiti" indesiderati, non ci saranno accuse di razzismo che tengano. Ormai non manca molto...

Divoll

Gio, 08/03/2018 - 22:28

L'altro ieri un afghano ha accoltellato quattro passanti (bianchi) a Vienna. Arrestato, ha detto alla polizia: "ero di cattivo umore"...

fifaus

Gio, 08/03/2018 - 22:38

Stranieri o clandestini invasori?

greg

Gio, 08/03/2018 - 23:05

qualche africano si meraviglia di questa reazione? Per forza che vi meravigliate, siete abituati a fare ciò che vi pare e nessuno vi rimprovera. Cosa succederebbe se due italiani venissero in Senegal a fare i cxxxi loro? che come minimo li dareste in pasto ai leoni. Quindi tacete e tornate a casa vostra, no, non a Roma, IN SENEGAL

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Gio, 08/03/2018 - 23:20

E te pareva...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 09/03/2018 - 00:05

Risorse crescono.

maricap

Ven, 09/03/2018 - 01:04

Oddio! Lo hanno chiamato sporco nxxxo, invece lui era pulito e bianco. Ormai hanno capito come funziona, qualsiasi cosa va infarcita di razzismo, e il risultato è sicuro. Però avevano occupato il posto per gli invalidi, e non volevano mollarlo, ma questo sicuramente, passa in secondo ordine rispetto all'offesa rassista.

il sorpasso

Ven, 09/03/2018 - 08:09

La gente è stanca di aver tra le balle questi africani e le elezioni ne hanno dato ampio spazio!

tosco1

Ven, 09/03/2018 - 08:18

I comportamenti sono in genere indirizzati dal flusso delle leggi, ma puo' accadere anche che siano indirizzati dalla percezione dei diritti .Ebbene , gli africani importati in Italia da PD,(senza offesa, ma e' cosi') hanno acquisito una totale percezione che possono fare tutto quello che vogliono.Tanto sanno che se qualcuno protesta, sara' tacciato da razzista.In effetti il loro e' un puro comportamento razzista. Non so di Roma,ma ad esempio a Firenze, dove sindaco e' il braccio destro di Renzi, e' successo questo.L'assorbimento dei flussi inviati dai centri di accoglienza renziani, non poteva essere fatto meglio. Ed ora, gli africani quando si alzano la mattina e vanno in giro, sentendosi furbi, vanno a cercare di bischeri. Ma qualcosa ,ora,pare che,finalmente,cominci a tentennare.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 09/03/2018 - 08:45

io al poesto dei senegalesi, mi sarei spostato oppure solo quando vedevo che le cose si sarebbero messe male, ma evidente che questi africani non gliene frega niente del pericolo e spavaldi, arroganti ed aggressivi sono rimasti lì, ad aspettare, sapendo che anche sarebbe finita male. Soltanto che in tribunale per loro finisce sempre bene, ed è questo che aspettano. Il mordente è sempre il razzismo, un passpartout, per vincere tutte le cause. Questo sicuramente glielo hanno insegnato i centri sociali.

routier

Ven, 09/03/2018 - 09:02

Episodio sicuramente deprecabile ma di certo non innescato da italiani. La civiltà non si acquista con la residenza in un territorio.

rasna

Ven, 09/03/2018 - 09:27

La gente è stanca. Molto stanca.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 09/03/2018 - 09:42

Hanno ragione i senegalesi. Nella savana mica ci sono i parcheggi riservati ai disabili.

routier

Ven, 09/03/2018 - 10:10

La rivolta degli italiani sottoposti alle angherie dei nero/magrebini è appena iniziata. Fossi nel ministro degli interni comincerei a preoccuparmi seriamente.