Roma, si getta tra le auto in corsa insieme al cane svenuto al guinzaglio

Un ragazzo di 30 anni e il suo cucciolo sono stati prontamente salvati. Il giovane ha tentato il suicidio creando scompiglio tra le vetture

Ha creato scompiglio tra le auto in corsa gettandosi in mezzo alla strada con un cane al guinzaglio, svenuto per un colpo di calore. Protagonista di questo gesto è stato un giovane di 30 anni che questa mattina stava percorrendo via Tor Bella Monaca a Roma. C’è da dire che ancora non si conoscono le ragioni che lo hanno portato a compiere questa azione.

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il ragazzo avrebbe tentato il suicidio attraversando la strada insieme al suo cucciolo di cane, quando è stato visto da una pattuglia del gruppo sicurezza pubblica emergenziale del Corpo di Polizia locale di Roma Capitale. Gli agenti sono prontamente intervenuti per ristabilire la normalità, soccorrendo il giovane e l’animale ma anche mettendo in salvo gli automobilisti che erano stati costretti a brusche serpentine e frenate per schivare i due malcapitati.

Durante i soccorsi, il giovane è stremato a terra ed è poi svenuto. È stato quindi trasportato con l’ambulanza al policlinico Tor Vergata. Il cagnolino è stato trasferito agli uffici della Unità organizzativa sicurezza pubblica emergenziale da dove sarà poi ricoverato in un centro convenzionato con il Comune di Roma.

Marco Milani, coordinatore romano del sindacato Ugl, è intervenuto su questo fatto facendo i complimenti alla rapidità e al senso civico degli agenti, "sempre in prima linea in una città - ha precisato Milani - dai crescenti e sempre più disperati bisogni". Il coordinatore dell'Ugl ha poi aggiunto che andrebbero riconosciute le varie funzioni che svolge la Polizia locale come il contrasto alla criminalità comune, gli sgomberi, il controllo dei campi nomadi e i trattamenti sanitari obbligatori.