Rubano carne e arredi in un ristorante chiuso: arrestati

A casa di uno dei malfattori sono stati trovati e sequestrati tanti altri beni rubati: tra questi 10 quintali di rame e di ottone. L’uomo è stato denunciato anche per ricettazione

I militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Varese hanno arrestato in flagranza di reato di furto aggravato un 49enne italiano, pregiudicato per reati specifici, e un 20enne cubano, regolare sul territorio nazionale, entrambi disoccupati.

Le forze dell’ordine, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dei reati predatori, si sono insospettite notando, a mezzogiorno, un ampio foro praticato nel muro del ristorante Il ponte di Vedano a Lozza, recentemente chiuso. Così hanno sorpreso i due uomini mentre uscivano dal locale con generi alimentari, arredi e merce varia per il valore complessivo di 2000 euro. I militari hanno rinvenuto e sequestrato anche numerosi attrezzi da scasso usati per forzare le grandi celle frigorifere del ristorante dalle quali i malfattori avevano sottratto una notevole quantità di carne.

Con la perquisizione dell’abitazione del quarantanovenne italiano i Carabinieri hanno aperto il vaso di Pandora: l’uomo aveva generi alimentari, alcolici, arredi e suppellettili probabilmente trafugati in precedenza dal medesimo esercizio commerciale, oltre a ben 10 quintali di rame e di ottone.

Il pregiudicato è stato denunciato anche per ricettazione e la refurtiva è stata sequestrata.