Sacchetti bio per la spesa, il Consiglio di Stato: "Si possono portare da casa"

Il Consiglio di Stato ha approvato la richiesta del ministro della Salute, per far portare la casa i sacchetti per frutta e verdura

Il Consiglio di Stato ha dato parere positivo in merito all'uso dei sacchetti monouso bio nuovi, acquistati dal consumatore al di fuori dagli esercizi commerciali, come richiesto dal ministro della Salute.

La polemica era scoppiata, come aveva denunciato Il Giornale, a seguito dell'ingresso nel decreto Mezzogiorno della norma che obbliga l'uso delle buste biodegradabili a pagamento per la spesa di frutta e verdura. I consumatori erano obbligati, a partire dal 1 gennaio 2018, ad utilizzare sacchetti biodegradabili, rispettosi delle norme a tutela della sicurezza e dell'igiene degli alimenti. I sacchetti sono reperibili presso tutti gli esercizi commerciali, ma sono a pagamento. Da qui la polemica.

Alla richiesta del ministro della Salute, che chiedeva la possibilità di permettere al consumatore di portare le buste da casa, purché seguissero le norme igieniche, il Consiglio di Stato ha dato parere positivo. Il parere, pubblicato il 29 marzo prevede la possibilità di "utilizzare nei soli reparti di vendita a libero servizio (frutta e verdura) sacchetti monouso nuovi dagli stessi acquistati al di fuori degli esercizi commerciali". Gli operatori del settore commerciale non potranno impedire agli acuirenti di usare sacchetti portati da casa. Ma c'è di più: sarà possibile utilizzare anche contenitori diversi dalle buste di plastica biodegradabile, che comunque devono essere idonei a contenere frutta e verdura. Il Consiglio di Stato non esclude nemmeno che per alcune tipologie di prodotto sia necessario il contenitore.

Commenti

Jon

Mer, 04/04/2018 - 21:59

Il Consiglio di Stato... MA CHE PAESE DEMOCRATICO..!!

cgf

Mer, 04/04/2018 - 22:28

@Jon guardi che è un organo Costituzionale, ha un suo perché, si legga l'articolo 100..3 della Costituzione ed anche lei lo saprà.

Popi46

Gio, 05/04/2018 - 06:40

Tranquilli,se non possono mungere tramite i sacchetti a pagamento, si inventeranno presto un’altra cosa.... magari le soprascarpe di carta che si usano per entrare in camera operatoria...

Ernestinho

Gio, 05/04/2018 - 08:05

Ora aumenterà il prezzo dei sacchetti che si portano da casa!

flip

Gio, 05/04/2018 - 08:27

il costo di acquisto dei "sacchetti" è già abbondantemente "spalmato" su TUTTI i prodotti che acquista il supermercato o il egoziante. pertanto la richiestaq di pagamento del sacchetto è un mega imbroglio voluto dal pir-la renzi per fare "cassa".

flip

Gio, 05/04/2018 - 08:32

il pir-la renzi aveva instaurato questo balzello per fare cassa. il partito finanziariamente è con l' acqua alla gola e il "sacchetto" è uno dei sistemi per tappare i buchi. Chissà che fine hanno fatto i "depositi" dei soci coop a tassi stratosferici?

momomomo

Gio, 05/04/2018 - 09:38

E chi sarà a decidere se le buste o contenitori portati da casa dal cliente, sono o meno ..."... idonei a contenere frutta e verdura ..."... ??????

Ritratto di Borg52

Borg52

Gio, 05/04/2018 - 09:55

Pensiamo però anche all'aspetto igienico:io porto il sacchetto da casa e non mi accorgo che il mio cane vi ha fatto la pipi sopra. Lo appoggio sulla bilancia pesa verdura e, inevitabilmente, la riempio di batteri! Il cliente successivo inquina il suo di sacchetto, e il suo bimbo lo tocca e si mette le dita in bocca ....TUTTO CIO' CHE E' POTENZIALE FONTE DI BATTERI DEVE STARE FUORI !!!

DRAGONI

Gio, 05/04/2018 - 10:14

E COSI' APPASSISCE , ANCHE SE PARZIALMENTE, UN ALTRO FIORE ALL'OCCHIELLO DEL TOSCO FANFARONE!!

External

Gio, 05/04/2018 - 10:36

Ma perchè il consiglio di stato non si esprime sull'aumento delle autostrade invece che sulle buste biodegradabili a pagamento per la spesa di frutta e verdura. Mah?

Ritratto di gianibus

gianibus

Gio, 05/04/2018 - 10:44

Peccato che i supermercati li addebitino direttamente sul costo della merce una volta che si pesa il prodotto, quindi portarselo da casa non serve a niente, anzi si pagherebbe 2 volte

gneo58

Gio, 05/04/2018 - 10:46

la scorsa settimana al supermercato ho acquistato un'ananas, la peso, prendo lo stick e lo attacco al cartellino di cartone che e attaccato al "ciuffo" - arrivo alla cassa e la cassiera passato il pezzo sul lettore mi dice - "la avviso che anche se lei il sacchetto non lo ha preso glielo devo far pagare comunque". CAPITO !

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 05/04/2018 - 10:59

ho speso 5 cent di sacchetti, non sono morto. Solo una presa in giro. Se lo prendevi dalla benzina non se ne sarebbe accorto nessuno, se avevi bisogno di soldi. Ma che inquinamento da plastica, se ve ne fregasse,non fareste venire milioni di stranieri ad inquinare ancora di più. Governo di incapaci, ma lo vedete quanta plastica si butta nei bidoni? E la colpa era dei sacchetti per la spesa.Ma andate a ciapà i rat. Ed i piatti di plastica che si sono consumati a Pasquetta e abbandonati!?

accanove

Gio, 05/04/2018 - 11:31

i comunisti ci presero per i fondelli affermando che ce lo imponeva la UE ma essa non chiedeva che li pagassimo, la tassa fu messa dai "nostri" per raccattare qualcosa per i loro (nostri) disperati bilanci.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 05/04/2018 - 12:38

Che buffonata!!il "Consiglio di Stato",altro calderone,previsto dalla "più bella costituzione del Mondo",parte attiva del nostrano "stato profondo"(deep state per gli anglofoni...),irremovibile,con membri strapagati,si "occupa" di queste cose!!Povera italia!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 05/04/2018 - 12:41

@do-ut-des:come la capisco!"lo vuole l'europa"(fra l'altro enfatizzata,gestita a piacimento,secondo i casi...)!!!Queste buste "biodegradabili" sono la più grande cavolata "ecologica",mai inventata!!! Le buste di "plastica"NORMALI,sono composte da POLIETILENE O POLIPROPILENE,materiali,che possono BENISSIMO essere riciclati,teoricamente per infinite volte,essere quindi immessi nel circuito,di riutilizzo,per un'infinità di manufatti,e,alla "più disperata",essere utilizzate in impianti di "pirolisi"(che in italia non esistono,chissà perchè!!!),e trasformate in "gas" o "gasolio"....Queste "biodegradabili" sono una IATTURA,perchè se finiscono fra quelle NORMALI,finiscono per "degradare" il prodotto!!!Devono per forza finire in impianti speciali,o finire in discarica!!!Sono un DISASTRO!!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 05/04/2018 - 12:48

Vi immaginate,la signora "Peppina" che al supermercato,si porta nella sua borsa un rotolino di "SUOI SACCHETTI",pagato da lei,acquistato in precedenza,verosimilmente allo stesso supermercato,di qualità identica a quelli che il supermercato tiene al reparto frutta-verdura,per imballarla,...dover dimostrare,che quelli usati sono i suoi(pagati in precedenza),le furbate,etc.etc....?Ve lo immaginate?...Quelli del "Consiglio di Stato",sono mai stati a comperare frutta-verdura in un supermercato?.....Cose patetiche!!!!!!

necken

Gio, 05/04/2018 - 13:46

tutti avranno la possibilità di risparmiare il centisimo per ogni sacchetto utilizzato nel supermercato una altra conquista democratica a favore del popolo Italiano

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 05/04/2018 - 15:12

@necken:...già,partorita da una sentenza del "Consiglio di Stato",uno di tanti branchi di strapagati,irremovibili burocrati,appartenenti al nostrano "stato profondo"!!!