La "salvinata" di Di Maio

È scattata l'operazione simpatia. Salvini corre e Di Maio lo insegue. Non solo nei sondaggi, che lo danno in netto distacco. Ma anche sui social network. Una bazzecola, direte voi. Invece, nell'era del governo più social di tutti i tempi, e forse del mondo, il primato dei politici in rete è fondamentale. Salvini e Di Maio lo sanno benissimo. Il paradosso è che la Lega, il partito più vecchio in Parlamento, quello delle sezioni, dei secchi con la colla e dei manifesti, spopola in rete. Il Movimento 5 stelle, che proprio dal web è nato, invece, comincia ad arrancare sulle reti sociali. E, soprattutto, mostra evidenti segni di subalternità. Ci vuole un'«operazione simpatia». Ieri la prova delle prove. La sfiga si accanisce sul giovane vicepremier grillino e l'iPhone precipita sul pavimento. Vetro scheggiato. Immaginiamo che dapprima abbia sacramentato in napoletano, ma poi, in quel telefono ammaccato, ha visto un'opportunità. Di comunicazione. Poco dopo pubblica un post su Facebook: la foto del cellulare rotto e la didascalia «questo con il buon vecchio 3310 non sarebbe successo. Voi ce l'avevate?». In un Paese normale tutto questo andrebbe derubricato sotto la voce «chissenefrega» (eufemismo per non infastidire il lettore). Con tutti i casini che ci sono dobbiamo occuparci anche dei problemi telefonici di Di Maio? Invece è la spia di una lotta strisciante tra i due vicepremier, che si protrae anche sul web.

Di Maio è troppo precisino, levigato, rigido, rifinito e, quindi, un po' finto per attrarre le masse digitali. E quindi ha provato a fare una salvinata, copiando lo stile comunicativo del ruspante leghista. Salvini è un bulimico dei social network, posta qualunque cosa: «stasera mangio carpaccio» e via con la foto di due fettine striminzite di carne, «oggi a pranzo pasta Barilla e ragù Star» e giù con un'altra foto. Immagini tristissime. Niente a che vedere con la cucina stellata (intendiamo le stelle Michelin, non quelle grilline, per una volta). Ma tutto molto simile a quello che gli italiani spadellano nei tinelli delle proprie abitazioni. E ora Di Maio, sempre più gregario del suo omologo, cerca di battere Salvini (le cui interazioni sul web, peraltro, sono in contrazione) nella pubblica ostentazione dei fatti propri. In questa gara al ribasso siamo già arrivati in cucina, speriamo di non arrivare sulla tazza del water.

Commenti

greg

Ven, 14/12/2018 - 09:33

Direi che Di Maio, più che essere sulla tazza del water, ormai ci è dentro.....e mi ricorda sempre di più quella gag di Totò, che continuava a prendere sberle sulla testa da parte di un tizio, che non conosceva e che lo chiamava Pasquale e lui, ad ogni sberla, rideva sempre di più. E quando l'amico chi chiese perché continuasse a farsi chiamare Pasquale e a ridere, Totò, improvvisamente serio, gli rispose: Ma io mica mi chiamo Pasquale!!! Ecco, Di Maio non arriva a capire che più vuole fare il Grande Politico (ricordando molto il Grande Dittatore di Charlot), più fa pena, non avendo, del Grande politico, né la caratura, né le capacità e, soprattutto, né l'intelligenza.

rudyger

Ven, 14/12/2018 - 09:54

FERMATE questo pazzoide di di maio. SALVINI, fai il grande passo !

Ritratto di navigatore

navigatore

Ven, 14/12/2018 - 10:16

un povero ragazzotto di quartiere che si credeva e pensava di diventare qualcuno, ma ha sbagliato i conti , il tempo ci darà ragione, vai SALVINI toglici dalle palle questo scugnizzo,immaturo ed incapace, frutto dei centri sociali

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Ven, 14/12/2018 - 10:38

Non è chiaro come questo vostro continuo tifare per di maio contro Salvini possa aiutare il vostro capo a tornare in sella, comunque lo saprete vossia...

Libertà75

Ven, 14/12/2018 - 10:42

nella lotta per la visibilità tra i 2 governanti, l'opposizione continua a risultare non pervenuta

VittorioMar

Ven, 14/12/2018 - 11:48

..ha dei ministeri chiave che permetterebbero fare UN SALTO IN ALTO :GIUSTIZIA INFRASTRUTTURE SANITA' SUD che non HANNO VISIBILITA' !!..se incapaci SOSTITUIRLI !!!

mich123

Ven, 14/12/2018 - 12:18

I Due sono la prova che il principio di Peter non é fantasia.

Ritratto di cuginifabio

cuginifabio

Ven, 14/12/2018 - 13:26

TI PIACEREBBE EH? SAI CHE OLTRE A CHI LEGGE QUESTO GIORNALE CI SONO ANCHE COLORO I QUALI SI INFORMANO E VANNO A CONFRONTARE LA VERIDICITA' DEGLI ARTICOLI, NON TUTTI HANNO L'ETA' DEL NONO B. E GUARDA UN PO, HAI FATTO UN ARTICOLO CHE NON RISCONTRA CON REALTA', DI MAIO E' SEGUITO DA 2,900.000 PERSONE, SALVINI DA 2,300.000 UGUAL UGUALE A PRIMA DELLE ELEZIONI. CIAO CORE

greg

Ven, 14/12/2018 - 14:33

MICH123 - no, non è per nulla di fantasia, ma realissimo. Il principio di Peter è la regola di base all'interno del M5S (più sei scemo, più ti affido incarichi di responsabilità, così poi posso incolparti dei fallimenti), all'interno della UE (perchè la burocrazia ottusa, che è la base del governo europeo, è basata sul principio di Peter al cubo), del governo basato sui principi del socialismo reale - PCI, PDS, DS, PD....- (ti viene affidato un incarico elevato in un ministero di cui non capisci nulla, così non rompi le palle mentre c'è chi, da fuori, si fa gli affari suoi utilizzando il denari de ministero) ecc

greg

Ven, 14/12/2018 - 14:40

CUGINIFABIO - Ma chissà perchè ho l'idea che voi, CUGINIFABIO, siate parenti di DiMaio, probabilmente cugini. Adesso, per favore, fatemi vedere dove sta scritto che lo scugnizzo napoletano è seguito da 2.900.000 persone, non 2.900.001, non 2.899.999, ma esattamente da 2.900.000 persone. Voglio vedere i rilevamenti statistici, poche balle!!!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 15/12/2018 - 12:22

Bell'articolo, simpatico e di piacevole lettura.