Salvini in piazza con la Meloni "Patto col Cav sui programmi"

Il centrodestra in piazza a Roma. Meloni, Salvini e Toti rilanciano il centrodestra unito. Brunetta: "Così si vince"

"Tenterò un accordo con Forza Italia a prescindere da chi me l'ha chiesto ma sulla base dei programmi". Così il leader della Lega Matteo Salvini parlando al corteo organizzato a Roma da Fratelli d'Italia. Il centrodestra del futuro è "forte, compatto e non deve commettere gli errori del passato", ha aggiunto spiegando che bisogna "andare Al voto subito, lo chiedono gli italiani". Da Roma e dalla manifestazione organizzata da Giorgia Meloni con Fdi e Salvini nasce l'idea del centrodestra del futuro. In piazza insieme ai leader di Fdi e Lega anche il governatore della Liguria, Giovanni Toti ed altri esponenti di Forza Italia. Giorgia Meloni durante il suo intervento ha ribadito la necessità per Fdì di tronare presto alle urne: "Vogliamo votare per chiedere agli italiani di darci una maggioranza su una proposta politica che dica ’prima gli italiani, prima la sovranità' e che non vogliamo essere una colonia. Noi siamo con i mercati rionali e non con i mercati finanziari della sinistra radical chic che pensa che il popolo non capisca niente".

E dalla piazza di Roma si rafforza la convinzione che il centrodestra unito possa tornare a vincere: "Voglio tornare al popolo sovrano e non ai governi fantoccio, come quelli della sinistra. Voglio tornare al governo del centrodestra. Uniti si vince. Bisogna andare alle elezioni anticipate, non voglio il governo di Renzi, Renzi deve andare a casa come il governo fotocopia Gentiloni. Il centrodestra unito vince, non vogliamo il partito della Nazione", ha affermato Renato Brunetta a margine della manifestazione. E di una possibile vittoria con un centrdestra unito parla anche Toti: "Credo che questa sia la strada per tornare avincere. Oggi dobbiamo cominciare a dire che siamo convinti che ilcentrodestra può tornare a governare questo paese. Così come abbiamo fattoin tanti posti in cui abbiamo vinto negli ultimi mesi. Non voglio parlare della Liguria, ma delle città che abbiamo espugnato nella rossa Toscana, oSavona. Noi non possiamo abdicare ed essere comparse nella prossima sfida elettorale di questo paese".