San Pietroburgo, Berlusconi a Putin: "La violenza non piega la forza della Russia"

"Il terrorismo e la cieca violenza non piegheranno mai la forza della Russia". È il passaggio centrale del messaggio inviato da Silvio Berlusconi all’amico Vladimir Putin

"Il terrorismo e la cieca violenza non piegheranno mai la forza della Russia". È il passaggio centrale del messaggio inviato da Silvio Berlusconi all’amico Vladimir Putin dopo la bomba nella metro di San Pietroburgo che ha causato 10 morti e decine di feriti: "Caro Presidente - scrive Berlusconi - desidero esprimere il mio dolore e la mia personale vicinanza alla città di San Pietroburgo, alla Federazione Russa e a tutto il suo Popolo così duramente colpito. Sono certo che il terrorismo e la cieca violenza non piegheranno mai la forza della Russia e il Tuo impegno per la stabilità e la sicurezza nelle aree più delicate del pianeta". E conclude: "Oggi più che mai, la difesa della libertà, della sicurezza internazionale, debbono vedere uno sforzo comune che superi sterili polemiche nella difesa dei valori della nostra civiltà". L'attentato di San pietroburgo è costato la vita finora a 14 persone e ha causato almeno 47 feriti. In tutta la città è caccia ai killer, almeno due, secondo gli inquirenti. Uno dei due è stato ripreso dalle telecamere di sicurezza della stazione della metropolitana. Secondo gli inquirenti uno dei due attentatori sarebbe di "originario del Caucaso".

Commenti
Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Lun, 03/04/2017 - 23:36

"Tuo". con maiuscula, certo, e' il Tzar.