San Raffaele, Daccò condannato in appello a 9 anni

In primo grado la pena era di 10 anni. Fissata provisionale di 5 milioni alla Fondazione Monte Tabor

Nove anni di reclusione: è la sentenza del processo d’appello per il dissesto finanziario del San Raffaele emessa dal Tribunale di Milano nei confronti di Pierangelo Daccò, che in primo grado (con rito abbreviato) aveva ricevuto una pena a dieci anni.

Nel condannare Daccò a nove anni, uno in meno rispetto al processo di primo grado, i giudici hanno escluso - come aveva chiesto il pg Piero De Petris - l’aggravante della transnazionalità contestata in relazione all’accusa di associazione per delinquere. La corte inoltre ha confermato il versamento da parte del faccendiere di una provvisionale (immediatamente esecutiva) di 5 milioni di euro alla Fondazione Monte Tabor del San Raffaele e al commissario giudiziario della stessa Fondazione in concordato preventivo.

Daccò, in aula al momento della lettura del dispositivo, a chi gli ha chiesto un commento non ha detto nulla. I suoi legali, invece, hanno annunciato il ricorso in Cassazione.

 

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 11/06/2013 - 20:59

come mai invece Fiorito è a casa sua?

maninblack

Gio, 13/06/2013 - 08:45

ma come mai in modo furbesco hanno permesso al MONTE DEI PASCHI DI SIENA di intascare i soldi dell'IMU(soldi che gli Italiani hanno sborsato facendo sacrifici con prestiti ed altro) e la loro restituzione dovra' avvenire ,se non sbaglio,in 15 anni?