Sappiamo chi è stato

Più di 30 morti nel crollo del ponte, ma la catastrofe era evitabile. Non è vero che non c'erano i soldi, siamo stati ricattati da chi non vuole le grandi opere

Non cominciamo con la storiella che il ponte autostradale di Genova è crollato inghiottendo il suo carico umano per colpa dei vincoli europei. Quel ponte non doveva crollare, punto e a capo. Sostenere l'inverso è soltanto uno squallido sciacallaggio politico fatto sulla morte di alcune decine di ignari e incolpevoli cittadini. La società Autostrade (azienda privata di proprietà della famiglia Benetton) responsabile del manufatto, trabocca di soldi che non sa più dove mettere. Soldi peraltro frutto di pedaggi da strozzini incompatibili con la qualità del servizio - meglio sarebbe dire disservizio - offerto agli automobilisti. Quel ponte non è crollato perché l'Europa è cattiva e non ci fa spendere ma perché l'Italia è stupida e ferma nelle grandi opere, salvo rare eccezioni tipo l'alta velocità ferroviaria e la variante di valico tosco-emiliana, agli anni Cinquanta. Quel ponte è crollato non perché mancano i soldi ma perché questo Paese è in perenne ostaggio di minoranze demagogiche e stupide che si sono messe di traverso ai già scarsi tentativi di modernizzare tutte le reti di comunicazione via terra. Per decenni lo è stato della sinistra ambientalista, oggi lo è del grillismo che, purtroppo con l'aiuto di un pezzo importante del centrodestra quale è la Lega, sta cercando di fermare i grandi e innovativi progetti già avviati per il trasporto sicuro e veloce delle merci e dell'energia.

Il ministro delle Infrastrutture, il grillino Danilo Toninelli (quello che in campagna elettorale disse di sentirsi geneticamente superiore ai colleghi del centrodestra) può piagnucolare e indignarsi quando vuole, ma è proprio il suo movimento a essersi opposto al progetto di una grande opera a Genova per bypassare quel maledetto ponte che a detta di tutti un giorno o l'altro sarebbe caduto. E sapete qual era lo slogan dei Cinquestelle? Questo: «Non crediamo alla favola del ponte che cade».

Siamo onesti. Altro che Europa, cretini e incoscienti li abbiamo in casa e li abbiamo - non noi - mandati pure al governo, al grido di «basta nuovi ponti che arricchiscono i soliti noti». Per cui teniamoci quelli vecchi, così vecchi che non c'è manutenzione ordinaria o straordinaria che ne possa garantire la stabilità. E questo al di là di errori, omissioni e ladrerie umane che evidentemente ci sono state e andranno perseguite.

I ponti non sono dei monumenti eterni, sono logorati dalla vita più o meno come capita a un uomo e dopo una certa età non c'è lifting o medicina capace di tenerlo in forma e garantirgli l'immortalità. La «favola del ponte che cade» si è avverata perché abbiamo dato, e ahimè continuiamo a dare, credito a questi venditori di fumo tipo Toninelli, travestiti da statisti e modernizzatori. Per liberarci di vecchi ponti e grandi opere dobbiamo prima liberarci di chi si oppone ai nuovi. Purtroppo, vista l'aria che tira, la seconda cosa sarà più difficile della prima. Ma se non vogliamo andare avanti a lutti di Stato dobbiamo provarci, non con il cemento ma con il voto.

Commenti

neucrate

Mer, 15/08/2018 - 14:53

L'ho sempre detto, anche se nessuno mi crede, tutta colpa di Grillo e del suo movimento se crollano i ponti, mi consolo pensando che con questo articolo il direttore mi da ragione

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Mer, 15/08/2018 - 15:05

Bypassare ???? magari avrebbero dovuto costruire l'opera l'attuale concessionaria ???? con il seguente risultato, considerato che le concessioni devono essere rinnovate per decenni l'opera venga eseguita con materiali e tecnologia scadente e una volta terminata la concessione ci si trova con manufatti scadenti. E poi anche fosse stato costruito il bypass autostradale non significa assolutamente che si fosse potuto evitare il crollo del ponte !!! per tutto il resto specie sulle sue considerazioni sui Benetton sono d'accordo !!! mi hanno sempre fatto ribrezzo

mcm3

Mer, 15/08/2018 - 15:08

Direttore, ma come fa a scrivere queste cose, ma quanti soldi le da Berlusconi per strumentalizzare la realta'?? Se come dite e' vero che quel maledetto ponte a detta di tutti un giorno o l'altro sarebbe caduto.perche' il vostro TOTI, presidente della Regione, non ha fatto niente per evitare la tragedia ?? ora date la colpa al Movimento ma la regione e' gestita da voi e siete voi i responsabili, potete inventare tutte le balle che volete ma avete la coscienza sporca, siete i responsabili,

no_balls

Mer, 15/08/2018 - 15:11

Si certo bravi.... gronda pronta nel 2025...e ponte crollato nel 2018..... che cambiava????

Sise

Mer, 15/08/2018 - 15:20

Insomma, è colpa dei grillini che sono al governo da due mesi. E invece a me risulta che già nel 2006 sia stato approvato il progetto della Gronda (allora si chiamava semplicemente variante), e che a mettersi di traverso sia stato il ministro Burlando. Ma guarda un po'!

dagoleo

Mer, 15/08/2018 - 15:23

Al di là delle infrastrutture nuove da fare, e sono daccordo che debbano essere fatte, il ponte è caduto per mancanza di manutenzione adeguata. E qui dovranno pagare in molti ed in primis i ricchissimi signori Benetton, concessionari di autostrade, che non hanno assicurato la gestione adeguata della struttura, con interventi di controllo e verifica del tutto inadeguati. E si sono visti gli esiti.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mer, 15/08/2018 - 15:24

Sallusti, uno sciacallo. Il suo padrone pregiudicato gli da mandato di attaccare i grillini (che hanno il quadruplo dei consensi) e lui servilmente esegue!!!!! La c.d. "gronda" a cui fa riferimento è un'opera che dovrebbe entrare in vigore tra dieci anni (se tutto va bene). Ora la colpa dell'incidente è del M5S ???? Ma per favore, non sia ridicolo .....

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 15/08/2018 - 15:24

neucrate - No, sia te che il Direttore siete in errore. La colpa non è di Grillo (o almeno non tutta sua), ma di chi l'ha fatto nascere, crescere ed ingrassare fin quasi a scoppiare! Quindi? E' talmente evidente la colpa dei governi che fin qui si sono avvicendati che mi sembra paradossale doverlo sottolineare. A cominciare dal governo Berlusconi che ha dato una bella mano al centrodestra fin quasi ad annientarlo! Per proseguire coi governicchi delle sinistre tutti tesi all'autolesionismo ed al sacrificio dell'Italia sull'altare dell'UE. Gli elettori sono scappati dai partiti tradizionali per rifugiarsi illusoriamente in un movimento che prometteva mari e monti e che non erano altro che pozzanghere e cumuli di letame...

INGVDI

Mer, 15/08/2018 - 15:26

Il crollo del ponte è l'immagine plastica dell'Italia che sta crollando. L'accelerazione alla distruzione l'ha data il governo M5s-Lega che ha modificato l'art. 1 della Costituzione, così: l'Italia è una repubblica fondata sull'idiozia. L'errore l'abbiamo fatto noi votando degli idioti e plaudendo ad un governo idiota. Come dice Sallusti, sta a noi rimediare. Con il voto.

Gianni11

Mer, 15/08/2018 - 15:30

Quando pure i ponti delle strade cascano ancora quanlcuno pensa a sprecare soldi sulla TAV che non serve? Semmai prima rimettiamo a posto la rete stradale e le ferrovie che gia' ci sono e poi ne riparliamo.

kobler

Mer, 15/08/2018 - 15:41

@neucrate: anche lei ragiopna con una diversa parte del suo corpo..! Sa che quelle autostrade furono l'inciucio universale tra DC e PC (oggi insieme nel PD) di allora? Fanno una bretella a Genova se devono prima mettere a posto ciò che già esiste? Sicuramente lei parteggia per lo spreco e gli inciuci speculativi perché non ha sentito quanti miliardi chiedevano subito, che sarebbero poi aumentati come nel caso TAV? E avrebbero costruito con le stesse modalità a "risparmio imboscato". Pertanto non capisco perché se la prende con Grillo. Se la prenda con quelle amministrazioni che finsero di non vedere ed ora crecheranno di sfuggire all'ira della gente!

Dordolio

Mer, 15/08/2018 - 15:46

Scusate, i grillini sono al governo da sessanta giorni. Prima non comandavano niente e nessuno. Che c'entrano loro? Sallusti si rivolga alla sinistra che da quelle parti ha governato sempre. O al suo padrone, in caduta libera di consensi da quando il suo elettorato ha realizzato che in tutti gli anni in cui è stato sulla cresta dell'onda l'unica cosa che ha fatto è stato proteggere i suo impero imprenditoriale. E niente di più. E mi dispiace, perchè il mio riferimento naturale dovrebbe esser proprio nell'area del CDX. Che invece mi ha preso in giro, come ha fatto con tutti quelli che ci hanno creduto.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Mer, 15/08/2018 - 15:47

Direttore, io comincerei a censurare i deliri al fulmicotone che si leggono qua sotto. Per pietà, basta con i neucrate, i contro68, i mcm3, i no_balls, gli andrea 626390 ...... e mi fermo solo perchè mi sono rotto.

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Mer, 15/08/2018 - 15:49

Quindi QUEL ponte,sarebbe crollato lo stesso,anche se Gronda fosse stata realizzata e non per colpa dei "grillini",ma per colpa di chi ha privatizzato le autostrade,o meglio i ricavi,e ha pubblicizzato le perdite,umane in questo caso. Chi ha permesso tutto cio'?Romano Prodi e quel partito di delinquenti che guidava,il M5S neanche esisteva;chi avrebbe dovuto sorvegliare,che il gestore della concessione autostradale,effettuasse la manutenzione ordinaria e straordinaria?Sempre il PD o Forza Italia,che da trent'anni si spartiscono governi e bottini,il M5S è al governo da 2 mesi. Pero',secondo il Direttore,dobbiamo tornare al voto,e rimettere al governo proprio coloro che hanno causato questo scempio;tesi interessante,ma non per gli elettori italiani,ma per gli studiosi dei disturbi mentali e della personalita'. Comincio a pensare che questo governo durera' e finira' solo quando,coloro che hanno ridotto l'Italia in macerie,saranno assicurati,TUTTI,alle patrie galere.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 15/08/2018 - 16:24

Se si antepone l'ideologia al buonsenso ed al pragmatismo i guai sono assicurati, prima o poi.

mavalala

Mer, 15/08/2018 - 16:32

E' talmente basso il livello di questo editoriale che incomincio a credere che non lo abbia scritto il direttore. Questo è puro sciacallaggio politico. Notizie incomplete per far aizzare i soliti boccaloni berlusconiani...I 5 stelle non potevano in nessun modo bloccare alcunché e l'opera in questione non poteva essere pronta nel 2018. Non si dovrebbe vergognare solo questa testata ma anche questo sciame di commentatori che fanno ribrezzo anche agli stessi sciacalli....è sto offendendo quelle povere bestie...

ceo50

Mer, 15/08/2018 - 16:38

Il direttore ha ragione. Quel ponte sarebbe caduto indipendentemente da chi era al governo ma opporsi a tutte le grandi opere e’ da sciagurati. Si guadagna il consenso delle popolazioni locali (almeno in parte) ma sinmette una seria ipoteca x il futuro. Ricordo le polemiche per l’alta velocita da bologna a firenze ma oggi in 40 minuti si va in treno e si evitano migliaia di auto in strada. Tutto ha un prezzo ma il progresso bon si ferma in nome di un po di demagogia e della speranza di guadagnare qualche voto

sgarbistefano

Mer, 15/08/2018 - 16:44

Caro Sallusti. Personalmente sono a favore delle grandi opere. Sono a favore della Tav, della Tap e di ogni altra infrastruttura che serva agli Italiani. Lei però scrive questi articoli strampalati, cercando di attribuire in qualche modo all'attuale governo la responsabilità di questo crollo, solo perchè il M5s a livello locale si era opposto ad un'opera che in ogni caso sarà completata solo nel 2025? Davvero pensa che i suoi lettori siano dei "poveri ottentotti". Crede che siamo ancora nei primi anni '90, quando i candidati locali di FI esponevano tutti quanti lo stesso identico cartellone, con il loro nome sotto la faccia di Berlusconi? Il Suo editore è così convinto di aumentare il consenso a FI, insultando l'intelligenza di chi legge IlGiornale?

sparviero51

Mer, 15/08/2018 - 16:47

PURTROPPO DOBBIAMO ACCONTENTARCI DI QUELLO CHE CI HANNO PROPINATO QUALCHE MILIONE DI CAZZARI ITALIANI IL 4 MARZO !

tuttoilmondo

Mer, 15/08/2018 - 22:43

A Roma c'è un ponte, Ponte Milvio, detto anche Ponte Mollo, che sta lì da 2000 anni, e col cavolo che cade. Le opere colossali e d'importanza logistica, commerciale, sociale non devono essere belle, fiche, futuriste, marziane. Devono essere come gli acquesdotti romani ancora in piedi in tutta Europa. La colpa del crollo di Genova è di chi lo ha progettato.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 16/08/2018 - 09:01

TUTTOILMONDO ma non è cosi, in realtà il ponte è stato costruito con il calcestruzzo e ferro . il problema è la durata di vita, nel caso del ponte , all'incirca 50 anni , che si allungano se si fanno opere di manutenzioni ma sono comunque di portata limitata. il limite principale della durata è scaduto circa 7-8 anni fa, poi gli interventi di manutenzione (se erano previsti) l'hanno portato fino all'estremo della sua resistenza, cioè a quest'anno! infatti gli altri piloni del viadotto sono ancora in piedi.....perciò prima di fare illogici paragoni (ponte milvio e perchè no anche il ponte dell'aniene?) sono stati progettati con materiali diversi, il calcestruzzo 2000 anni fa non esisteva :-) cervello: un po di cervello. e sale in zucca :-)

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Gio, 16/08/2018 - 09:06

Articolo vergognoso che cerca di mescolare, truffaldinamente, lo stato attuale con le opere da realizzare. Se la Benetton è piena di soldi, lo dice Lei, perché non ha fatto la giusta manutenzione?. Cosa centra il crollo del ponte con quanto si dovrà fare in futuro?. Mi vuol spiegare perché, se la variante al ponte era, come era, necessaria non è stata fatta dai precedenti governi, siano essi tecnici, di centro dx o di centro sin.? Perché cerano proteste di piazza?. Governare significa prendere decisioni o dare ascolto alle proteste di piazza, condotte poi dai soliti centri sociali, da fancazzisti in servizio permanente attivo e via discorrendo?.

tuttoilmondo

Gio, 16/08/2018 - 09:25

mortimermouse Gio, 16/08/2018 - 09:01 --- Non sia offensivo (stupidamente). Il problema è tutto nei tiranti. Ci sono ponti simili molto più vecchi che sono sicuri perché costruiti con il cervello, che, come dice Lei, e dice bene, a volte manca. Però... chi non lo ha non lo sa.

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 16/08/2018 - 09:45

Purtroppo gli errori e l’ esperienza insegnano a vivere o così dovrebbe essere. La Catto – Sinistra è inappellabile non solo perché sugli errori ci hanno sguazzato ma l’ obbiettivo principe era fare dei soldi, conti alla mano lo dimostrano la gestione degli immigrati con la loro accoglienza e poi tutto il resto. Per il 5 Stelle vorrei spezzare una lancia, se hanno delle colpe sono solo sulle loro dichiarazioni fatte di parole e di inesperienza. I danni non li hanno certo procurato loro. Anzi si apprezza la voglia e l’ entusiasmo di partecipare a cambiare l’ Italia. Mettiamo i punti sulle i ! I colpevoli sono altri chi ha sgovernato l’ Italia per decine di anni e le 40 vittime sono solo gli agnelli sacrificali di questo ignobile comportamento. Speriamo che il loro sacrificio non sia stato vano e possa far capire a tanti i loro errori.

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 16/08/2018 - 09:48

...Non serve fare tanto per fare i ponti e le strade fatte dal Bomba insegnano ma quello che si decide farlo bene.

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 16/08/2018 - 10:00

Il progetto dei ponti al calce-..struzzo era ed è una offesa alla fisica, alla chimica e alla ingegneria. Le reazioni pidiote sono una ulteriore prova della inadeguatezza della classe dirigente italiota !

Ritratto di gian td5

gian td5

Gio, 16/08/2018 - 10:03

Caro Direttore, ha giustamente messo il dito sulla piaga, lo dimostrano gli scomposti commenti dei grullini che tanto mi ricordano quel detto toscano che tradotto suona circa così: sono come quelli che te la fecero sull'uscio e poi la rivollero indietro.

Xplr

Gio, 16/08/2018 - 10:17

Perfettamente d'accordo, i personaggi mandati al governo saranno responsabili di problemi e danni a causa della loro anti progressività di bandiera. Peccato che, comunque coraggioso, l'articolo viene scritto adesso poco dopo questa tragedia. Inevitabili, sono i commenti di molti ottusi, che presi dall'odio verso i loro nemici primari, non capiscono la portata dei concetti espressi in questo articolo.

Newswan

Gio, 16/08/2018 - 10:28

Inutile illudersi, ormai abbiamo la diarrea rossa del '68 al Governo. Spero che Salvini la smetta di fare da traino e ricostruisca un centro-destra vero e forte, senza camaleonti e dilettanti. Appoggiare Casaleggio adesso vuol dire osteggiare imprenditori e investimenti.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 16/08/2018 - 11:09

Poco elegante usare la tragedia del ponte crollato per attaccare il governo, insinuando la tesi che se si fotte fatta la gronda il ponte non sarebbe crollato. Una tesi ardita al limite del ridicolo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 16/08/2018 - 11:11

La "favola del ponte che crolla " era riferito all'impalcato, cioè a porzioni della sede stradale , nessuno aveva mai detto o si fa la gronda o crolla il ponte, e comunque la colpa non è certo di questo governo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 16/08/2018 - 11:13

Direttore, sostenere che la colpa del crollo è colpa del M5s perché era contro la gronda è una cosa che da Lei non mi aspettavo, non la definisco infame solo per il rispetto che le porto ma per favore si prenda una vacanza con pausa di riflessione perché questa furia ceca di attacco al governo nuoce gravemente alla sua credibilità.

gfwin

Gio, 16/08/2018 - 12:19

Del tutto condivisiobile quanto scritto nell'Editoriale. Politicamente ance questa tragedia aiuta a capire che il centro-destra che si è presentato alle lezioni non c'è più. E che Forza Italia deve riprendere il largo per contro proprio, quanto prima.

gabbato

Gio, 16/08/2018 - 12:22

Sono completamente d'accordo col contenuto dell'articolo del direttore Sallusti. I M5S sono venditori di fumo tossico, lo si è semore saputo. Mi permetterei aggiungere come siano in buona misura tali anche i leghisti (che innanzitutto ci devono ridare i quasi 50 milioni di euro dei contribuenti italiani che pare abbiano, appunto, mandato in fumo).

Ritratto di Turzo

Turzo

Gio, 16/08/2018 - 12:31

Direttore, da quando FI ha veramente tradito il CDX inciuciando con Renzi e PD, da quando la Lega con i 5s (che spesso non mi sono simpatici) incominciano a mettere veramente mano agli sfaceli fatti in tutti questi anni, è diventato il chihuahua di Berlusca e ad ogni pezzo che scrive un bel biscottino. Stessa fine ha fatto pure R4, epurata da giornalisti seri e di chiara collocazione di CDX. Se andassimo al voto FI avrebbe lo zero virgola, fatevene una ragione!

forzanoi

Gio, 16/08/2018 - 12:35

Mi ripeto e concordo con tal Newswan , spero davvero che Salvini, da politico navigato e lungimirante, voglia capire che la sua attuale compagnia di governo, anche se per lui utile, prima o poi si rivelerà deleteria!

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 16/08/2018 - 13:27

--sallusti--lei sa meglio di me che gli unici che non c'entrano una cippa sono proprio i gialli---che fino a qualche tempo fa non esistevano neppure--tutti noi sappiamo come si fanno le privatizzazioni in italy---prezzi di regalo agli imprenditori amici del quartierino---situazioni in pratica di monopolio senza che si sviluppi concorrenza--organi di controllo che si girano dall'altra parte quando vedono che le società private fanno utili da capogiro ma le risorse che dedicano alla manutenzione si assottigliano di anno in anno--e se credete che i grossi imprenditori che partecipano a queste cuccagne siano filo sinistri o filodestri vi sbagliate di grosso--è l'essere amico di tutti che fa la differenza--i benetton hanno pagato le campagne eletorali sia dei partiti di destra sia dei partiti di sinistra--anche la lega che oggi sbraita ha preso il suo obolo--di maio ha ragione quando dice che gli unici a non aver preso soldi dai benetton sono i grillini--swag

Valvo Vittorio

Gio, 16/08/2018 - 14:06

Il primo colossale errore (poiché di essi si parla) è stato l'insediamento industriale in Liguria: un territorio fragile e ristretto perché a nord ci sono le montagne e a sud il mare con le conseguenze che su esso s'è costruito l'aeroporto e all'interno della città strade a scorrimento veloce e autostrade! Una cultura nazionale del territorio da parte dei vecchi e defunti democristiani, non c'è stata! Lo stesso si dica, dove governavano i comunisti "doc". Non parliamo della Campania e Calabria, dove l'autostrada del sole fu costruita con delle strettoie pericolose! Siamo stati governati da cattocomunisti insipienti, arroganti e pericolosi per gli inermi cittadini. L'ultimo, in ordine di tempo, il comico sgradevole Grillo che con i grillini continuano imperterriti a causare Danni!

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 16/08/2018 - 15:02

Sarebbe interessante rileggere cosa scriveva il Giornale, e gli altri organi di stampa, nel periodo delle privatizzazioni, dello smantellamento dell’Iri, fatto a pezzi e regalato agli “amici” per 4 soldi (comprese Autostrade ai Benetton). Quelle privatizzazioni furono proposte come la migliore soluzione per salvare l’Italia e rilanciare l’economia, garantendo la riduzione dei costi ed il miglioramento della qualità dei servizi. Quella scellerata operazione, un’autentica truffa culturale, ideologica e politica di cui stiamo ancora pagando le gravissime conseguenze, (l’inizio della vera decadenza economica dell’Italia), ha nomi e cognomi. Qualcuno se lo ricorda?

Giorgio1952

Gio, 16/08/2018 - 15:07

Sallusti mi spieghi come si fa da una tragedia così dolorosa, scrivere un articolo politicamente scorretto? “questo Paese è in perenne ostaggio di minoranze demagogiche e stupide che si sono messe di traverso ai già scarsi tentativi di modernizzare tutte le reti di comunicazione via terra. Per decenni lo è stato della sinistra ambientalista, oggi lo è del grillismo che, purtroppo con l'aiuto di un pezzo importante del centrodestra quale è la Lega, sta cercando di fermare i grandi e innovativi progetti già avviati per il trasporto sicuro e veloce delle merci e dell'energia”. Premesso che sono per il progresso e la modernizzazione del paese, la sinistra ambientalista erano quattro “verdi” sfigati e oggi il “grillismo” serve a sparare contro la lega che ha “tradito” il suo datore di lavoro.

Libero 38

Gio, 16/08/2018 - 15:35

Egr. Direttore a cosa serve illudersi.Questa e' e sara' l'italia.Come negli altri disastri causati da terremoti,ponti costruiti non di cemento ma da cartoni,treni che escono fuori binario per mancanza controllo dei binari, anche questo disastro alla fine finira'come gli altri disastri a tarallucci e vino.Sembra che il crollo del ponte in genova sia il toccasana per distrarre gli italiani sul flop non solo dell'attuale governo ma anche da quelli cattokomunista.La prima cosa che la giustzia italiana(ammesso che ci sia) dovebbe mettere in galera non solo i responsabili di chi ha causato il disastro ma anche chi ha concesso il permesso edilizio per costruire appartamenti sotto il ponte.

flgio

Gio, 16/08/2018 - 15:48

Sappiamo anche chi sono quelle persone che hanno scritto e firmato quella dizione "in ogni caso" in merito al pagamento di una penale a favore del concessionario in caso di revoca della concessione? E' forse come dire se sbaglio io pago io e se sbagli tu pago sempre io ? Non ci vuole un avvocato per capire che in ogni caso il motivo del crollo sarà ininfluente nella lite a prescindere, se la lingua italiana ha ancora un senso. Si faccia una domanda prima di parlare di ricattatori, Lei al governo dalla parte dello Stato lo avrebbe firmato?

Luca 78

Gio, 16/08/2018 - 16:21

Concordo, certo che Silvio non aiuta

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Gio, 16/08/2018 - 18:22

Per Benetton si possono ipotizzare tangenti? Pagamenti sottobanco in qualunque forma al partito di governo concessionario? Lo si domanda ingenuamente, visti gli enormi profitti che la società in oggetto ricava dalla gestione del monopolio: quasi il 26 per cento sul fatturato l’utile netto, pari a 1,042 miliardi. E' un margine operativo lordo che fa dire al giornalista economico Fabio Dragoni la seguente battuta: “Un EBITDA di quasi il 68% sul fatturato come quello di Autostrade credo possa essere superato soltanto dal traffico di stupefacenti”!

forzanoi

Gio, 16/08/2018 - 18:28

abbiamo assistito ad una conferenza stampa governativa dopo la tragedia che è stata soltanto folklore e mera propaganda politico-elettorale! Un governo non si lascia prendere dall'ansia di dare in pasto al popolo un colpevole! Prima ci occupa dei morti, delle loro famiglie e degli sfollati. Poi si crea subitouna commissione ad hoc, e poi si tirano le somme senza scavalcare l'operosità della magistratura ! Hanno dimostrato al mondo intero tutta la loro incompetenza politica. Salvini, da politico navigato,ha parlato il giorno dopo!

Korintos

Gio, 16/08/2018 - 18:54

Eccellente Direttore, eccellente. Cominciamo con il dire che in Italia un Ministro che dice sciocchezze dovrebbe essere, ipso iure, rimosso dall'incarico ed interdetto da future attribuzioni di cariche. Un Ministro delle infrastrutture che di infrastrutture ne sa meno di "zero" che giudica e condanna l'universo mondo senza conoscere ragioni e responsabilità che una indagine seria deve individuare ed agire nei confronti dei responsabili, Poi Toninelli dirà: "ma io è da poco che sono al governo" gli si può dire ed è anche troppo, per quello che hai detto, non certo per quello che hai fatto, praticamente nulla oltre che parlare. E comunque non sapevo che l'Italia fosse un paese oltre che di santi, artisti e navigatori anche di ingegneri. Quanti ingegneri sono usciti, come le lumache dopo la pioggia.

Dordolio

Gio, 16/08/2018 - 19:17

@Giano: ricordo perfettamente tutto. Da un lato - è vero - c'erano inefficienze mostruose statali e un contesto politico che ne impediva la risoluzione. Ma il rimedio fu una svendita agli amici degli amici che interpretarono il "meno Stato più mercato" berlusconiano come il trionfo dell'abbuffata. Se non rammento male poi gli attori principali di questo osceno spezzatino furono De Benedetti, Prodi, altri nomi grossi dell'imprenditoria e... Berlusconi stesso. La filosofia liberale che animava il tutto era sua. Così si sono svenduti i gioielli di famiglia e le perle sono state date ai porci. La cultura dello Stato fu completamente persa. Riemerge un decisionismo dei governanti attuali che tutti apprezziamo. Ma la cultura di cui sopra non si può improvvisare.

Anonimo (non verificato)

nopolcorrect

Gio, 16/08/2018 - 21:59

"I ponti non sono dei monumenti eterni". Per carità eterni no, ma il ponte di Brooklin o il Golden Gate di San Francisco da quanto sono in piedi? E non voglio citare i tanti ponti degli antichi Romani....

peter46

Gio, 16/08/2018 - 22:31

Direttore..."Quel ponte è crollato non perchè mancano i soldi,ma perchè questo paese è in perenne ostaggio di minoranze demagogiche e stupide che si son messe di traverso...." ma che sta a dire,38 morti ancora caldi e 600.000 potenziali cadaveri ambulanti essendo tutta Genova passata sopra e sotto,ai lati del Polcevera,che quel ponte attraversava...non perchè mancano i soldi,certo,ma perchè sto ca...volo di paese è caduto in mano ad affaristi, intrallazzatori d'ogni tipo,e che si sono 'creati' perfino la politica di sostegno per i loro 'intrallazzi' e le leggi financo, per non 'pagare' se 'beccati' da qualche 'zecca rossa o nera' uscita dal 'seminato' tracciato...ah! sono i gialli la minoranza demagogica e stupida?Certo,ma solo perchè 'rincorrevano' a 'mani nude'tutto st'intrallazzo minimo 50ennale.Certo che c'erano i soldi,solo che stavano attaccati alle tasche del concessionario e soci invece di essere destinati alla 'revisione' di tutte le infrastrutture a lui concesse.

Ritratto di cuginifabio

cuginifabio

Gio, 16/08/2018 - 23:05

LE FALSITA' DI QUESTO ARTICOLO SONO EVIDENTI DA SUBITO, DUE VERIFICHE CON IL MOUSE E CI SI RENDE CONTO CHE I 5 STELLE CONTRO IL PONTE O LA GRONDA NON SONO ALTRO CHE PERSONE COMUNI CHE SCRIVONO SUL BLOG. CREDO CHE CERCARE DI INFORMARSI TRAMITE QUESTO SUO GIORNALE ORMAI E' UNO SFORZO INUTILE, L'UNICO BENEFICIO E' FORTIFICARE I DUBBI DI CHI VUOL LASCIARE IL CDX PER ASSOCIASI ALLA LEGA O CHI NEL DUBBIO INVECE DI SCEGLIERE CSX VOTA 5 STELLE, NON VI RENDETE CONTO CARO DIRETTORE MA I MAGGIORI SPONSOR DEI 5 STELLE E LEGA SIETE PROPRIO VOI STATE PORTANDO UN NUMERO INCREDIBILE DI VOTI E DI CONSEGUENZA SVUOTANDO IL VOSTRO DI SERBATOIO , CONTINUATE DI QUESTO PASSO E DOPO LE EUROPEE MOLTI FARANNO LA FINE DELL' UNITA' QUESTO GLIELO GARANTISCO.BUONA DISINFORMAZIONE

Anonimo (non verificato)

Adespota

Ven, 17/08/2018 - 00:10

Caro Direttore, temo che prima di scrivere questo editoriale Lei abbia dimenticato cio' che predicano sempre le mamme ai propri figli (con pochi capelli) nel perido del sol leone : " metti il cappellino che altrimenti ti prendi un'insolazione..."

WebCop

Ven, 17/08/2018 - 01:54

Sallusti in caduta libera da tempo, ha abdicato all'onestà intellettuale. C'era una volta Il Giornale.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 17/08/2018 - 09:43

direttore mi spiace, ma nel suo editoriale non vi è una "menzione" al PD E A DELRIO!! e questo puzza e parecchio, alle privatizzazioni porcata dei Prodi Dalema...purtroppo state dando l'impressione di essere della stessa minestra dei vostri ex "nemici"

no_balls

Ven, 17/08/2018 - 10:41

a proposito di sciacallaggio.... qui il 15/8 sallusti gia sa chi e' stato...... M5s e toninelli.... ovviamente. Ancora non era arrivata la velina di berlusca con ordine di lasciare perdere..... che era meglio. Il puzzo e il tanfo e' cosi forte che non si puo' piu' far finta che non ci sia..... i problemi dell'italia sono due. Collusione politica-affaristi e collusione giornalismo-politica-affaristi.

hall9000

Ven, 17/08/2018 - 10:46

Il sospetto è che chi aveva la responsabilità della struttura non fosse neanche in grado di capire la pericolosità del manufatto.

Raffaello13

Ven, 17/08/2018 - 15:12

Intervengo, in parte d'accordo con l'articolo, sulla base del disgusto per tanta ignoranza dei politici che hanno parlato. Sulla mia modesta esperienza di Ingegneria, mi sono fatto l'idea che il ponte è ceduto per rottura di uno degli stralli, che ha generato la caduta e distruzione anche della campata sospesa, nonche di una torre di sostegno.Evidente, ma quasi inevitabile, senza la sostituzione degli stralli stessi, cosa difficilissima da attuare, impossibile in un breve periodo, perchè il tratto crollato doveva PRIMA essere tutto ancorato e sostenuto da opere provvisorie da progettare e costruire molto accuratamente, per scaricare l'enome sforzo sugli stralli in lavorazione. Quindi FALSO che si sarebbe potuto risolvere in una Manutenzione ordinaria e veloce. Ci sarebbero voluti molti mesi. Il sostegno provvisorio avrebbe richiesto uno studio molto delicato. Se non si è provveduto in anni addietro, la colpa principale è lì. Come operare un malato aspettando che sia terminale.

Raffaello13

Ven, 17/08/2018 - 15:21

Quanti incompetenti parlano di come si sarebbe potuto evitare la tragedia, in un quattro e qattr'otto. Si vedrà che per rifare l'attuale occorreranno almeno TRE anni! Primo bisogna fare un progetto di massima del nuovo ponte (senza STRALLI!). Poi calcolare i carichi sui terreni attuali. Rimuovere le torri esistenti e controllare se geologicamente (con sondaggi sotto le pile) i terreni NON sprofondano. Fare il Progetto Definitivo (senza il parere dei Politici, sennò si finisce nel 2050) e poi tutta la documentazione delle opere. Indire la Gara di Appalto. Aggiudicata la quale si comincia a porre la PRIMA PIETRA! Tre anni, almeno, ogni getto di calcestruzzo deve riposare almeno 28 gg prima di metterci il piano successivo sopra...quello lì è alto 60 piani...

Ritratto di euklid

euklid

Ven, 17/08/2018 - 15:41

Egregio direttore, sono un ex elettore di FI e non sono un grillino. Non sono contrario alle grandi opere, nel alla TAV, alla TAP o al nucleare per principio. Sono favorevole a tutte quelle opere che servono e sono necessarie a rendere migliore la qualità della vita degli essere umani. Ma dire che la colpa è di Grillo non solo non è vero ma è anche controproducente perché può essere facilmente smentito semplicemente notando che i M5S governano solo da un paio di mesi.