Sassari, ordigni della prima guerra mondiale nell'armadio della madre deceduta

Una donna ha trovato nell'appartamento disabitato dopo la morte della madre due pistole, alcuni proiettili e una granata di artiglieria di fabbricazione austriaca risalenti alla prima guerra mondiale

Mai avrebbe pensato di trovare alcuni ordigni della prima guerra mondiale nell'armadio della madre deceduta da tempo. È accaduto in una palazzina in pieno centro a Sassari, in Sardegna.
Oltre all'abitazione della madre defunta, una donna ha avuto un'eredità alquanto insolta. In un cestino di vimini nell'armadio ha, infatti, trovato due pistole, alcuni proiettili e una granata di artiglieria di fabbricazione austriaca risalenti alla prima guerra mondiale.

La donna non ci ha pensato due volte e ha subito chiamato la polizia intervenuta sul posto. L'ordigno, del diametro di 37 millimetri e di circa 15 centimetri di lunghezza, era ben custodito nell'armadio insieme a proiettili e pistole. Nell'abitazione viveva la madre dell'attuale proprietaria. Ma dopo il suo decesso, era rimasta disabitata.

Oltre agli agenti di polizia sono intervenuti sul posto anche gli artificieri del 5° Reggimento Genio Guastatori della Brigata "Sassari" di stanza a Macomer (un Comune in provincia di Nuoro) per le operazioni di bonifica dell'ordigno che una volta recuperato è stato trasportato altrove e fatto brillare. Per gli specialisti di Macomer è il quarto intervento del genere dall'inizio dell'anno.