Scafista tradito da selfie: fermato dopo sbarco

Mohamed Ginechi, 22 anni, è accusato di favoreggiamento dellʼimmigrazione clandestina

È stato il selfie scattato a bordo del gommone carico di migranti e con ancora in mano un telefono satellitare a incastrare Mohamed Ginechi, 22 anni. L'uomo è stato arrestato, insieme ad altri due presunti complici - Mamodou Bah, 21 anni, e Arona Sy, 25 anni - con l'accusa di favoreggiamento all’immigrazione clandestina in relazione allo sbarco di 121 migranti avvenuto ieri al porto di Catania.

I tre sarebbero gli scafisti del gommone soccorso nel Canale di Sicilia dalla nave "Dattilo" della Guardia Costiera. I fermi sono stati effettuati da Polizia, Guardia di Finanza di Catania e Capitaneria di Porto su disposizione della procura di Catania.