Scala disertata dai politici: schiaffo a Milano

Nemmeno ci fosse ancora la peste. Anche il presidente del Senato Pietro Grasso, a poche ore dall'alzarsi del sipario, annuncia che ha altri impegni e non potrà essere a Milano. Più che l'Andrea Chénier di Umberto Giordano, questa sera per la Prima di sant'Ambrogio si sarebbe dovuta mettere in scena una bella Cenerentola di Gioachino Rossini. Perché questa è la considerazione di cui ormai gode la Scala nei Palazzi di Roma, quella che pur tra i cumuli delle immondizie e l'incapacità di far funzionare i tram, continua a considerarsi la capitale d'Italia. E a trattare dunque gli altri come provincia dell'impero. Non si spiega altrimenti l'ennesima umiliazione inflitta alla città leader di un territorio che produce una bella fetta del Pil nel Paese, gran parte della cultura e guida i giovani verso il futuro, potendosi considerare l'unica in grado di mantenere il passo delle altre grandi capitali mondiali. E così questa sera la cronaca di quello che (nonostante Roma) continua a essere per l'Italia (almeno nel mondo) il maggior evento culturale dell'anno, dovrà partire dall'elenco degli assenti. Perché tradizione voleva che nel palco reale ci fossero alternativamente il presidente della Repubblica o il primo ministro. E oggi non ci saranno né Sergio Mattarella, né Paolo Gentiloni. Un rattoppo poteva sembrare la seconda carica della Stato, quel Grasso che ha aspettato l'ultimo momento per tirare il pacco. Lontana da Milano anche la presidente della Camera Laura Boldrini, numero tre nel protocollo istituzionale, a rappresentare lo Stato ci sarà un sottosegretario. Per la verità pure un po' azzoppato, perché si tratta di quella Maria Elena Boschi che ha evidentemente trovato qualche ora libera nel groviglio dei suoi guai tra il disinvolto papà e i bilanci in rosso Banca Etruria. A farle da valletti i ministri Dario Franceschini, Pier Carlo Padoan e Claudio De Vincenti (una buona occasione per scoprire che in Italia esiste anche un ministro per la Coesione territoriale). Di che cosa poi si occupi, magari lo si cercherà di capire in un'altra occasione, ma per questa sera anche per lui ci sarà una poltrona che per i comuni mortali costa la bellezza di tremila euro. Perché sarà pur Cenerentola, ma Milano costa sempre cara. E ora sarà magari anche il caso di riflettere perché se Roma, dopo averle fatto appena perdere l'Agenzia europea del farmaco, la prende ancora una volta a pesci in faccia, di qualcuno sarà pur la colpa. Di certo dell'arroganza dei Palazzi della politica con vista sul Tevere, ma forse anche dei vertici della Scala che dovrebbero cominciare a battere il pugno per avere più peso. Il sovrintendente, ma anche Giuseppe Sala che oltre che da sindaco, non ci ha fatto una bella figura nemmeno come presidente della Fondazione. Ruoli nei quali Letizia Moratti aveva mostrato ben altro piglio, vincendo l'Expo per Milano e affollando il palco reale a sant'Ambrogio con presidenti, re, regine e sceicchi. In arrivo da ogni angolo del mondo, quella volta anche da Roma.

Commenti

baronemanfredri...

Gio, 07/12/2017 - 08:39

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO NON E' SCHIAFFO A MILANO E' SCHIAFFO A SALA ALLA SINISTRA E AI RADICAL CHIC CHE LO HANNO VOTATO. IO SONO MILANESE DI ADOZIONE, E SONO ORGOGLIOSO DI NON AVERLO VOTATO.

Ritratto di pedralb

pedralb

Gio, 07/12/2017 - 08:52

Comincio a pensare che qualcuno di questi PORCI abbia tramato per non far assegnare l'EMA a Milano.

arkangel72

Gio, 07/12/2017 - 08:56

al posto dei politicanti e di mummiarella metterei tanti pinocchi!!!

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Gio, 07/12/2017 - 09:01

Sarà... A me sembra che l'assenza di Grasso, Boldrini, Gentiloni e compari, possa solo aumentare il fascino di Milano. E questa distanza culturale da Roma andrebbe anzichenò sostenuta e alimentata. E non per istinto secessionista, ma per istinto di sopravvivenza.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 07/12/2017 - 09:05

Beh questo è un buon inizio e non si può dare torto,dopo gli stiracchiamenti della costituzione del napoletano siamo arrivati al capolinea.

Ritratto di Leon2015

Leon2015

Gio, 07/12/2017 - 09:05

C.V.S. ulteriore riprova di come sono incompetenti e controproducenti in tutti i campi. Solo su uno riescono....

mariod6

Gio, 07/12/2017 - 09:07

Evidentemente i kompagni komunisti, anche per andare a casa di un altro kompagno vogliono essere pagati. Poichè la Lombardia non si è piegata al volere del Partito Unico, si fanno negare e mandano la più chiacchierata delle mezze figure; la Boschi. D'altronde il governicchio italiano viaggia a sottosegretari, li hanno usati per l'Agenzia del farmaco a Bruxelles ed ora li usano per la Prima alla Scala. Sala può sempre riempire la sala di migranti, naturalmente gratuitamente.

sdicesare

Gio, 07/12/2017 - 09:10

Ma quale schiaffo a Milano, questi hanno una paura fottuta, compreso il Presidente della Repubblica, di essere presi a uova marce, dopo i disastri istituzionali e di governo degli ultimi anni. Hanno fatto diventare questo paese lo zerbino d'europa, Milano l'ha pagata cara, avendo perso l'agenzia del farmaco, qualche miliarduccio in meno di introiti. Sono ormai al fuggi fuggi, come ha fatto alfano dopo aver fatto il lavoro sporco per il Pd, ben sapendo che dopo le prossime elezioni politiche cambierà la musica ed il direttore di orchestra.

Ritratto di capcap

capcap

Gio, 07/12/2017 - 09:20

non è uno schiaffo, è una VITTORIA FINALMENTE SI RESPIRA ARIA PULITA E NON MARCIA CAPCAP

mork

Gio, 07/12/2017 - 09:20

ma quale schiaffo !!!meglio così

Ritratto di capcap

capcap

Gio, 07/12/2017 - 09:22

MIRACOLO A MILANO!

cgf

Gio, 07/12/2017 - 09:28

Speriamo non succeda nulla questa sera altrimenti sarà dura da spiegare come mai abbiano rinunciato per 'altri impegni'.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Gio, 07/12/2017 - 09:33

Finalmente dalla Politica una buona notizia ; alleluia !

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 07/12/2017 - 09:42

Che tragedia! Quest'anno non assisteremo alla consueta passerella di vip i quali, agghindati e messi a lustro con tanto di smoking e gioielli, colgono l'occasione per mettersi un po' in mostra. Per gli appassionati del gossip consigliamo una full immersion a base de "Il grande fratello VIP".

Vairone

Gio, 07/12/2017 - 09:58

meglio

umberto nordio

Gio, 07/12/2017 - 10:01

Meglio così,si respirerà meglio.

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 07/12/2017 - 10:02

Milano ringrazia i politici che non sono venuti, l’aria era meno puzzolente

lividanddisgusted

Gio, 07/12/2017 - 10:20

SCHIAFFO A MILANO?????? SIAMO FELICI CHE QUESTI GUITTI TERRONI SE NE STIANO LONTANI!!!! DOPO CHE HANNO DISTRUTTO LA NOSTRA ECONOMIA A COLPI DI TASSAZIONI FOLLI PER MANTENERE I MAFIOSI ROMANI, AFFOSSATO MALPENSA, SABOTATO L'ADF A MILANO, SVUOTATO LA SEDE RAI MILANESE, CREDONO DI AFFONDARE LA SCALA NON PRESENTANDOSI?? CI FATE SOLO UN FAVORE A NON APPARIRE, SIAMO NOI CHE NON VI VOGLIAMO!!! E COME ULTIMO SCHIAFFO IN FACCIA MANDANO LA BOSCHI A RAPPRESENTARE IL GOVERNO? AD ASPETTARLA CI SONO TUTTE LE UOVA MARCE CHE AVEVAMO PREPARATO PER GLI ALTRI!!!

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 07/12/2017 - 10:28

Premesso che è uno schiaffo dei pdioti al sindaco al salah,perlomeno si risparmia su cibarie e bevande costose che sarebbero state "strafocate",dai suddetti nel foyer e dintorni!!

Reip

Gio, 07/12/2017 - 10:40

Tale città tale sindaco! Complimenti a chi lo ha eletto! Sala è uno sindaco, icapace, strafottente, incompetente e per giunta dichiaratamente comunista. Milano è diventata, anche grazie a lui, uno schifo di città invivibile e pericolosa. Certe zone di milano pullulano di sporchi neri e maghrebini che delinquono spacciano liberamente di giorno come di notte! Campi rom e zingari fetenti sono accampati un po’ dovunque. Rapine e scippi, violenze e accoltellamenti sono all’ordine del giorno, basta leggersi i giornali... Milano come tutte le grandi città d’Italia non è mai stata una città sicura, e non lo sarà mai. Troppo esteso il territorio, troppa gente, troppi emigrati, mancanza di lavoro, troppi poveri e tanta fame ed enormi differenze sociali ed economiche. Tuttavia prima con Pisapia e adesso con Sala la situazione a Milano è precipitata! La città versa da anni in condizioni penose, la gente ha paura, ed alcune zone anche del centro sono diventate veramente pericolose.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 07/12/2017 - 10:42

senti come starnazzano i patani finti lombardi ! non sarà che i politici non sono venuti per che milano è diventata una città a maggioranza afro/asia/mussulmana ?

accanove

Gio, 07/12/2017 - 10:52

se la fanno sotto, temono il confronto diretto con la gente. Sicuramente L'ARIA CHE SI RESPIRAVA in teatro era meno ammorbata del loro fetore, direi che la gente ci ha guadagnato.

Ritratto di duliano

duliano

Gio, 07/12/2017 - 11:13

Più che "schiaffo a Milano" direi che cominciano ad avere paura di farsi vedere in giro!!! Stanno cominciando a capire (in ritardo data la loro presunzione) che la gente è incazzata e basta poco perché lo schiaffo a Milano si trasformi nello schiaffo in faccia al politico!!

giovanni951

Gio, 07/12/2017 - 12:30

ma va...Milano è più pulita senza politici. Stiano pure a roma.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 07/12/2017 - 12:48

Da un lato è positivo non vedere sta marmaglia a Milano, però denota l'arroganza di un palazzo romano che drena denaro e sputa in faccia a tutti. La compagine rossa, sboldra, grasso, gentilone, la evitano come la peste sotto elezioni visto che devono raccattare voti dalla feccia rossa rabbiosa.

Ritratto di rebecca

rebecca

Gio, 07/12/2017 - 13:32

impresentabili per sostituire i plurimpresentabili, ecco come è ridotta l'itaglia!!!

il corsaro nero

Gio, 07/12/2017 - 13:36

@Dreamer_66: se l'invidia fosse febbre...

baronemanfredri...

Gio, 07/12/2017 - 14:11

LIVIDANDI........ VEDI CHE I CD TERRONI HANNO FATTO GRANDE QUESTA CITTA'. TI ASSICURO CHE TUTTI I CD TERRONI, SONO ANCH' IO DELLA SICILIA PRECISAMENTE DELLA COSTA ORIENTALE DELLA SICILIA, E TI POSSO DIRE CHE ABBIAMO FATTO GRANDE LA CITTA'. MIA SORELLA E' STATA NOMINATA CAVALIERE DELLA REPUBBLICA A SOLI 29 ANNI, CAPITO? CI SONO TERRONI CHE FANNO SCHIFO, MA VERAMENTE SCHIFO SONO IL PRIMO A DIRLO E SOTTOSCRIVERLO. I GRANDI TERRONI SONO VENUTI DOPO LA GUERRA E SONO DIVENTATI AVVOCATI, MEDICI, INGEGNERI E PROFESSIONISTI. NON HANNO MAI MESSO 'U PUTRUSINU (PREZZEMOLO) ACCIA (SEDANO) 'U BACILICO (BASILICO) NELLE VASCHE. GIUSTO TERRONI SONO MATTARELLA ALF ANO GRASSO E BOLDRINI HANNO ROVINATO L'ITALIA

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 07/12/2017 - 14:35

Tutto sommato, chi se ne frega!!! Importante ci sia invece la Pitonessa ex Sallusti. Ci aspettiamo una grande mise.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 07/12/2017 - 14:58

Il "politically correct" non è più "trendy".

lavieenrose

Gio, 07/12/2017 - 14:59

ma per favore, anche voi commentatori non insultate il grande patrimonio dell'umanità che è la Scala. Chi se ne frega se non ci sono, anzi alleluja, così ci si potrà concentrare meglio sulla musica che è l'anima della Scala

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 07/12/2017 - 15:01

La boschi ormai relegata al ruolo di "bella statuina", visto che non se la fila più nessuno, nemmeno gli elettori toscani ....

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 07/12/2017 - 15:01

baronemanfredi, lascia perdere i patani non capiranno mai, non ci arrivano. li annicchilisco io ! a milano non c'è nessun milanese, l'ultimo si è estinto 30 anni or sono , tutti gli altri sono paesani che si spacciano per patani, per che hanno vergogna delle loro origini; peggio per loro ! p-s.forse non sai che gli artisti che hanno scritto, messo in scena e recitato l'andrea chénier sono tutti stranieri, tranne l'autore dell'opera umberto giordano, foggiano, la regia di mario martone,napoletano, luci pasquale mari napoletano,coreografie daniela schiavone, figlia di un napoletano , tutti gli altri dal tenore al maestro di musica sono stranieri, di patano c'è solo qualche comparsa.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 07/12/2017 - 15:06

il corsaro nero: Si trattasse di una reunion dei Police potrei dire che non mi dispiacerebbe affatto assistervi ma... l'opera non è cosa per me (e lo dico senza andarne fiero). Allo stesso modo la quasi totalità di coloro che assisteranno alla Prima della Scala non è in grado di distinguere Mascagni da Apicella e, immagino, trascorreranno l'intera durata dell'evento tra uno sbadiglio mal dissimulato ed una sbirciata allo smartphone. Se ritieni la loro posizione invidiabile è affar tuo, ma lo stesso non vale per me.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/12/2017 - 15:20

Non è che li hanno avvertiti di un probabile attentato?

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 07/12/2017 - 15:33

lavienrose, la scala è patrimonio dei patani non dell'umanità !

giovanni951

Gio, 07/12/2017 - 16:42

ah ho capito....non vanno alla Scala perchè sabato devono andare a Como a menarla contro i biechi fascisti anti-risorse ecc ecc........povera italia.