Scattone rinuncia alla cattedra: "Mi si toglie il diritto al lavoro"

Condannato per l'assassinio di Russo, grazie a un regalino della Cassazione gli viene assegnata la cattedra di Psicologia alle superiori. Il passo indietro dopo le polemiche

La riforma renziana della #buonascuola gli ha permesso di entrare in ruolo come insegnante di "Psicologia e tecnica delle comunicazione" all'Istituto professionale Luigi Einaudi di Roma. Ma Giovanni Scattone, già ricercatore universitario alla Sapienza con diverse pubblicazioni all'attivo, non ha retto le polemiche sull'opportunità di far sedere un omicida dietro a una cattedra. "Se la coscienza mi dice di poter insegnare - annuncia all'Ansa - la mancanza di serenità di induce a rinunciare all’incarico".

Nella fedina penale di Scattone c'è una condanna a cinque anni e quattro mesi (scontati tra carcere, domiciliari e servizi sociali) per l'omicidio di Marta Russo, studentessa della Sapienza morta nel '97 dopo essere stata colpita alla testa da un proiettile partito da una finestra della facoltà di Giurisprudenza dove Scattone lavorava insieme a Salvatore Antonio Ferraro, anche lui condannato. "È legittimo - aveva tuonato la madre della ragazza, Aureliana Russo - che Scattone si rifaccia una vita e guadagni ma dovrebbe cercare un altro lavoro. Non riesco ad immaginare che con quello che ha fatto possa insegnare a dei ragazzi". In realtà, dopo aver scontato la pena, Scattone ha "solo" goduto di un regali dalla Cassazione che non ha voluto applicare la pena accessoria di interdizione all'insegnamento. Così, dopo essersi iscritto a un concorso pubblico e averlo vinto, ha ottenuto la cattedra in un liceo romano.

I parenti di Marta Russo, le famiglie degli studenti e persino i futuri colleghi si sono uniti in un coro di proteste che hanno portato Scattone a fare un passo indietro. "Con grande dolore ed amarezza - dice - ho preso atto delle polemiche che hanno accompagnato la mia stabilizzazione nella scuola con conseguente insegnamento nell’oramai imminente anno scolastico. Il dolore e l’amarezza risiedono nel constatare che, di fatto, mi si vuole impedire di avere una vita da cittadino 'normale'". "La mia innocenza, sempre gridata - aggiunge - è pari al rispetto nei confronti del dolore della famiglia Russo. Ho rispettato, pur non condividendola, la sentenza di condanna. Quella stessa sentenza mi consentiva, tuttavia, di insegnare. Ed allora sarebbe stato da Paese civile rispettare la sentenza nella sua interezza". Quindi, Scattone confida di aver sempre creduto che per essere un buon insegnante si deve, in primis essere persona serena. "Oggi, in ragione di queste polemiche, non ho più la serenità che mi ha contraddistinto nei dieci anni di insegnamento quale supplente: anni caratterizzati da una mia grande soddisfazione anche e soprattutto legata al costruttivo rapporto instauratosi con alunni e genitori". Da qui la scelta di rinunciare all’incarico, anche "per rispetto degli alunni che mi sono stati affidati". Quindi conclude con un attacco frontale alle istituzioni: "Questo Paese mi toglie anche il fondamentale diritto al lavoro. Dopo la tragedia che mi ha colpito, solo la speranza mi ha dato la forza di andare avanti. Anche oggi - conclude - vivrò con la speranza che un giorno la parte sana di questo Paese, che pure c’è ed è nei miei tanti ex alunni che in questi giorni mi sono stati vicini e nella gente comune che mi ha manifestato tanta solidarietà, possa divenire maggioranza".

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 10/09/2015 - 14:03

E' il minimo che potesse fare.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Gio, 10/09/2015 - 14:04

probabilmente tutta la vicenda sarebbe una storia normale se ambientata tra le tende dell'esercito di Gengis Khan. Io resto basito e mi chiedo come sia possibile che un omicida di una giovane ragazza innocente possa andarsene in giro tranquillamente invece di essere murato vivo a Badu e Carros.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 10/09/2015 - 14:06

Forse sarebbero bastate due parole di scusa per essere considerato normale a meno che lui giudichi normale quello che ha fatto.!

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Gio, 10/09/2015 - 14:06

No, no, non il diritto al lavoro, ma l'opportunità di insegnare. Vai pure a zappare la terra, e lì vedrai che nessuno avrà nulla da dire...

i-taglianibravagente

Gio, 10/09/2015 - 14:08

Se finisce cosi (ma dubito) il sig. scattone ha guadagnato 1 punto (non di piu')....e se aspettavamo un azione dello lo stato e quei 4 nani da girdino che ci ritroviamo al comando potevamo morire (anche noi). Continuo a non poter credere che questo tizio abbia preso 5 anni e 4 mesi (soprassediamo sul resto) e quel PI..A e' riuscito a farsene dare 13 (ridotti a 9)...ma perche' stupirsi....direi che e' TUTTO IN LINEA CON TUTTO IL RESTO.

epc

Gio, 10/09/2015 - 14:08

Per quello che conta, ha tutta la mia solidarietà.

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 10/09/2015 - 14:13

Rinunciando alla cattedra ha fatto la cosa giusta, complimenti. Ma adesso non pianga miseria dicendo che gli si toglie il lavoro, con tutti i disoccupati che non meritano di esserlo. Può fare altro e nessuno avrà da ridire, ma non insegnare. E' il minimo, dopo quello che ha combinato.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 10/09/2015 - 14:15

Povero cucciolo di mamma...scrofa. Dovresti passare la vita in galera dove tutti gli assassini come te dovrebbero marcire sino alla morte,senza un giorno di aria ne una visita di una persona cara.I parenti delle vittime parlano ad una tomba silente e questo avresti dovuto fare davanti ad un muro sino alla morte,in galera.E si lamenta,gli è stato negato il riscatto.Questo assassino lo faranno diventare "onorevole" .La giustizia non è cosa da innocenti.

ammazzalupi

Gio, 10/09/2015 - 14:18

Ad un OMICIDA che ha TOLTO la vita ad una persona non bisognerebbe togliere il "diritto al lavoro". Bisognerebbe togliergli la vita! Alla stessa maniera e allo stesso modo con cui LUI l'ha tolta agli altri. INFAME!

ggt

Gio, 10/09/2015 - 14:20

Si dà il caso che costui abbia tolto il diritto alla vita di una ragazza, che aveva evidentemente molte più ragioni di lui a restare in questo mondo. Per quanto mi riguarda Scattone dovrebbe essere giustiziato con iniezione letale, altro che diritto al lavoro!!!

ex d.c.

Gio, 10/09/2015 - 14:22

Ha sbagliato a rinunciare.

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Gio, 10/09/2015 - 14:22

scattone (volutamente minuscolo) e lei cos'ha fatto?? Ha solamente RUBATO alla Signorina Marta Russo il diritto di vivere - Per quanto mi riguarda la pena, x chi uccide VOLONTARIAMENTE dovrebbe essere, come minimo, il "fine pena MAI"

Effe48

Gio, 10/09/2015 - 14:22

Questo qua ci viene a dire: "Questo Paese mi toglie anche il fondamentale diritto al lavoro"... Risposta: SI', tu hai solamente tolto ad altri IL DIRITTO ALLA VITA! Amen

ziobeppe1951

Gio, 10/09/2015 - 14:23

Bravo 7+

ammazzalupi

Gio, 10/09/2015 - 14:23

La Cassazione fa un regalino? Ma... è la STESSA cassazione che, senza nemmeno leggere il ricorso, convalidando il giudizio d'appello che aveva considerato un pezzo di carta straccia senza firme alla stregua di un contratto, mi ha rubato la casa frutto di una vita di lavoro? Potesse venire il cancro a tutti i suoi componenti. Dal primo fino all'ultimo! Compresi figli e nipoti. Fino alla settantasettesima generazione!!!

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 10/09/2015 - 14:25

Il lavoro è vita. Senza vita, però, non c'è lavoro. Il signor Scattone, prima di considerarsi una vittima, farebbe bene a pensare a Marta Russo, morta per gioco e che per uno stupido gioco messo in atto da due menti addormentate non potrà mai più né vivere, né lavorare o amare. Per il resto, voglio credere che Fra' Cristoforo non sia solo un personaggio manzoniano ma un evento che, seppur raramente, possa accadere.

nessundorma1

Gio, 10/09/2015 - 14:26

questo può succedere solo in Italia. in un altro stato questo qui si prendeva l'ergastolo. E poi innocente de che? se veramente lo fosse stato avrebbe detto la verità, ovvero avrebbe confessato chi era il killer di Marta visto che in quell'aula erano solo tre e non tremila.

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Gio, 10/09/2015 - 14:29

ma che si trovi un lavoro dove non bisogna avere un profilo morale ineccepibile, ce ne sono tanti: dallo spazzino al manager. Sto sxxxxxo vuole per forza fare l'insegnante, con quello che ha fatto, anche se ha pagato il suo debito con la giustizia, non ha niente da insegnare alla gente

moshe

Gio, 10/09/2015 - 14:39

Avrebbero dovuto togliergli il diritto alla vita!

Ritratto di Valance

Valance

Gio, 10/09/2015 - 14:39

Quelli che concedono le seconde opportunità agli assassini hanno le mani sporche di sangue.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Gio, 10/09/2015 - 14:46

A lui viene tolto il diritto al lavoro, ma lui alla povera Marta Russo ha tolto il diritto di vivere.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 10/09/2015 - 14:46

SIETE GOVERNATI DA LADRI, IMBROGLIONI ED INCAPACI, NON RIUSCITE A RINCHIUDERE IN CARCERE I LADRI MENTRE I TERRORISTI ROSSI E GLI ASSASSINI DIVENTANO PROFESSORI, MA UN POCO DI DIGNITA', ETICA E MORALE NE AVETE ? OPPURE SIETE PEGGIO DEI BARBARI ? VERGOGNATEVI TUTTI POTETE CAMBIARE LE COSE E NON LO FATE, RIPETO VERGOGNA !!

i-taglianibravagente

Gio, 10/09/2015 - 14:48

E comunque se comincia a parlare cosi "MI TOLGONO IL DIRITTO AL LAVORO"...puzza d'idea di ricorsi, risarcimenti e italianate varie...

i-taglianibravagente

Gio, 10/09/2015 - 14:49

a raccogliere i pomodori....quelli ROSSI.

Alfaber63

Gio, 10/09/2015 - 14:56

Ma dove eravate quando , dal 2011 ha lavorato nella scuola in funzione di supplente? Parlate oggi perchè entra in ruolo grazie alla normativa sulla ... (sic) "buona scuola"? Spieghiamoci: per criticare una legge e la persona di cui porta il nome (critica a cui mi associo) linciate una persona che - sempre professatasi innocente e se avevate seguito il processo mi auguro che qualche dubbio lo abbiate avuto anche voi - ha pagato il proprio debito con la giustizia e che non ha alcuna pena accessoria di interdizione all'insegnamento perchè condannato per un reato (omicidio colposo) che non la prevede?

Ritratto di vomitino

vomitino

Gio, 10/09/2015 - 14:59

".....mi si vuole impedire di avere una vita normale"......be tu hai impedito a Marta di avere una vita! dovrebbe succedere anche a te!

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Gio, 10/09/2015 - 15:00

Che il super prefetto del premier nomini subito Francesco u napolita', quello della 'sapienza'.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Gio, 10/09/2015 - 15:07

CHE FACCIA IL KILLER...

Marcolux

Gio, 10/09/2015 - 15:18

Sei un ASSASSINO, l'unico diritto che avresti è quello di marcire in galera!

Rossana Rossi

Gio, 10/09/2015 - 15:28

Meno male. Dimostra quasi si avere più buon senso lui che non i giudici che gliela hanno assegnata.........in quanto al diritto al lavoro non glielo nega nessuno, c'è tanto posto nelle cave di marmo.........

Boxster65

Gio, 10/09/2015 - 15:36

Fossi stato nei genitori di Marta Russo caro signor Scattone, Lei avrebbe perduto il diritto alla vita da anni...

rokko

Gio, 10/09/2015 - 15:37

Secondo me non ha tutti i torti. Tecnicamente, quando uno ha terminato di scontare la pena, non dovrebbe essere discriminato nella vita civile. Poi, si può discutere se le pene che vengono comminate oggigiorno per un omicidio siano adeguate o no.

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Gio, 10/09/2015 - 15:38

Presto il Chiatti fara' il pediatra. Ora c'e' un esercito di sapienti pagati da noi per 'sorvegliarlo' h24.

Royfree

Gio, 10/09/2015 - 15:41

Perchè rimuoverlo? Del resto, la scelta di dargli la cattedra è perfettamente in linea con le decisioni di questo Stato di letame colmo di idioti, ladri e collusi. Gli assassini di Novi Ligure della madre e del piccolo fratello di 11 anni sono usciti dal carcere dopo appena 12 anni. La Franzoni ne ha fatto appena 6 per l'uccisione del figlio di 3 anni. Ce ne sono tanti altri senza contare il famoso Schettino, mentecatto ixxxxxxxe che ha affondato una nave di centinaia di milioni e responsabile della morte di 33 persone. Anzi, in questo Stato di letame questa gente va nei talk show rilascia interviste e scrive libri. E allora di che parliamo? Di che ci lamentiamo? Per ultimo cito il delitto di Meredith Kercher che nelle motivazioni della Cassazioni senza mezze parole dichiara che gli inquirenti che hanno svolto le indagini sono degli incapaci ixxxxxxxi. Questa è l'Italia, in galera ci va solo il focomelico sempre che sia stato filmato per la certezza del crimine.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 10/09/2015 - 15:42

@Alfaber63- Eccone un altro che, se le scartoffie sono a posto, va tutto bene, tutto è accettabile. Quanto alla supplenza di questo tipo, cosa vuole da noi? Che ci dedichiamo costantemente a seguire le vicende di Scattone? A lei non interessa la questione morale, ma solo ricercare col lumicino i risvolti politici dell'attuale vicenda.

paolonardi

Gio, 10/09/2015 - 15:47

Chi condanna dolosamente a morte una persona dovrebbe, in una societa' civile scontare almeno l'ergastolo, ma nella patria di chi, erroneamente, sostenne che la pena non e' un deterrente, la difesa della societa' passa in secon'ordine rispetto al falso mito della riabilitazione del reo per cui in assassino dopo pochi anni e' in liberta'.

m.nanni

Gio, 10/09/2015 - 15:51

la condanna è per omicidio colposo. chiarisco che la questione è comunque molto grave, perchè il pensiero va alla vittima, ma poi anche alla condanna di origine colposa, secondo i giudici. se tuttavia volevamo morto anche scattone potevano fucilarlo in carcere o condannarlo a fine pena MAI anche colposamente. però il posto non gliel'hanno dato ma l'ha vinto in un pubblico concorso. e allora la questione va affrontata con maggiore parsimonia di giudizio!

apostata

Gio, 10/09/2015 - 15:53

Scattone, con Ferraro, per chi seguì quei fatti è protagonista di una delle vicende più dolorose, è uno degli uomini che più ha sofferto e soffre per accuse che ben si qualificarono nell’interrogatorio illuminante dell’Alletto e nei ricordi subliminali della fragile Lipari. Il suo caso è per certi aspetti più doloroso di quello Tortora perché alla fine, al presentatore, venne riconosciuta l’innocenza e restituito l’onore. A chi volesse approfondire, consiglierei, tra l’altro, di leggere i fatti oggettivi riportati con scrupolo in wikipedia.

Giorgio5819

Gio, 10/09/2015 - 15:54

Lui e chi lo ha "graziato" hanno tolto qualcos'altro di più importante a una persona e alla sua famiglia, proprio sicuro che sia il caso di avanzare pretese? Faccia come il cu.o il signore, come chi rimette in libertà un omicida, per di più spocchioso.

MEFEL68

Gio, 10/09/2015 - 15:59

Scattone, cosa dovrebbe dire Marta Russo alla quale hai tolto il diritto alla vita?

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 10/09/2015 - 16:15

E' uno schifo! Scattone aveva diritto al suo lavoro, è stato condannato innocente. Danno il Parlamento a deputati terroristi o mafiosi, assegnano l'onore d'avere intitolata una stanza in Parlamento a un chiaro mancato assassino e tolgono il lavoro a un disgraziato innocente di quello che gli hanno voluto scaricare sopra. Cosa dovrebbe fare adesso Scattone, andare a rapinare?

lorelei95

Gio, 10/09/2015 - 16:24

complimenti per la scelta !

giovanni951

Gio, 10/09/2015 - 16:28

insomma...andare a scuola e trovarsi un assassino in cattedra non é il massimo.

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 10/09/2015 - 16:42

SE NON SBAGLIO TU HAI TOLTO IL DIRITTO DI VIVERE A UNA PERSONA

BALDONIUS

Gio, 10/09/2015 - 16:46

Resto allibito. La condanna è stata per omicidio COLPOSO (come quella di Grillo a cui però nessuno dice niente). La pena è stata scontata. Il reo è stato emendato e si deve reinserire nella società a norma di Costituzione. HA FATTO MALISSIMO ! E' passata la prepotenza di grida più forte e lo Stato di Diritto ha abdicato. Dopo tutto leggendo molti commenti si capisce bene che la massa ritiene che i diritti inviolabili siano soltanto i loro e si raggruppa in un gregge informe di codardi che tenta di ruggire. POPOL BOIA .... lo stesso di piazzale Loreto.

BALDONIUS

Gio, 10/09/2015 - 16:48

E SOPRATTUTTO A QUESTO PUNTO NON SI PARLI PIU' DI REINSIREMENTO DEGLI EX DETENUTI. O VALE SOLO PER GLI EX TERRORISTI ?

fedeverità

Gio, 10/09/2015 - 16:49

Tu, ti sei dato il DIRITTO DI UCCIDERE!! Stai muto!!!

BALDONIUS

Gio, 10/09/2015 - 16:53

HA VINTO UN CONCORSO ! (contrariamente a tanti miracolati ignoranti che si ritrovano in ruolo con solo supplenze nel curriculum). E nel bando non si vietata l'accesso ai condannati che avevano scontato per intero la pena.

mimmo41

Gio, 10/09/2015 - 16:54

Una volta , se sinceramente pentiti, ci si ritirava in convento e non si rompevano le palle al prossimo. Adesso che non solo i conventi,ma anche la religione e' in disuso grazie alle cavolate di Bergoglio che la adatta di volta in volta , anche gli assassini potranno fare i chierichetti. Forza scattone! un lavoro da perpetua o prima o poi lo trovi.

lento

Gio, 10/09/2015 - 16:57

A Scattone per essere riabilitato,conviene,o cambiare cognome e nazione o dire pubblicamente: Io Sono comunista.

Efesto

Gio, 10/09/2015 - 16:57

Il reato di Scattone è colposo, quindi non intenzionale ma derivato da condotta illegittima e pericolosa. Impedirgli di vivere appare come una vendetta che non si attaglia al concetto del diritto. Scattone non ha rilevato comportamenti delinquenziali abituali per cui le misure di interdizione assomigliano più a provvedimenti da "taglione" che a riflessi di civiltà. Chi resta basito o sorpreso se ne faccia una ragione con la propria coscienza.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Gio, 10/09/2015 - 16:59

GLI HANNO TOLTO PURE UN SACCO D'ANNI DI GALERA, SE È SOLO PER QUESTO. ALLA SUA VITTIMA È STATA TOLTA LA VITA, MA CHI SE NE FREGA!

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Gio, 10/09/2015 - 17:01

IO AMMAZZO QUALCUNO, VADO IN GALERA, ESCO CON UN CONSISTENTE SCONTO DI PENA, HO PAGATO IL MIO DEBITO CON LA SOCIETÀ E TUTTO È DI NUOVO A POSTO! DIMENTICAVO... SONO DI SINISTRA. E LA VITTIMA? DETTAGLI...

entropy

Gio, 10/09/2015 - 17:05

E' da dire che su quel processo non ci metterei una mano sul fuoco.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 10/09/2015 - 17:08

Povero assassino. Ha dimenticato che lui ha tolto il diritto di vivere a Marta Russo.

nordcorea

Gio, 10/09/2015 - 17:20

FETUSO!!!!!!!!

DeZena

Gio, 10/09/2015 - 17:22

d' accordo con bingo bongo gli e' andata bene che siamo in un paese di m....con dei giudici marionetti e una legge che fa schifo. Chi da una seconda occasione ad un assassino e' peggio di lui

Accademico

Gio, 10/09/2015 - 17:35

Signor Scattone, io non La conosco. So quello che ha fatto. Mi ascolti: si lasci almeno... dimenticare, faccia uno sforzo. Una decisione di questo tipo potrebbe aiutarLa anche nella definizione del Suo conto con l'Altissimo. Non Le dico di più.

squalotigre

Gio, 10/09/2015 - 17:49

stock47- sono perfettamente d'accordo con lei. Scattone è stato condannato per omicidio colposo e se ricordo bene l'accusa faceva acqua da tutte le parti. Ma l'opinione pubblica voleva il suo pezzo di carne ed i soliti inquirenti gliela hanno fornita nelle vesti di Scattone. Ma ammettiamo che sia stato veramente colpevole. Ha scontato la sua pena interamente. Ha partecipato ad u7n concorso pubblico vincendolo al contrario di tutte le persone che sono entrate in ruolo senza sapere neanche cosa sia un concorso. Ha avuto il difetto di essere un ragazzo preparato nella sua materia, di non avere tentato di uccidere un carabiniere durante una manifestazione, di non essere un ex appartenente a Lotta continua o alle BR ( avrebbe avuto un posto in parlamento o almeno un posto di consulente ministeriale)Per favore riflettete prima di dire idiozie. lasciatele ai soliti gerico e simili.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Gio, 10/09/2015 - 17:57

Efesto: quindi quelli che devono sentirsi in colpa stando a quanto Lei scrive, sono quelli che "restano basiti e sorpresi". Infatti, io sono rimasto basito e sorpreso ma solo dal Suo commento. Anche chi si mette alla guida ubriaco o drogato, commette omicidio colposo. Però, prima, erano sobri o non fatti o entrambe le cose. Capisce cosa intendo? Stia bene.Dalton Russell.

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 10/09/2015 - 18:03

BALDONIUS VEDE CHE ANCHE GLI EX TERRORISTI ASSASSINI STAVANO PER DARE LA CATTEDRA ALL'UNIVERSITA' E POI HANNO ABBANDONATO PARLO DEI TERRORISTI DI SINISTRA. SE VOGLIONO LAVORARE CI SONO TANTI MESTIERI DOVE NON HANNO CONTATTO CON STUDENTI. AGRICOLTURA ARTIGIANATO COMMERCIO LIBERA PROFESSIONE. LIBERA PROFESSIONE? LE RICORDO CHE UN LAUREATO E' STATO ALLONTANATO DALLO STUDIO DOVE LAVORAVE PERCHE' I CLIENTI NON VOLEVANO UN CONSULENTE COME QUELLO. NON FACCIO NOME MA CI SIAMO CAPITI. RINSERIMENTO E' PREVISTO DALL'ORDINAMENTO PREPOSTO MA OGNUNO E' LIBERO DI PROTESTARE VERO? CERTO IN ITALIA NON SI PUO' PIU' PARLARE DI CERTI ARGOMENTI ABBIAMO IL BAVAGLIO MA QUESTO ANCORA NO!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 10/09/2015 - 18:13

Scattone è stato condannato dalla magistratura italiana e dice di essere innocente. E questo conta. Quindi non vedo perché non debba lavorare come tutti gli altri visto che la sua pena l'ha scontata, se l'ha scontata. Oppure per il lavoro di alcuni esiste la pena di morte?

Ritratto di Alberto43

Anonimo (non verificato)

kug

Gio, 10/09/2015 - 18:30

nessuno toglie al signor Scattone il diritto al lavoro, per il delitto a cui e' stato condannato, non e' ammissibile che possa svolgere quel lavoro, non lo dice il buon senso e nemmeno la sua coscenza, ci sono altri lavori che potra' utilmente fare, lo psicologo in carcere, in un centro accoglienza, in una comunita' di recupero, ma l'insegnamento per cortesia lo lasci stare, e' un motivo di opportunita' non solo per gli studenti ma anche per lui.

VermeSantoro

Gio, 10/09/2015 - 18:40

Ma che C.... andiamo cercando da questo povero Cristo ? Lui ha scontato il suo debito, in un paese dove non c'è nulla che funziona ce la prendiamo con i deboli. Per me non doveva rinunciare, anzi se fa in tempo non rifiuti.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 10/09/2015 - 18:46

Ovvio, nella repubblica bidone un omicida reputa corretto gli venga assegnata una cattedra per insegnare. Capisco il suo sdegno,

FedericaBorsari

Gio, 10/09/2015 - 18:50

Bè, per una persona che ha negato il diritto alla vita a un'altra persona, che nulla aveva fatto per meritare vagamente una simile "punizione", direi che il diritto ad andarsene tranquillamente in giro sia più che sufficiente. Personalmente non lo assumerei nemmeno per pulire i cessi.

FABERT

Gio, 10/09/2015 - 19:04

da molti commenti devo desumere che sta nascendo una nuova schiera di bacchettoni proprio ora che quelli tradizionali stando scomparendo!

Cheyenne

Gio, 10/09/2015 - 19:05

Al solito noi italiani vogliamo un colpevole a tutti i costi non IL COLPEVOLE. Comunque Scattone è stato condannato per omicidio colposo non per omicidio volontario, al termine di un processo degno di beria. Che poi sia magari opportuno non fare l'insegnante questo è un altro discorso

davidinokb

Gio, 10/09/2015 - 19:26

ma per cortesia

Anonimo (non verificato)

magilla967

Gio, 10/09/2015 - 19:29

Per me dovevi farti 35 anni in galera, dal primo all'ultimo giorno

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 10/09/2015 - 19:32

@ Efesto-"Scattone non ha rilevato comportamenti delinquenziali abituali", lei dice, pertanto qualche comportamento deliquenziale 'una tantum' ce lo possiamo pure permettere, è consentito.

st.it

Gio, 10/09/2015 - 19:34

Hai visto mai ? 5 anni per un omicidio ?? ( !!!!!!!) allora cominciamo a puntualizzare : se ci sono prove sufficienti , a questo soggetto va dato l'ergastolo se così non è stato è solo perché non si va oltre una pesante ipotesi indiziaria , e non essendo l'unico caso di condannato nella P.A. risulta quanto mai strano che questo molli il posto così su 2 piedi , gli sarà stato proposto qualcos'altro magari un po' più defilato e di certo più redditizio .

semelor

Gio, 10/09/2015 - 20:28

Sembra che oggi la figura professionale più ricercata sia ex terrorista o l'aver frequentato le patrie galere. Si annoverano in posti prestigiosi Maurizio Azzollini, quello della foto con la pistola in mano 1977 a Milano uccise un poliziotto. Sergio D'Elia deputato 2006 2008 oggi avrà anche il vitalizio. Cinzia Baraldini, quella che siamo andati a prendere in America con l'aereo di stato, lavora per il comune di Roma iniziando a collaborare con la giunta Veltroni. Adriano Sofri scrive per Repubblica. Anche tutti gli altri ex tutti ben piazzati. È una grandissima mancanza di sensibilità verso i parenti delle vittime e altamente diseducativo per i giovani, evidentemente aver commesso dei reati costituisce un merito.

TheSchef

Gio, 10/09/2015 - 21:18

in galera, assassino

Silviovimangiatutti

Gio, 10/09/2015 - 21:49

L'Italia: un paese dove si predica la dottrina cristiana basata sul perdono ma che non si sa spesso come metterla in pratica.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 10/09/2015 - 23:44

E' vomitevole leggere certi articoli e certi commenti. Come si faccia a dimostrare solidarietà ad un assassino è minimo scandaloso. I difensori di questo delinquente impunito si devono vergognare e nascondere ed auguro loro d'avere una figlia che venga uccisa da un schifezza umana simile.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Gio, 10/09/2015 - 23:44

Brevi considerazioni di un garantista: 1 è stato condannato per omicidio COLPOSO con sentenza definitiva; 2 ha scontato la pena ed ha diritto di vivere la propria vita; 3 visto che il giudice che lo ha condannato non lo ha interdetto dall'insegnamento ha diritto di insegnare e la decisione sull'opportunità di insegnare o meno spetta al solo interessato; la cosa può essere impopolare ma è l'unica soluzione se non si crede nello stato di diritto e non nello stato dell'arbitrio. Fermo restando il rispetto per la vittima e per i suoi cari, mi permetto di aggiungere un invito alla prudenza a quanti formulano giudizi da tifosi invitandoli a rileggere quanto riportato su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Omicidio_di_Marta_Russo

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Gio, 10/09/2015 - 23:44

Brevi considerazioni di un garantista: 1 è stato condannato per omicidio COLPOSO con sentenza definitiva; 2 ha scontato la pena ed ha diritto di vivere la propria vita; 3 visto che il giudice che lo ha condannato non lo ha interdetto dall'insegnamento ha diritto di insegnare e la decisione sull'opportunità di insegnare o meno spetta al solo interessato; la cosa può essere impopolare ma è l'unica soluzione se non si crede nello stato di diritto e non nello stato dell'arbitrio. Fermo restando il rispetto per la vittima e per i suoi cari, mi permetto di aggiungere un invito alla prudenza a quanti formulano giudizi da tifosi invitandoli a rileggere quanto riportato su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Omicidio_di_Marta_Russo

MassimoR

Ven, 11/09/2015 - 00:57

pensa quanto hai tolto a qualcuno... chissenefrega dei tuoi diritti

ghepardo50

Ven, 11/09/2015 - 04:19

poveraccio, gli rimane però pur sempre la famosa licenza dell'agente 007

andreaflorida

Ven, 11/09/2015 - 07:57

A giudicare dal 99% dei commenti, ci meritiamo la parte cattiva della magistratura che abbiamo. Non un minimo dubbio sfiora le vs menti illuminate che il processo possa essere stato costruito a tavolino come tanti politici o personalità di primo piano denunciarono (uno per tutti Prodi, personaggio notoriamente molto cauto nell'esporsi) Soliti Italiani forcaioli a tavolino...prima tutti W il Duce, poi tutti a festeggiare in piazza Loreto !!

Ernestinho

Ven, 11/09/2015 - 08:16

Il problema sta a monte! Questo qui, in uno Stato serio qual'è non è l'Italia, avrebbe avuto l'ergastolo. Uno che ammazza, per una gara di "tiro a segno", una povera giovane che sta tranquillamente passeggiando in un viale dell'Università, dovrebbe stare in galera "tutta la vita". Altro che insegnare come se niente fosse! Neanche a pulire i cessi sarebbe degno!

Ernestinho

Ven, 11/09/2015 - 08:20

X "corsaro azzurro" ed altri commenti similari . Dio non voglia che una cosa del genere possa accadere ai tuoi conoscenti! Il tuo parere sarebbe diametralmente opposto! Altro che Stato di diritto!! Molto facile sindacare benevolmente sulle disgrazie altrui!

Ernestinho

Ven, 11/09/2015 - 10:40

X "Silviovimangiatutti" Ecco un'atro buonista alle spalle delle disgrazie altrui! VERGOGNA!!!!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 11/09/2015 - 11:49

@silviomangiatutti-Avete proprio stancato con questo perdonismo d'accatto. Il perdono attiene alla sfera privata, personale,non deve interferire con la dimensione pubblica dell'individuo.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Ven, 11/09/2015 - 13:51

Ringrazio Ernestinho per l'attenzione. Lei non mi conosce e non può sapere quale sia il mio atteggiamento di fronte ai fatti tragici della vita. Lei sa di me solo quello che scrivo: cioè che sono liberale e garantista. La prego, quindi, di astenersi da certi commenti. Chi avesse seguito il caso con una certa attenzione potrebbe nutrire legittimi dubbi su tutta la vicenda processuale. Il link di Wikipedia serviva per i distratti, gli ignari ed i troppo giovani, non sperava di far cambiare idea ai forcaioli. I quali, però, dovrebbero avere la coerenza di rispettare tutte le sentenze di una magistratura per la quale fanno il tifo da stadio. Oppure le uniche sentenze incontestabili sono quelle di interdizione dai pubblici uffici per un certo ex Presidente del Consiglio?

Silviovimangiatutti

Sab, 12/09/2015 - 11:02

@CORSARO AZZURRO - Parole sante, parole sante. I vari ERNESTIHNO E EUTERPE non capiscono che così facendo si avvelenano solo le loro esistenze, oltre a scrivere senza conoscere i fatti processuali nei dettagli.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 12/09/2015 - 11:56

@Silviomangiatutti- La mia esistenza non è affatto rovinata, piuttosto si preoccupi della sua,perché la melassa in cui nuota potrebbe causarle un preoccupante aumento del tasso glicemico. Per conoscere i fatti processuali nel dettaglio, che oltretutto non è compito nostro, dovremmo rivolgerci a lei?