È stato sciolto per mafia Brescello, paese di Peppone e di Don Camillo

La 'ndrangheta è radicata in Emilia. Deciso lo scioglimento del comune della Bassa reggiana

Teatro delle lotte tra la Chiesa e il Partito comunista, Brescello è tornata agli onori delle cronache per ragioni molto meno nobili della saga dei film che avevano per protagonista Don Camillo e il suo acerrimo rivale, ma in fondo, amico Peppone.

Il Comune della Bassa reggiana è stato infatti sciolto dal Consiglio dei ministri per infiltrazioni mafiose, primo paese emiliano a dover sottostare a questa decisione. Ora arriverà il commissariamento, ma nel frattempo sono già arrivate le dimissioni del sindaco Marcello Coffrini, del centrosinistra.

Cofferini era finito nei guai per avere parlato di Francesco Grande Aracri, condannato con sentenza definitiva per mafia, come di "una persona molto composta ed educata". "La mia prima reazione è di grande dispiacere anche se mi aspettavo questo esito perchè è da un pò che ho questo sentore", ha commentato dopo la decisione del governo.

"Bene ha fatto il Consiglio dei ministri", ha detto invece l'assessore regionale alla Legalità, Massimo Mezzetti. Dello stesso pare il Movimento Cinque Stelle e anche la Lega Nord, che commenta: "Lo scioglimento per mafia è una vittoria di Ln che da anni sta conducendo una battaglia per la legalità".

Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Mer, 20/04/2016 - 18:11

NEGLI ANNI '50, QUANDO C'E' LA PAZZA LEGGE DEL CONFINO C'E' STATO A BRESCELLO IL PRIMO INCONTRO TRA MAFIOSI. FONTE UN PROGRAMMA DELLA DI RAI 3

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 20/04/2016 - 18:14

Povero Peppone,aveva ragione Don Camillo sui comunistardi)purtroppo ce ne sono anche in vaticano)! ;-)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 20/04/2016 - 18:42

Peppone ha toppato! viva i "moralmente" superiori!

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Mer, 20/04/2016 - 19:15

Approvo il post FRANZJOSEFVONOS... l'aver mandato al confino i mafiosi ha dato come risultato la DIFFUSIONE CAPILLARE dei mafiosi anche al nord. Genialata della stesa portata della diffusione dei clandestini su tutto il territorio nazionale. Ne vedremo delle belle. E i pecoroni pensano che non andando a votare facciano dispetto a qualcuno, in realtà sono solo dei poveri TAFAZZI !!!

peter46

Mer, 20/04/2016 - 22:10

OraBasta (e FRANZ,che ha iniziato,se vuole anche lui 'ascoltare')...li hanno mandati al confino al 'Norde' perchè la dc,e company,pensava che eravate 'immuni' da contaggi ed 'iiin grado' di 'portarli' sulla 'retta via' proprio e soprattutto con l'esempio e l'impossibilità del vostro 'condizionamento' da parte loro.I 'fes......ot..' non avevano intuito che buona parte dei 'Norde' 'LI' aspettava proprio per farsi 'imparare':come avvenuto.NB:'pecoroni' sono sicuramente,a tuo parere,coloro che 'non vanno' a votare,ma più 'pecoroni,a mio parere s'intende,sono coloro che pensano che andando a votare 'cambieranno' qualcosa:mai prendere 'esempio' dagli 'esempi' finora 'provati',vero?

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 20/04/2016 - 22:24

Caro FRANZJOSEFVONOS18e11 Buona sera, sono anni che qui scrivo che la legge sul CONFINO dei Mafiosi,Camorristi,Ndranghettisti ecc è una delle PORCATE piu porcate che sia mai stata fatta in questo paese, ma a SINISTRA su questo TUTTO TACE!!! Saranno complici???? Saludos cordiales dal Nicaragua

killkoms

Mer, 20/04/2016 - 23:27

fine del mito del buongoverno rosso!

killkoms

Mer, 20/04/2016 - 23:31

corretto!anche la cosi detta "mafia del brenta" nacque quando piccoli delinquenti locali,andarono a "scuola" da mafiosi ivi presenti in confino!

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 21/04/2016 - 02:16

I moralmente onesti, i duri puri e casti hanno fatto un bel scivolone. Un gran tapiro d'oro. Lá,sulla riva sinistra del fiume, pascolano le capre in gran quantitá. Tanto loro negheranno, negheranno sempre, anche di fronte alla evidenza.

maurizio50

Gio, 21/04/2016 - 07:13

No! Vi siete sbagliati! I Compagni sono SEMPRE moralmente superiori! Anche negli intrallazzi con i mafiosi!!!!!!!