La "scuola di rapine" per ladri romeni che rubano in Italia

Scoperto un campo paramilitare nei boschi romeni dove i ragazzini degli orfanatrofi si addestrano a rubare: diversi i colpi nel nostro Paese

Una vera e propria educazione siberiana alla fiorentina. Così potrebbe essere sintetizzata l'operazione della squadra mobile di Firenze, che ha arrestato oggi quattro romeni indagati per la rapina della gioielleria Fani di via de Tornabuoni del dicembre 2013.

I quattro fermati dalla polizia avrebbero anche un legame con un gruppo paramilitare romeno che organizzerebbe veri e propri "campi di addestramento per rapinatori" nelle foreste dello Stato balcanico. Oltre trecento ragazzini provenienti dagli orfanatrofi romeni sarebbero così istruiti sul modo migliore per commettere le rapine: quattro mesi di esercitazione per imparare a cambiarsi in fretta d'abito, a scappare senza lasciare impronte, oltre naturalmente a una preparazione sull'uso delle armi e degli attrezzi da scasso. Per chi sgarra, scrive La Stampa, ci sono anche punizioni corporali.

La rete criminale però garantirebbe cinquemila euro per ogni colpo messo a segno e sarebbe in grado di assicurare un supporto economico alle famiglie di chi viene arrestato.

Ed evidentemente questa scuola fa proseliti con un discreto successo nel loro giro di attività. Gli otto della banda responsabile del colpo di via de Tornabuoni sarebbero indiziati anche per altre due rapine in via della Spiga a Milano e di un altro tentativo in un negozio di via del Parione a Firenze.

Commenti
Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 26/09/2016 - 15:48

ecco l'europa senza frontiere.

mstntn

Lun, 26/09/2016 - 16:09

Quindi? Colpa dei rumeni? O di chi ha ridotto questo Paese ad un letamaio (e di chi non vuole che cambi qualcosa?) Ovvio non pubblicare.

maurizio50

Lun, 26/09/2016 - 16:26

Una cosa è certa: la Romania i suoi farabutti ce li8 spediti tutti in Italia!!!!!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 26/09/2016 - 16:49

Ormai l'Italia è divenuta terra di razzie, di stupri, di invasione indiscriminata e di illegalità quotidiana e diffusa. GRAZIE PD E BUONISTI RADICAL-CHIC. Grazie di cuore. Dio vi maledica.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 26/09/2016 - 17:02

Non costano molto, per ora hanno la paga dell'apprendista. Comunque versano tutti i contributi per pagare le nostre pensioni e fanno un lavoro che gli italiani non vogliono più fare. Se lo dicono i comunisti sarà vero. Loro sostengono di dire sempre la verità.

gneo58

Lun, 26/09/2016 - 17:27

tutti frateli e sorele, zitti e mosca !

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 26/09/2016 - 17:36

Appena entrata nell'EU, nel giro di una anno ne sono arrivati un milione (grazie a Prodi che, contrariamente agli altri paesi europei, non ha voluto introdurre nessuna norma di salvaguardia che filtrasse e regolasse gli arrivi). Pensavate che dalla Romania sarebbero arrivati intellettuali, docenti universitari, artisti e scienziati? Pensate che dall'Africa stiano scappando i migliori? Stiamo riempiendo l'Italia con la feccia del mondo. Quando lo capiranno sarà troppo tardi. Anzi, è già tardi adesso.

FRANZJOSEFVONOS...

Lun, 26/09/2016 - 18:09

NON VI DIMENTICATE L'INTERVISTA DI MORTADELLA CHE HA DETTO IMPOSSIBILE MANDARE I RUMENI C'E' SCHENGEN. RIPETUTO ANCHE DAI CxxxxxxI CHE LO SEGUIVANO, COMPRESO UN MIO PARENTE PENTITO DI AVER VOTATO MORTADELLA. MI RICORDO LA RISATA SFOTTENTE. PER QUESTO VENGONO IN ITALIA, ANCHE PERCHE' LA MAGISTRATURA E LA POLITICA SINISTRA NON HANNO NULLA DA TEMERE. ANZI

Ritratto di lucaju

lucaju

Lun, 26/09/2016 - 19:30

...italiani queste sono le "risorse" che ci meritiamo....

greg

Lun, 26/09/2016 - 19:39

PREGO PUBBLICARE - Che i rumeni abbiano mentalità criminale lo si sa dai tempi della cortina di ferro, fu una conseguenza dell’indottrinamento mentale disumano voluto dal presidente Ceausescu e di sua moglie, che era una mitomane criminale. ma altrettanta colpa va alla giustizia italiana schierata a sinistra, per la quale più c'è caos delinquenziale, in Italia, e meglio stanno i magistrati rossi, per i quali un delinquente rumeno è sempre meglio di un onesto artigiano italiano.