Se i veri impresentabili sono gli inquisitori

Qualcuno dovrà chiedere scusa a Bertolaso. E garantirci dagli incontinenti e dagli inquisitori. Inizi dunque a pentirsi il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, che oggi chiama «impresentabile» chi è indagato, come è stato Bertolaso, e che potrà essere riconosciuto innocente. La Costituzione, ignorata dal De Raho, è chiarissima: «L'imputato non è considerato colpevole fino alla condanna definitiva». Il concetto di «impresentabile» è una grottesca invenzione, cui un magistrato corretto non può accomodarsi.

L'esempio di Bertolaso è illuminante: è bastato aspettare per accertarne la mai perduta innocenza. E mi chiedo come sia possibile che il De Raho non si allinei con la legge, la quale consente di candidarsi a tutti quelli che si sono candidati e che quindi sono, letteralmente, presentabili. E perché non inizi a chiedere scusa a quanti sono stati tenuti in galera con l'accusa di associazione mafiosa, essendo poi riconosciuti innocenti. Mi riferisco, per esempio, a Ciro Caravà, morto per il dolore e per la vergogna. Caravà era stato arrestato nel 2011 ed era stato assolto nel 2016 dopo un lungo periodo di detenzione. Prima era stato accusato di associazione mafiosa; poi, in appello, il reato era stato riqualificato in concorso esterno, prolungando il calvario. Infine la Cassazione ha annullato senza rinvio la sentenza di condanna. Poco dopo è morto, senza che nessuno gli abbia chiesto scusa.

Commenti
Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 10/02/2018 - 14:38

La giustizia italiana ha fondamenta infami e illiberali. Inoltre è gestita in maniera insulsa, inefficiente e ,non di rado, criminale.

Giuscali

Sab, 10/02/2018 - 14:41

Giusto! Grande Sgarbi! hai centrato il segno. E' proprio così. ma purtroppo ci tocca subire.

theInculetor

Sab, 10/02/2018 - 14:51

Sgarbi, non dimenticare mai che sei un pregiudicato !

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Sab, 10/02/2018 - 15:10

Caro Sgarbi, dallo stato di diritto siamo passati al diritto dei soviet. C'é un troglodita di sinistra che scrive in questi forum asserendo che i processi servono per dimostrare l'innocenza dell'imputato, dimenticando nel contempo, che l'imputato é sempre innocente sino a condanna definitiva. Lo dice la costituzione repubblicana, asseritamente ''la piú bella del mondo''. Il troglodita di cui sopra si dimentica che sono i giudici che devono dimostrare la colpevolezza a suon di prove e che l'onere delle prove spetta all'accusa. Se non vi sono prove non si inizia neppure il processo. Ovvero quello che avviene in qualsiasi stato moderno. Ma qui siamo in Italia la cui giustizia viaggia a pari passo con quella del Botswana. Bella soddisfazione, vero??? Per essere la ''patria del diritto'' una bella soddisfazione.

kallen1

Sab, 10/02/2018 - 15:20

Caro Vittorio, credo che non ci sia molto da sperare da questi magistrati...

Tiger58

Sab, 10/02/2018 - 16:40

Se a quei giudici o procuratori la facessero pagare in termini economici e se i loro nomi fossero resi pubblici, affinché, come giusto, chi sbaglia o non si dimostra all'altezza di un incarico di così grande responsabilità... tale da poter privare della libertà un essere umano... potesse essere additato per le sue colpe, forse quei giudici o procuratori si dimostrebbero più cauti nel prendere certe decisioni

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 10/02/2018 - 16:48

Il reato di Bertolaso era quello di essere dalla parte di Berlusconi e di essere capace di svolgere i suoi compiti con rapidità ed efficienza. Una capacità rara nei personaggi vicini alla politica, tale da costargli ben due processi, dai quali naturalmente è uscito assolto: per non aver commesso il fatto. Quindi un vero scandalo politico giudiziario, inizialmente esploso sui giornali e pompato, more solito, in funzione anti Silvio, poi passato sotto silenzio, quando stavano per "esplodere" le sue inevitabili assoluzioni. "Cose" del bel paese.

asalvadore@gmail.com

Sab, 10/02/2018 - 17:22

Stimato signor Sgarbi lei pecca di un orizzonte limitato, se ampñiasse in poco lasua vista incontrerebbe facilmente un'altro esemio di pseudocobanne emesse da cosidetti magistrati. Cosí l'accusa di inpresentabile emrssa da un se oscuro procuratore italiano trova la il sio trionfo nell'accusa di DESACATO,ossia mancanza di obbedenzia, inesistente nel codic epenale VENEZOLANO, emessa nientemeno CHE dala SalaCcostituzionale del Tribunale Supremo di quel infelice paese.Sembra che nel nostro paese ceghiamo di gareggiare ne esercizio dela inciviltá.

Ritratto di Cali85

Cali85

Sab, 10/02/2018 - 17:53

Egregio Sig. Sgarbi,non mi dica che pensa che ,a chi fa delle porcate come quella fatta a Bertolaso, importa qualcosa se dopo 8 anni, il capro epiatorio , viene riabilitato. Lo scopo,politico, è stato chiaramente raggiunto nel momento dello "sputtanamento" mondiale avvenuto a suo tempo. Lo hanno già fatto centinaia di volte !!!

Happy1937

Sab, 10/02/2018 - 18:11

Cafiero? Come si fa a mettere all’antimafia un tale con questo cognome?

sparviero51

Sab, 10/02/2018 - 19:19

SISTEMA SOVIETICO : CALUNNIARE E VEDRAI CHE NELLA MENTE DELLA GENTE QUALCOSA RESTA . GIUDICIUME DA DISCARICA !!!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Sab, 10/02/2018 - 20:09

In effetti, il concetto di impresentabile, vaghissimo e sconosciuto al diritto, è stato inventato a puri fini di polemica politica: ed ognuno lo applica ai suoi avversari, e solo a loro. Che un magistrato che occupa una carica di quella importanza lo faccia proprio è veramente preoccupante per chiunque ancora creda nella certezza della legge.

carlo196

Sab, 10/02/2018 - 20:34

Ma come sono stati considerati i massaggi fatti da una brasiliana al Salaria sport village al signor Bertolaso che a suo tempo sembravano ottenuti grazie al signor Diego Anemone?

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 10/02/2018 - 22:42

theInculetor Sab, 10/02/2018 - 14:51...Lei non dimentichi le pastiglie, zecca...Con un nick name del genere, immagino quanto tempo passa davanti allo specchio, insulso coprofago...E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 10/02/2018 - 22:46

carlo196 Sab, 10/02/2018 - 20:34...Nel caso fosse impedito nella lettura, le mando un disegnino? Magari lo fa vedere alla badante, e lei certamente lo capirá.E.A.

Ritratto di mario bonelli

mario bonelli

Dom, 11/02/2018 - 04:57

Diceva bene l'ultimo grande PdR "La Giustizia è il primo problema del Paese" Il primo, indispensabile passo per una riforma non è, come molti pensano, la separazione delle carriere, ma i criteri di elezione del CSM, che deve avvenire esclusivamente per estrazione a sorte tra gli aventi diritto, con probabile fine del cancro delle correnti in seno al CSM.

Ritratto di kardec

kardec

Dom, 11/02/2018 - 09:36

GIUSTO ! STRAGIUSTO ! SGARBI HA RAGIONE DA VENDERE ! DI QUESTI GIUDICI INCAPACI (SE NON VENDUTI) CHE NE VOGLIAMO FARE ?.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 11/02/2018 - 10:08

La giustizia in Italia Si trova al 156° posto su 181 Paesi nel Mondo quanto a efficienza secondo Doing Business (ma altri ricercatori sono su circa su quella linea). In Europa ci battiamo spessissimo e con successo per l'ultimo posto. La giustizia italiana è posizionata dopo Angola, Gabon, Guinea, São Tome e prima di Gibuti, Liberia, Sri Lanka, Trinidad. Non credo ci sia molto altro da aggiungere.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 11/02/2018 - 11:12

Si dice che in Italia di fascismi ve ne siano due: fascismo e antifascismo. Credo che lo stesso valga per la mafia. Ce ne sono due: mafia ed antimafia.

Ritratto di mauriziogiuntoli

Anonimo (non verificato)

moichiodi

Dom, 11/02/2018 - 11:34

Strano auspicio. Due casi di assoluzione? Ma si, imbarchiamo chi porta i voti dei mafiosi! E evidente che fino al terzo grado uno è innocente, ma la auto pulizia la Devon fare i partiti. Sgarbi, com'é al solito, gioca con le parole dove è indubbiamente bravo.

ugoper

Dom, 11/02/2018 - 14:47

@Marcello 508 la cosa paradossale è che gli stessi dati da lei correttamente riportati, compaiono anche sulla relazione presentata dal Presidente della Corte di Cassazione all'inaugurazione dell'anno giudiziario 2009 al capitolo intitolato: "Lo sconfortante confronto internazionale". Ho l'impressione che quella relazione sia passata del tutto inosservata.

Ritratto di dlux

dlux

Dom, 11/02/2018 - 15:30

Mah! Meravigliarsi di cosa? Del fatto che un magistrato di sinistra si possa concedere di tutto, perfino rovinare un uomo inducendolo al suicidio, senza provare una parvenza di rimorso? Purtroppo la nostra storia recente è costellata di fatti inquietanti che fanno pensare piuttosto ad un uso mafioso della giustizia, utilizzata come mezzo di intimidazione, piegata alle voluttà del satrapo di turno.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 13/02/2018 - 10:57

ugoper - 14:47 Tolga pure la parola "impressione".